Giulia Villoresi

Chi è felice non si muove

1593
stampa articolo Scarica pdf

C'era una volta, nel centro di Roma, una giovane scrittrice di nome Giulia... Un giorno come tanti, abbiamo deciso di cercarla per farle qualche domanda, ed è venuto fuori questo:

Come nasce un libro?

Il mio nasce dalle “cose” di cui voglio parlare - che sono essenzialmente delle situazioni, dei personaggi, delle dinamiche, delle idee e dei luoghi - e dal “tono” in cui voglio parlarne - che è essenzialmente la prima persona singolare e la sua personalità. Le cose e il tono dettano poi la storia, e non viceversa.

Chi è felice non si muove... cosa è cambiato da Panzanella?

Credo che funzioni grossomodo come nell’esperienza amorosa: l’ultimo fidanzato è sempre un po’ più adatto alla nostra personalità rispetto a quello precedente, dal momento che sbagliando si impara. Quindi Chi è felice non si muove si adatta di più alla mia personalità rispetto alla Panzanella, e quello che devo ancora scrivere si adatterà di più rispetto a Chi è felice, finché o troverò il vero amore oppure dovrò scendere a compromessi, ovvero o scriverò quello che veramente voglio scrivere, oppure non ci riuscirò.

Quanto c'è di autobiografico nei tuoi manoscritti?

Parecchio, anche se non saprei bene come definire questa quantità. Attingo a piene mani dalla mia vita e da quelle altrui, perché mi ispirano, perché sono vere.

Ruolo importante nel libro è quello della madre della protagonista... com'è il tuo rapporto con la famiglia?

È un buon rapporto, normale, che ovviamente non prescinde dalla a-normalità di ogni famiglia

Alla fine della sua avventura, cos'è davvero la felicità per la protagonista?

La felicità è conoscersi. Una volta conosciuti i propri desideri, è possibile realizzarli. A mio parere è molto più difficile conoscerli che realizzarli.

Meglio delle forti radici o un paio di ali?

Meglio delle forti radici. Le ali cosa sono? Probabilmente un apostrofo rosa tra le parole “ndò cazzo” e “vado”, con il punto interrogativo alla fine.

Partire per un'offerta di lavoro è un tema attuale in Italia... sei mai stata tentata?

Tentatissima, ma senza offerte.

Stai già lavorando a qualcos'altro?

Al momento sto lavorando solo con degli appunti.

Cosa vuole per sé Giulia?

Vorrei felicità, che nella mia testa corrisponde a un compromesso tra la realizzazione e una vita normale.

E dopo averla ringraziata e salutata, restiamo in attesa della prossima puntata!

Grazie Giulia!

© Riproduzione riservata