Fiorentina Lazio 2 1 La Viola Gioca, Domina E Vince

Fiorentina Lazio 2 1 La Viola Gioca, Domina E Vince

Crollo Lazio al Franchi: in vantaggio al termine del primo tempo, si fa rimontare da una Fiorentina perfetta e determinata

stampa articolo Scarica pdf

 

Lo scontro diretto per l’Europa è Viola: pessimo primo tempo della Lazio che chiude comunque in vantaggio grazie a Luis Alberto e ad una serie di pali che congelano il risultato. Nella ripresa la Fiorentina non molla e ottiene i tre punti che la rilanciano in classifica. Nei biancocelesti si rivede Zaccagni, Luis Alberto si conferma in un buon momento, ma sono pochissime le note positive al termine di una partita dominata totalmente dall’undici di Vincenzo Italiano.

La partita - Partita decisamente meglio la Fiorentina nel primo tempo: due pali in meno di 25 minuti certificano che avrebbe meritato il vantaggio contro una Lazio schiacciata nella propria metà campo. Dopo appena due minuti sono già tre gli angoli in rapida successione calciati dalla Fiorentina a sottolineare un avvio brillante. Al 18^ il primo palo: respinta miracolosa di Provedel, palla sul palo, ci prova Bonaventura, ma Casale salva tutto. Al 23^ un altro palo, questa volta centrato da Belotti, ancora brava la difesa biancoceleste a salvarsi in angolo. Casale e Romagnoli tornano insieme al centro della difesa e sono bravi, con l’aiuto dei legni, a salvare il risultato dagli assalti dei padroni di casa. Al 39^ nuovo tentativo di testa di Belotti, ancora Casale protagonista e sugli sviluppi di un calcio d’angolo ennesimo palo colpito dai viola. Immensa la fatica della Lazio sia a difendersi che a costruire. Evanescente Cataldi, confusionario Isaksen.

Al 45^ alla prima occasione la Lazio non sbaglia: rinvio di Provedel, intercetta Isaksen che apre per Guendouzi che confeziona un assist perfetto per Luis Alberto: perfetto il tiro dello spagnolo che batte Terracciano e porta in vantaggio la Lazio all’ultimo secondo del primo tempo.

Nella ripresa dentro subito Hysaj e Zaccagni al posto di Marusic e Isaksen, i due giocatori più in difficoltà nel primo tempo, ma non cambia lo spartito. E’ sempre la Fiorentina a costruire e a mettere in difficoltà i capitolini. Al 60^ occasione ghiotta per i padroni di casa sugli sviluppi dell’ennesimo angolo: conclusione di Ranieri, miracolo di Provedel. La Fiorentina è viva e al 61^ agguanta il meritato pareggio con Kayode che mette a segno il suo primo gol.

Cambia ancora Sarri, amareggiato per la condotta di gara dei suoi: dentro Vecino per Cataldi. Al 64^ la fortuna aiuta ancora la Lazio: rigore per fallo di Casale che atterra Belotti. Va Gonzalez dal dischetto, che beffa Proved, ma colpisce il palo. E’ ancora salva la Lazio, ma per pochi minuti. Non accusa il contraccolpo psicologico la squadra di Italiano, anzi al 69^ completa la rimonta con il gol di Bonaventura. Ennesimo miracolo di Provedel, ma questa volta c’è il giocatore viola a due passi che non sbaglia e ribatte in porta.

Al 77^ Sarri conclude i cambi in attacco: dentro anche Pedro e Castellanos per Anderson e Ciro Immobile. La Lazio però non cambia il passo. Un dato: per vedere la prima giocata di Zaccagni occorre aspettare l’85^.

Nulla da fare nei 5 minuti di recupero: ci prova Vecino, ma la sua conclusione termina alta. La Lazio perde al Franchi sconfitta da una Fiorentina perfetta. Poche le sensazioni positive al fischio finale: rinasce la squadra di Italiano, ennesimo passo indietro di Sarri e i suoi uomini.

Enrica Di Carlo – Foto Official S.S. Lazio

© Riproduzione riservata