La Mostra Bipersonale -Eternity-, Presso La Galleria Curva Pura

La Mostra Bipersonale -Eternity-, Presso La Galleria Curva Pura

Un ' esposizione che colpisce per la sincronia che si viene a creare tra i due artisti che hanno fatto sistema attraverso le loro opere: quelle di Winnie Seifert, astratte, che si alternano con le sculture di Hannes Uhlenhout.

250
stampa articolo Scarica pdf

La mostra bipersonale "Eternity”, presso la galleria Curva Pura, inaugurata sabato 18 maggio, presenta l'esposizione di opere "pittura e ceramica contemporanea" del duo tedesco Winnie Seifert e Hannes Uhlenhaut.

La mostra è curata da Yuliya Galycheva e Andrea Romagnoli.

Un ' esposizione che colpisce per la sincronia che si viene a creare tra i due artisti che hanno fatto sistema attraverso le loro opere: quelle di Winnie Seifert, astratte, che si alternano con le sculture di Hannes Uhlenhout.

Le opere astratte della prima artista colpiscono per le sue pennellate, ampie e dense, stese creando un'armonia di colori che oscillano tra forti impatti coloristici alternati a sfumature più tenui; una sorta di mix che ricorda i blu di Franz Marc e le delicatezze pittoriche di un Kandinskij.

Tutto ciò crea uno stato altalenante tra leggerezza e movimento.

Una pittura liberatoria di matrice Junghiana, dove l'artista cerca, attraverso un codice pittorico "Non figurativo”, di comunicare il suo" giovane vissuto" creando una sorta di viaggio emotivo- coloristico verso un passato adolescenziale.

Le opere scultoree di Lipsia Hannes Uhlenhaut vedono mischiarsi e alternarsi rimandi a figure dalla fisicità antica con richiami ad un mondo che non può non ricordare citazioni ed evidenti presenze che riportano alla cultura pop.

Richiami all' infanzia sono presenti anche nelle sue sculture, con figure ridondanti ma sofisticate nella loro presente, ma non scomoda, ampollosa fisicità. Le sculture sono poi installate su

piedistalli dall'effetto marmoreo rivisitati in chiave pop grazie anche al colore.

Si tratta di figure non definibili e delicatamente sospese verso un eterno non finito.

La mostra proseguirà fino al 13 luglio.

Maria Laura Perilli 

© Riproduzione riservata