Arancione Al Teatro Golden Debutto Da Applausi Per Fabrizio Colica

Arancione Al Teatro Golden Debutto Da Applausi Per Fabrizio Colica

Un cast di attori brillanti per la nuova commedia scritta da Fabrizio Colica: con Arancione al Teatro Golden si ride e si riflette

stampa articolo Scarica pdf

Ha debuttato “Arancione” il primo spettacolo scritto da Fabrizio Colica in scena fino a domenica 3 marzo a Roma, al Teatro Golden. Con lui in scena un cast di attori brillanti: Leonardo Bocci, Patrizia Loreti, Paola Michelini e Mauro Conte. La regia è dello stesso autore, con l’aiuto di Riccardo Sinibaldi. A giudicare dagli applausi scroscianti e il tono delle risate, il debutto è stato da lode: si ride per un’ora e mezza, ma c’è modo di riflettere e ritrovarsi nei dialoghi e nelle vicissitudini dei protagonisti.

La trama ruota attorno a Fabrizio, che invita a cena il fratello Daniele (Leonardo Bocci) e l’ex fidanzata Simona (Paola Michelini) per presentargli il suo attuale fidanzato Aron (Mauro Conte). Sin dall’inizio, però, le aspettative sono disattese: la cena in realtà non c’è e già questo dettaglio destabilizza i primi due invitati a suon di battute, gag e fraintendimenti che vi faranno vivere scene di vita quotidiana. Siamo nella casa di Fabrizio, ma potremmo essere ciascuno a casa propria, grazie alle caratteristiche famigliari e all’umorismo coinvolgente. Se la cena si fa attendere, l’incontro con Aron avviene, ma non senza sorprese: gli ospiti in casa aumentano, così come gli equivoci e i colpi di scena.

Gli spunti di riflessione si fanno più profondi, scavano nei rapporti umani, senza mai dimenticare però l’ ironia e il sarcasmo. “Arancione” ci permette di riflettere su quello che siamo e sull’immagine che gli altri hanno di noi, sul “personaggio” che abbiamo interpretato nella nostra vita per quieto vivere o per senso di responsabilità e su ciò che non dovremmo aver paura di essere, di diventare fino ad amare.

Mai un tentennamento da parte degli attori: battute incalzanti, ritmo veloce, qualche momento più lento che permette allo spettatore di riflettere per una commedia perfettamente equilibrata. Azzeccatissima la scelta musicale: dall’ultima canzone presentata a Sanremo dai Ricchi e Poveri, alle citazioni dei testi di Tiziano Ferro. Un’ora e mezza di spettacolo vero, moderno, leggero e mai banale: al Teatro Golden di Roma fino a domenica 3 marzo e in questo caso con aspettative altissime rispettate.

Enrica Di Carlo 

© Riproduzione riservata