Con Il Mare Dentro

Con Il Mare Dentro

Un debutto incerto per Ottavio Zani

274
stampa articolo Scarica pdf

“Semplice scrittore, fotografo indefinito, cantante stonato. Sognatore a tempo pieno”. Si presenta così il bresciano Ottavio Zani, senza tanti giri di parole. Con la stessa sincerità che ritroviamo nell’album Con il mare dentro.
Un disco autoprodotto con al suo interno 8 tracce verrebbe da dire scritte più per l’esigenza di raccontarsi che per l’esigenza di farsi ascoltare. Un lavoro introspettivo che pone l’accento su un primo bilancio della vita di un quarantenne che si riflette bene nell’immagine in bianco e nero scelta come copertina dell’album a simboleggiare, probabilmente, un passato del quale sente la mancanza.
Apprezzabile l’apertura e la chiusura dell’album con le rispettive Un’altra inutile emozione e L’amore quando arriva sa la strada ma per quanto Zani ci abbia sicuramente messo impegno nella realizzazione de Con il mare dentro, il disco non entusiasma particolarmente. È un lavoro acerbo nei testi e nella voce.

Sara Grillo

© Riproduzione riservata