Pagelle / Inter-Lazio

Cuore Lazio. Una squadra di leoni più forti di tutto

stampa articolo Scarica pdf

Strakosha 8.5 E pensare che ci sia qualcuno ancora che non lo reputa all'altezza della porta della Lazio. Salva i suoi al 90' con un miracolo su Politano, poi ai rigori blocca quello di Lautaro e allunga sulla traversa quello di Nainggolan. Non ha mai paura di nulla.
Wallace 6 Stasera più concentrato dal solito e prova a fare del suo meglio. Lascia il campo a Bastos dopo aver placcato Miranda in stile Wrestling.
(70' Bastos) 6.5 Entra bene in campo dando un prezioso contributo soprattutto sulle palle alte. Si butta in ogni mischia e conclude il match col turbante: guerriero.
Acerbi 8 Quando c'è lui puoi solo che essere tranquillo. Ti ispira fiducia in ogni cosa che fa, non sbaglia nulla nemmeno stasera annientando Icardi. Comanda la difesa e c'è sempre, anche quando i compagni sbagliano. Dagli 11 metri sembra un rigorista di lunga data: calma olimpica mista a rabbia e missile sotto la traversa. 
Radu 6.5 Sempre attento e concentrato, insieme ad Acerbi alza il muro in difesa. Perde le staffe nel finale protestando dopo il rigore concesso all'Inter.
Marusic 6.5 Offre la solita quantità e stasera anche più qualità permettendsi qualche colpo ad affetto. Partita generosa del montenegrino che non si risparmia mai.
Milinkovic 6.5 Una delle migliori prestazioni macchiata dal fallo di rigore. In mezzo al campo giganteggia dominando sugli avversari.
Leiva 8 Per lui gli aggettivi sono finiti da ormai parecchio tempo. La sua partita di stasera è emozionante, mette l'anima e il cuore in ogni contrasto. Giusto che il rigore decisivo capiti sul suo piede, lui bravissimo a spiazzare Handanovic e a far impazzire i cuori biancocelesti.
Luis Alberto 6 Prova sempre la giocata cercando il guizzo vincente, ma non è la serata adatta. Nella ripresa si nasconde un po' perdendo lucidità.
(101' Parolo) 7 Entra come quarto sostituto nel finale e si fa trovare pronto nella lotteria dei rigori. Una certezza.
Lulic 7 Su e giu per due ore di gioco, sembra non stancarsi mai. Spesso poco lucido al momento del passaggio ma a lui lo si perdona.
(79' Durmisi) 6 Sufficienza risicata per lui, che nonostante la miglior prestazione, calcia malissimo il rigore.
Correa 5.5 Una delle poche note stonate stasera, partita sottotono per lui: non riesce mai a pungere.
(88' Caicedo) 5.5 Si divora il possibile vantaggio ma poi duetta con Immobile per il gol biancoceleste. Si diletta più nel cercare il passaggio piuttosto che puntare la porta.
Immobile 9 Un gladiatore, un lottatore nato e un bomber spietato. Ciruzzo risponde sul campo a tutte le critiche di non essere decisivo nei big match: segna, corre, lotta e aiuta la squadra anche nella fase difensiva. Cosa dovrebbe fare di più? Ah, segna anche il primo rigore. Perfetto.

Inzaghi 8 Finalmente batte una big e fa tornare gli incubi a Spalletti. Sente il match particolarmente e viene espulso per proteste. Ora in semifinale per vendicare la sconfitta dello scorso anno contro il Milan.

Fabio Pochesci 

 (Foto di Emanuele Gambino) 

© Riproduzione riservata