Sassuolo Roma

Piccolo è il numero di persone che vedono con i loro occhi e pensano con le loro menti. (Albert Einstein)

stampa articolo Scarica pdf

Piccolo è il numero di persone che vedono con i loro occhi e pensano con le loro menti.
(Albert Einstein)

Sassuolo (3-4-3): Consigli; Cannavaro, Acerbi, Peluso; Biondini, Brighi, Missiroli, Longhi; Floro Flores, Zaza, Sansone.

Allenatore: Di Francesco

Roma (4-3-3): De Sanctis; Florenzi, Manolas, Astori, Torosidis; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Ibarbo, Doumbia, Gervinho.

Allenatore: Garcia

Mercoledì 29 Aprile 2015, turno infrasettimanale di campionato, la Roma a Sassuolo si presenta per riconquistare il secondo posto, o almeno per cercare di rimanere il più possibile attaccata ad una Lazio che non fa sconti a nessuno.

Sorpresa nella formazione che vede Doumbia partire titolare, nonostante le polemiche che lo hanno visto protagonista in settimana, relative ad un suo presunto scarso impegno negli allenamenti. Troviamo Pjanic e Gervinho, Florenzi ormai irremovibile e come lui un sempre attento Nainggolan, che anche in questa occasione non mancherà di essere uno dei pilastri della squadra. Proprio di Doumbia sarà la prima rete della Roma, al 6' traversone di Florenzi, irrompe proprio l'Ivoriano di testa direttamente in area beffando consigli e la squadra prenderà man mano forza e coraggio ripristinando e ricucendo quel fraseggio che aveva perso smalto e tenuta da qualche mese a questa parte, Florenzi si rende protagonista di un gol spettacolare, al 27' si libera di Floccari e di Brighi e conclude con un tiro di destro in diagonale,Garcia trova un nuovo terzino e lui si adatta ad un ruolo che sembra calzargli a pennello. Ci provano prima Sansone e poi Floro Flores dalla distanza, ma resta una Roma presente e attenta, al 32' Ibarbo blocca la palla con il braccio destro e Mazzoleni ammonisce il giocatore, neanche un minuto e De Rossi entra malamente su Missiroli, l'arbitro non ha dubbi ed ammonisce anche il centrocampista, la Roma amministra e gioca, il Sassuolo fatica nel recupero palla e costruire azioni diventa difficile. Il primo tempo si conclude senza troppe pretese, se non una certa crescita del Sassuolo che ha tentato di accorciare le distanze ma senza troppa convinzione. La ripresa vede al 51' la traversa di Nainggolan con un cross dalla destra, Floro Flores intercetta il pallone e cerca l'affondo ma colpisce male e la palla esce sul fondo. Di Francesco prova ad effettuare un cambio Zaza al posto di Floccari, ma nulla cambia, la Roma gestisce il risultato, pur lanciando diversi giocatori in porta ma i ritmi sono bassi ed il Sassuolo non trova sbocchi, al 74' Gervinho sulla destra tiene palla e aspetta Pjanic che con un perfetto controllo palla la spinge alle spalle di Consigli. Roma in vantaggio di tre reti, la partita si porta al 90' con una certa facilità, regalando al pubblico romanista intervenuto nella trasferta romagnola una bella vittoria e la possibilità di rimanere nella scia della Lazio e agganciata alla Champions. Buona prestazione della squadra che sembra aver ritrovata la giusta carica.

Laura Tarani

© Riproduzione riservata