La Commedia Play On In Scena Al San Genesio

La Commedia Play On In Scena Al San Genesio

La recensione dello spettacolo esilarante scritto da Rick Abbot e rappresentato in lingua inglese

stampa articolo Scarica pdf

Play On (A hilariously entertaining play) è lo spettacolo proposto al San Genesio per concludere l’undicesima stagione del teatro in lingua originale. Una commedia davvero esilarante rappresentata dalla compagnia filantropica e di lingua inglese The Rome Savoyards/Plays in Rome, scritta da Rick Abbot e diretta da Sandra Provost. La pièce, che sarà in scena fino a domani 9 giugno, propone il percorso intrapreso da una compagnia nel preparare uno spettacolo, tra prove delle battute, prova generale e debutto. La vicenda, dunque, è divisa in tre atti, durante i quali si sussegue il lavoro della compagnia stessa che deve fare i conti con alcune difficoltà nella preparazione dello spettacolo, tra una battuta e l’altra da ricordare e da perfezionare; dovendo anche tenere a bada l’autrice Phyllis che cerca di stravolgere la storia mentre sono in corso le prove stesse. Tutto questo viene gestito da Gerry, la regista, che tenta seppur a fatica di coordinare cast e aiutanti per portare a termine la storia di Phyllis, intitolata “Murder Most Foul”. Dopo il primo atto in cui si assiste alla fase di allestimento con le prove tra gli attori, nel secondo arriva il momento della prova generale con gli abiti di scena, mentre la terza parte si conclude con la “prima” della commedia. Quest’ultima si svolgerà con non pochi problemi, luci stroboscopiche, colpi di scena e gag davvero simpatiche, frutto di inconvenienti sul palco e dello humour all’inglese che comunque caratterizza tutta la storia. Lo spettacolo nello spettacolo alla fine ha dei risvolti davvero comici. Anche il doppio finale, sarà divertente, fino all’ultimo istante in cui l’autrice cercherà di avere a tutti i costi il suo momento di attenzione. Si tratta, perciò, di una pièce davvero coinvolgente, divertente e brillante. Le luci accese in platea fanno sentire lo spettatore parte integrante del racconto. Il pubblico ha uno sguardo per così dire privilegiato nella storia, osservando direttamente il lavoro della compagnia che fa le prove e che costruisce con i consigli della regista quello che poi si vedrà sul palco, quando le luci sono spente. Lo spettatore, quindi, vive quello che esiste dietro le quinte, e nei giorni precedenti alla messa in scena, tra gli attori e gli altri personaggi che concorrono alla formazione di una commedia, nonostante le interruzioni dell’autrice e dei vari personaggi. Quindi tutti gli elementi del cast sono parte di un tutto, perché costruiscono in maniera corale con i dialoghi, i suggerimenti che provengono da dietro le quinte e le disposizioni della regista la storia finale. Nell’insieme, per finire, è davvero coinvolgente l’excursus che porta alla realizzazione di uno spettacolo dentro lo spettacolo interpretato da: Gabriella Spadaro, Lydia O’Kane, Robert Peter Parker, Elizabeth Christy, Margherita Mei, John Calderone, Shane Harnett, Camilla Mazzitelli, Carolyn Gouger, Fabiana De Rose.

Di Sabrina Redi.

© Riproduzione riservata