Lazio-Udinese 3-0

Tris biancoceleste all'Udinese: è terzo posto solitario

stampa articolo Scarica pdf

Lazio al terzo posto in solitario. E' questo il verdetto del pomeriggio dell'Olimpico, in cui la Lazio ha piegato 3-0 l'Udinese nel recupero della 12^ giornata. Una vittoria importanze, preziosa, la terza consecutiva dopo SPAL e Chievo che permette alla squadra di Inzaghi di volare a 46 punti allungando di tre lunghezze sull'Inter. Un incredibile bottino di 56 gol, miglior attacco della Serie A: mai nella storia biancoceleste così tante reti realizzate dopo 20 giornate.

Continua l'eccezionale momento di forma, in appena quattro giorni all'Olimpico 8 gol fatti e uno appena subito che spingono la Lazio lì nei piani altissimi della classifica.

Anche senza l'infortunato Immobile e Luis Alberto (partito dalla panchina) la Lazio non ha fatto fatica a regalare l'ennesimo show stagionale, grazie anche ai gol dei due attaccanti di giornata, Nani e Felipe Anderson, partiti per la prima volta dall'inizio di match.

Una partita iniziata subito con il piglio giusto, con il solito Milinkovic a dominare il centrocampo, con la classe di Leiva e gli scatti delle punte. Il vantaggio nasce da un cross teso del numero 21 laziale e soprattutto con la deviazione nella propria porta di Samir, intento ad anticipare l'arrivo sotto porta di Parolo.

Se la Lazio può chiudere il primo tempo in vantaggio è grazie allo strepitoso riflesso di Strakosha sull'insidioso diagonale di Barak e del conseguente salvataggio provvidenziale di Radu. Il numero 1 laziale sempre più una sicurezza e un pilastro di questa grande stagione,

Nella ripresa è tutto ancora più facile, gli spazi aumentano e ne approfitta subito Anderson. Sgroppata sulla sinistra che brucia Danilo, palla in mezzo per l'accorrente Nani e 2-0 Lazio. Un'azione da stropicciarsi gli occhi, lo scatto del brasiliano è quello di un centometrista e ottimo anche l'inserimento di Nani, bravo a seguire l'azione. Per il portoghese è il terzo gol in campionato e il secondo consecutivo dopo quello al Chievo.

Il doppio vantaggio permette ai padroni di casa di gestire il match ed iniziare a giocare anche con il cronomentro. Basta strappa gli applausi dell'Olimpico con una bella azione personale, per il resto non si registrano azioni degne di nota. Lasciano il campo Milinkovic e Nani per far posto a Lulic e a Luis Alberto.

All'80' altra grandissima parata di Strakosha: prima l'albanese sbaglia il disimpegno, De Paul ne approfitta e calcia forte da pochi metri: il riflesso del portiere è assolutamente strepitoso e salva il risultato.

Alla festa laziale partecipa anche Felipe Anderson che cala il tris: il brasiliano raccoglie l'assist di Lulic, scappa via a Danilo e con il piattone destro fredda Bizzarri. C'è gioia anche per il numero 10, anche lui al terzo sigillo stagionale.

Inzaghi può ritenersi soddisfattissimo della sua squadra, i tifosi biancocelesti sognano, e al momento è una delle squadre più in forma della Serie A e attualmente la più accreditata per la corsa Champions. Il cammino verso l'Europa che conta è ancora lungo: prossima tappa domenica contro il Milan a San Siro.

 Il tabellino


Lazio-Udinese 3-0
Marcatori: 22' aut Samir (U), 47' Nani (L), 87' Felipe Anderson

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Wallace, de Vrij, Radu; Basta, Parolo (85' Murgia), Leiva, Milinkovic (65' Lulic), Lukaku; Felipe Anderson, Nani (71' Luis Alberto).  A disp. Vargic, Guerrieri, Patric, Caceres, Bastos, Luiz Felipe, Marusic, Jordao, Caicedo.  All. Simone Inzaghi
UDINESE (3-5-2): Bizzarri; Nuytinck, Danilo, Samir; Larsen, Fofana, Hallfredsson (79' Balic), Barak (55' De Paul), Pezzella; Perica (64' Jankto), Maxi Lopez.  A disp. Scuffet, Pizzignacco, Angella, Caiazza, Donadello,  Ingelsson, Pontisso, Jaadi.  All. Massimo Oddo
ARBITRO: Banti (sez. Livorno). Ass: Del Giovane-Gori. IV: Nasca. VAR: Guida.  Fabio Pochesci

© Riproduzione riservata