Voglia D’estate

Grezzo Raw Chocolate presenta il gelato crudista perfetto

1958
stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Grezzo Raw Chocolate, cioccolateria e pasticceria crudista nel cuore della capitale, apre le porte ad una nuova sfida presentando il gelato crudista “perfetto”, frutto di un lavoro che parte da una forte ideologia che predilige la qualità cercando di non scendere mai a compromessi. Un’attenzione all’esperienza del cliente dall’inizio alla fine del percorso gustativo, sempre con un occhio di riguardo all’ambiente; il gelato di Grezzo vuole essere una soluzione per non pensare solo alle calorie, ma anche alla loro qualità ed alla qualità della nostra alimentazione.

Una sperimentazione continua che ha portato un'evoluzione da 10 a 70 prodotti di pasticceria crudista. Dopo una prima versione nel 2014, Vito Cortese, chef ed ideatore di Grezzo, sperimenta assieme al suo team, nuove versioni di gelato, alla continua ricerca di una cremosità che unita a sapori travolgenti, potessero donare agli avventori l’esperienza gustativa del gelato “perfetto”. Sapori e profumi avvolgenti che inebriano i sensi alleggerendo la coscienza.

Come sottolinea Nicola Salvi, fondatore di Grezzo Raw Chocolate, “non so se vi ricordate la nonna, quando eravate piccoli, che vi preparava da mangiare stando in cucina varie ore. Ogni nonna diceva: Mangia che ti fa bene! Lo dicevano con la convinzione che mangiare bene fosse alla base del benessere, della crescita e dello sviluppo. Ora i tempi sono un po’ cambiati, e non siamo più nel periodo delle nonne, e Mangia che ti fa bene, va un attimo riguardato. Il concetto è corretto; l’alimentazione è alla base del benessere e della qualità della vita; senza una corretta alimentazione è difficile avere un futuro sano davanti a noi. La qualità della vita parte dal piatto, non solo quella individuale, ma anche quella del pianeta”.

In passato si riteneva che lo zucchero facesse bene al cervello; nel 2000 si è scoperto che può portare danni alla salute. Anche il latte non è più quello delle nostre nonne, talvolta di bassa qualità. Dal questi cambiamenti è nato il desiderio di creare un gelato diverso portando innovazione anche negli ingredienti, non solo nel modo di servirlo. Nasce il gelato crudista, un gelato "impossibile" a causa dell'assenza di componenti chimici, di addensanti; un prodotto di qualità superiore. Un gelato che ha un costo superiore rispetto agli altri ma che trova giustificazione nell'attenta selezione dei componenti che pone al centro la salute e la prevenzione: una qualità che si paga ma ripaga.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

“Forse se pensiamo a due, tre anni fa, quando ancora il crudismo si sentiva poco come stile alimentare, nessuno poteva immaginare che il gelato potesse diventare vegano crudista andando a cancellare completamente le basi del gelato. Sono sincero, neanche io credevo che un giorno sarei riuscito a fare un gelato degno di questo nome. Ci sono voluti due anni di sperimentazione; il gelato era buono ma non mi soddisfaceva – spiega Vito Cortese – la pecca era che si scioglieva subito, simile più ad un cremolato che ad un gelato; aveva anche delle scaglie di ghiaccio al suo interno, aveva poco corpo, anche se buono. Sono partito da una ricetta che aveva nove ingredienti andando a ridurli; con quattro ingredienti sono riuscito a creare il gelato”. Un prodotto che può sembrare semplice per i pochi ingredienti, latte di nocciola preparato in pasticceria, anacardi che conferiscono corpo al prodotto senza l’ausilio di addensanti, zucchero di cocco e crema di nocciola, per la versione alla nocciola, ma anche per i tempi di preparazione: i pochi minuti è possibile ottenere sapori antichi reminiscenze di un tempo in cui coloranti ed ingredienti chimici non si erano ancora affacciati al mondo della cucina.

Un lungo lavoro grazie al quale Grezzo propone un gelato fatto con cacao crudo, ottenuto da fave non tostate; ma anche altri gusti, mandorla, pistacchio, fragola, gianduia, lampone, mango, frutti di bosco, bonet, passion fruit e nocciola, il top di gamma. Pochi ingredienti che riescono ad amplificare le sensazioni provate dalle papille gustative.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Loreto Nemi, medico nutrizionista, spiega la validità nutrizionale di questo gelato perfetto: “Il gelato è sempre visto come un peccato di gola, qualcosa che non si può mangiare perché fa ingrassare, qualcosa che non si può inserire nemmeno in una dieta pensata per perdere peso. È proprio così? Non sempre. In un gelato confezionato troviamo circa tredici ingredienti tra addensanti, sciroppo di glucosio che alza subito la glicemia. Il gelato di Grezzo va da tre a sei ingredienti; pochi ingredienti, buoni. – continua - Qual è la caratteristica di questo gelato? Sicuramente l’assenza di latte, uova e la loro sostituzione con altri che ci danno qualcosa in più. La base è fatta con gli anacardi, le nocciole, le mandorle, ricchi di vitamine liposolubili come le vitamine E e D, antiossidanti naturali, e grassi buoni. Altra caratteristica, l’assenza di saccarosio e sciroppo di glucosio in favore dello zucchero di cocco, con un indice glicemico più basso dovuto alla presenza di una fibra, l’inulina, che rallenta l’assorbimento degli zuccheri. Gli zuccheri totali sono quindi più lenti, e si ottiene un aumento più controllato della glicemia e dell’insulina. Il gelato di grezzo non porta ad un picco glicemico e insulinemico con un conseguente effetto benefico sulla salute”.

Un’esperienza di lusso per il palato, di salute per il corpo, di sollievo per l’anima.

Ilenia Maria Melis

Grezzo Raw Chocolate

Via Urbana 130 Roma (zona rione Monti)

Aperto tutti i giorni dalle 11:00 alle 23:00

http://www.grezzoitalia.it/

© Riproduzione riservata

Multimedia