Vivi Made In Italy: Il Primo Showroom Virtuale Che Promuove Le Eccellenze Italiane

Vivi Made In Italy: Il Primo Showroom Virtuale Che Promuove Le Eccellenze Italiane

Un progetto innovativo con la missione di scovare le eccellenze italiane e portare la loro produzione alla ribalta: nasce nell’Ottobre 2018 il primo Showroom virtuale italiano dedicato alle eccellenze del nostro Paese.

stampa articolo Scarica pdf

Vivi Made in Italy: il primo showroom virtuale che promuove le eccellenze italiane

Un progetto innovativo con la missione di scovare le eccellenze italiane e portare la loro produzione alla ribalta: nasce nell’Ottobre 2018 il primo Showroom virtuale italiano dedicato alle eccellenze del nostro Paese.

I prodotti migliori del Made in Italy sono accessibile online da consumatori e buyer attraverso il sito web: www.vivimadeinitaly.it, un portale nato con l’intento di valorizzare e promuovere le eccellenze del Made in Italy sensibilizzando i consumatori italiani, ma non solo, la missione di Vivi Made in Italy è infatti quella di creare un network che metta in connessione aziende, buyer e consumatori.

Vivi Made in Italy non è solo un sito web ma un progetto ben più complesso. Alla base dell’idea progettuale portata avanti da Sabina Petrazzuolo e Giovanna D’Aponte, c’è una filosofia e un approccio nel lavoro che ricalca le orme della produzione Made in Italy attraverso qualità, creatività e attenzione ai dettagli.

Vivi Made in Italy è stato fondato da Sabina Petrazzuolo che ricopre il ruolo di Digital Project Manager e Giovanna D’Aponte, Design e Account Manager, affiancano le due professioniste diverse figure professionali che completano i servizi offerti dall’azienda.

Ma come funziona vivimadeinitaly.it? E a chi si rivolge?

ViviMadeinitaly.it è nato con l’intento di costruire un posto fisico che mettesse in connessione Aziende Italiane, Consumatori e Buyer.

L’idea risale a qualche anno fa, ma le due co-founder ci lavorano assiduamente dall’inverno scorso, dopo una serie di analisi, ricerche di mercato e questionari sottoposti ad aziende, consumatori e buyer è stato chiaro che quello che mancava fosse proprio un modo fluido e diretto per entrare in connessione tra loro. Da qui è nata l’idea dello Showroom virtuale, uno spazio espositivo dove è possibile navigare e conoscere i brand aderenti al circuito attraverso delle vetrine, suddivise per categorie. I settori interessanti sono: moda, arredo, enogastronomia, cosmesi e accoglienza, quelli che rendono riconosciuto e riconoscibile il Made in Italy in tutto il mondo.

 

Ogni azienda ha il proprio spazio espositivo all’interno del quale sono indicati prodotti iconici, storia e contatti del brand per agevolare il percorso d’acquisto e di conoscenza con queste nuove realtà.

“Anche i buyer assumono un ruolo fondamentale per il progetto”, spiega Sabina Petrazzuolo “con loro abbiamo stretto una sinergia per metterli in contatto direttamente con le aziende aderenti al circuito”.


Tra le aziende che hanno già aderito al progetto segnaliamo:

Malìa Lab, atelier di moda artigianale,

 

Marisé Perusia, abbigliamento eco-sostenibile Made in Italy

Picogrammo, produzione di biscotti artigianali dolci e salati, gin e liquori

Floraidh, lavorazioni artigianali in cuoio

Ambra Bags, borse artigianali realizzate a mano e con passione

Abbazia dei sette Frati Agriturismo Fratres, tenuta storica nelle campagne umbre

Caramì, lingerie elegante, femminile e raffinata

Altre aziende sono attualmente in fase di inserimento.


Francesca Maria Matteucci

© Riproduzione riservata