Si Apre L’Umbria Jazz Winter

Si Apre L’Umbria Jazz Winter

25simo anniversario per il festival umbro di musica jazz

stampa articolo Scarica pdf

Venticinque anni per l’Umbria Jazz Winter, un compleanno ricco per una manifestazione arriva ad altissimi livelli in grado di radunare importanti esponenti della musica jazz in scenari suggestivi che catturano le emozioni dei visitatori. Un’esperienza da non perdere anche visti i nomi in cartellone!

“Siamo a 25 anni, quindi un grande compleanno per noi. Io volevo subito ringraziare Renzo Arbore e Carlo Pagnotta – spiega il Sindaco di Orvieto Giuseppe Germani – che hanno portato questa manifestazione a traguardi importanti. Umbria Jazz è uno dei più importanti festival del panorama musicale e culturale internazionale. Orvieto ne è parte integrante con tutta la sua struttura e potenzialità, dal Teatro al Palazzo dei Sette; ma credo che tutto il nostro centro storico sia condizionato e faccia parte integrante di questa grande manifestazione. Il bello di tutta questa iniziativa sono la musica, i musicisti, ma anche tutta la città; si crea un connubio veramente importante. Abbiamo messo in campo una serie di attività collaterali; ne cito una tra tutte, la grande mostra fotografica a Palazzo dei Sette che riprenderà gli scatti più importanti di questi 25 anni”.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Un festival che conferma la sua formula, punto di forza a livello nazionale e non solo, con cinque giorni di musica, dalla mattina sino a notte fonda, lungo le strade del centro storico di Orvieto. Location che, senza soluzione di continuità, racconteranno la storia della musica jazz e del patrimonio artistico di un territorio ricco di eccellenze gastronomiche e cultura. Un evento festoso che metterà in scena 100 eventi con 25 band e oltre 150 musicisti per allietare le giornate dei visitatori.

Inoltre, tenendo fede alla tradizione gastronomica umbra che vede Orvieto terra di cucina e vini d’eccellenza, in alcuni locali del centro, tra cui spicca il Palazzo dei Sette, sarà possibile pasteggiare con accompagnamenti musicali in chiave jazz per un’esperienza sensoriale a 360 gradi. Un susseguirsi di eventi che avranno come fil rouge la qualità dell’intrattenimento in una città che con il passare degli anni si appassiona sempre più all’Umbria Jazz. Un’occasione per rilanciare l’immagine di Orvieto sacrificata dall’eco del sisma che ha interessato la regione Umbria.

Come da tradizione, due gli appuntamenti che caratterizzeranno maggiormente la manifestazione: i cenoni per attendere a suon di musica l’arrivo del 2018 ed il concerto gospel nel Duomo nel pomeriggio di Capodanno dopo la celebrazione della Messa della Pace. Non mancherà, inoltre la sfilata per le vie del centro, della marching band, sinonimo di festa e partecipazione.

Numerosi i nomi che si alterneranno in questa venticinquesima edizione, da Danilo Rea, a Gino Paoli, Renzo Arbore, Enzo Pietropaoli, Roberto Gatto; artisti da New Orleans come Little Freddie King, The Mystics, Benedict Gospel Choir; e ancora, Flavio Boltro, Maria Pia De Vito, Rita Marcotulli, Julian Oliver Mazzariello, Huw Warren, Gabriele Mirabassi, Roberto Taufic, Giovanni Guidi, Francesco Bearzatti, Michele Rabbia, Fabrizio Bosso con The Licaones, Piero Odorici, Daryl Hall e tanti altri.

Da non dimenticare anche l’esibizione dei vincitori del Jazz Contest e delle Berklee Summer School at Umbria Jazz Clinics 2017, per un festival che volge il suo sguardo anche alle nuove generazioni.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Come sottolineato da Renzo Arbore, Presidente della Fondazione di Partecipazione Umbria Jazz, “Quando vado in giro con la mia orchestra napoletana parlano di Umbria Jazz come di un’eccellenza italiana tanto da essere riconosciuta anche dal Mibact. Il jazz sta facendo una missione straordinaria portando in giro per il mondo l’Italia straordinaria, lo fanno i nostri musicisti – e continua – La missione dell’Umbria Jazz è di portare la musica jazz in giro per il mondo e di fare una delle più belle manifestazioni del mondo, come riconosciuto da tutti. Ovviamente Orvieto va gustata anche dal punto di vista gastronomico”.

Ilenia Maria Melis

Umbria Jazz Winter #25

Orvieto 28 dicembre 2017 – 1 gennaio 2018

http://www.umbriajazz.com/

© Riproduzione riservata