Presentata La XVII Quadriennale D'Arte Di Roma

Presentata La XVII Quadriennale D'Arte Di Roma

Franco Bernabè e Sarah Cosulich presentano il programma per il triennio 2018-2020

569
stampa articolo Scarica pdf

Presentata nel cuore di Trastevere la XVII Quadriennale di Roma, un’edizione che si prospetta ricca di novità, eventi e mostre.

Iniziative promosse nell’ambito di un percorso coerente con la vocazione della Fondazione che tiene conto delle difficoltà incontrate dall’arte negli ultimi anni; nella scorsa edizione la ricerca si è concentrata sull’osservazione dei curatori del fenomeno arte così da rappresentarne una visione più completa volgendo lo sguardo al territorio nazionale. Dieci giovani di grande esperienza hanno così “giocato” la loro carriera tra Italia ed estero, per dieci progetti che dessero una visione fresca sull’arte.

Per la prossima edizione si è pensato di nominare un nuovo direttore artistico, Sarah Cosulich, storica e critica d’arte che vanta un curriculum di tutto rispetto, scelta anche per un programma triennale mirato a dar forza ad un’istituzione che agisca con modalità differenti dal passato. Nel progetto si inserisce, infatti, un’iniziativa di sostegno dell’arte italiana all’estero e di formazione; la Quadriennale diviene, quindi, un interlocutore, un punto di riferimento dell’arte italiana oltralpe.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

Pluralità, ricerca, selezione ma anche stimoli e scambi di idee sul territorio al fine di aumentare la visibilità e le prospettive degli artisti italiani attraverso la loro promozione all’estero; un esposizione che vuole essere veicolo dell’arte italiana nella dimensione internazionale.

Un progetto per cui Sarah Cosulich si avvarrà della collaborazione di un altro curatore quale co-responsabile della curatela della mostra del 2020, Stefano Collicelli Cagol, che si occuperà di individuare sul territorio attività di workshop e simposi nell’arco del triennio.

Ma veniamo al cuore del progetto: tre le iniziative, Q2020, Q-RATED, Q-INTERNATIONAL.

La prima, Q2020, non è altro che un percorso preparatorio finalizzato alla grande esposizione del 2020.

Q-RATED prevede una serie di workshop e simposi, ricerca attiva e costante per costruire un dibattito funzionale al mondo dell’arte contemporanea consentendo, inoltre una mappatura del contesto artistico nazionale. I workshop, nell’ambito di approfondimenti sulle arti visive, vedranno mettersi in connessione professionisti internazionali con giovani artisti italiani e non per tre giorni ad alta intensità. Un dialogo aperto a 10 artisti e 2 curatori italiani scelti tramite bando, pubblicato sul sito della Quadriennale, tra giovani di età compresa tra i 21 ed i 32 anni. La curatela quindi si arricchisce di una nuova sfumatura di significato che comprende anche progetti di approfondimento tramite narrazioni alternative.

Nuova iniziativa per questa XVII Edizione, Q-INTERNATIONAL, focalizzata nel sostegno delle istituzioni straniere che espongono artisti italiani. Un progetto che, attraverso attività di fund raising, vuole colmare la lacuna lasciata nel nostro Paese dal mancato supporto dell’arte nostrana all’estero; questa iniziativa garantirà, tra l’altro, una maggior presenza degli artisti italiani oltralpe spesso intimoriti dai costi di trasporto e permanenza. Un altro stimolo oltre confine che valuterà le proposte pervenute dalle istituzioni straniere selezionandone le migliori.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

Idee vincenti che mettono al centro dell’iniziativa l’opportunità di provare a vedere l’arte italiana dall’esterno, esaminando in profondità le tendenze e cercando di farle emergere sia dentro che oltre i confini territoriali.

Ilenia Maria Melis

XVII Quadriennale d’Arte di Roma

www.quadriennalediroma.org

© Riproduzione riservata