Salisburgo-Lazio 4-1

Salisburgo-Lazio 4-1

Blackout Lazio, addio Europa League

stampa articolo Scarica pdf


Difficile perfino trovare parole per descrivere quello che è accaduto. Si potrebbe riassumere il tutto con il termine "incubo" e la domanda "perchè?". Già, perchè? Come è possibile buttare all'aria una qualificazione praticamente in tasca in questo modo, subendo tre gol in quattro minuti? Un incubo appunto. La Lazio vive una delle peggior beffe degli ultimi anni, un'eliminazione che lascia un senso di vuoto e mille rimpianti. I rimpianti di non essere riusciti a gestire il vantaggio dopo il gol di Immobile, di incassare il pari dopo appena un giro di orologio, di divorarsi il possibile raddoppio per poi collassare dal minuto 72 al 76. Un blackout improvviso, il nulla. La Lazio si è spenta sul più bello, forse troppo sicura di aver passato il turno. Il sogno semifinale si interrompe così, tra le lacrime dei giocatori in campo e gli sguardi persi. Festeggia il Salisburgo, che con una partita tutt'altro che prorompente si ritrova tra le prime 4. 

Inspiegabile il secondo tempo laziale. Dalla gioia del gol di Immobile, che in quel momento sembrava aver chiuso ogni discorso. Una stagione praticamente perfetta che viene macchiata così, con un risultato troppo assurdo per crederci. Non è da Lazio un crollo simile. Una squadra così coesa e unita che si sgretola invece di dare il colpo finale ad un rivale di certo non irresistibile. 

E domenica c'è il derby. Il secondo appuntamento fondamentale della stagione. Guai mollare. La Lazio deve rialzare la testa, deve incassare il durissimo colpo e tornare quella di prima. Lo deve fare per i 1400 sostenitori a Salisburgo, lo deve fare per tutto il suo popolo. Servirà l'unione di tutti, la forza di tutti, per tornare a brillare. 


Il tabellino

Salisburgo-Lazio 4-1

Marcatori: 55' Immobile (L), 56' Dabbur (S), 72' Haidara (S), 74' Hwang (S), 76' Lainer (S)

SALISBURGO (4-3-1-2): Walke; Lainer, Ramalho, Caleta-Car, Ulmer; Haidara, Schlager, Berisha; Yabo (83' Minamino); Hwang (79' Gulbrandsen), Dabbur. A disp. Stankovic, Wolf, Pongracic, Farkas, Mwepu. All. Marco Rose

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, de Vrij, Radu; Basta (60' Lukaku), Parolo, Leiva (77' Nani), Milinkovic (69' Felipe Anderson), Lulic; Luis Alberto, Immobile. A disp. Guerrieri, Caceres, Murgia, Caicedo. All. Simone Inzaghi

ARBITRO: Skomina (Slovenia). Ass: Praprotnik-Vukan. IV: Klančnik. Add: Jug-Vinčić.

NOTE. Ammoniti: 60' Ulmer (S), 64' Leiva (L), 65' Luiz Felipe (L), 91' Ramalho (S), 91' Walke (S)

Recupero: 4' st. 

© Riproduzione riservata