Io Non Sono Come Moira

Va in scena dal 25 al 27 novembre al Teatro de’ Servi, nell’ambito della Stagione Fuoriclasse dedicata alla drammaturgia contemporanea, IO NON SONO COME MOIRA, spettacolo scritto e diretto da Susanna Laurenti e Riccardo Viola.

stampa articolo Scarica pdf

TEATRO DE’ SERVI

Stagione Fuoriclasse

Dal 25 al 27 novembre 2019

Io non sono come Moira

scritto e diretto da Susanna Laurenti e Riccardo Viola

supervisione artistica di Leonardo Ferrari Carissimi

con Susanna Laurenti, Benedetta Russo, Enrico Torzillo,

Michele Traverso, Riccardo Viola, Pietro Maria Virdis

Va in scena dal 25 al 27 novembre al Teatro de’ Servi, nell’ambito della Stagione Fuoriclasse dedicata alla drammaturgia contemporanea, IO NON SONO COME MOIRA, spettacolo scritto e diretto da Susanna Laurenti e Riccardo Viola.

Protagonista è Andrea, giovane, bello, ambizioso e METROSESSUALE, il quale si prepara a recarsi ad una conferenza dove presenterà ad un gran numero di uomini e di investitori la sua nuova linea di prodotti cosmetici “Il Nuovo Maschio”. L’evento segna per lui, il primo passo verso la realizzazione di un sogno, il suo sogno: la creazione del più grande impero di cosmetici per soli uomini esistente sul mercato. La preparazione di questa conferenza, diventerà per il ragazzo l’occasione per confrontarsi e affrontarsi con gli improbabili fantasmi del suo passato, che trasformati dalla sua fantasia invaderanno la sua casa e la sua mente con atmosfere oniriche e visionarie che strizzano l’occhio a Carrol e alla tradizione gotica. A riportarlo alla realtà, solo il cugino Mino, una pincopanco senza pancopinco che ha come unica occupazione quella di bighellonare nella sua casa.

“Io non sono come Moira” invita lo spettatore a non limitarsi a guardare la realtà, ma ad interpretarla, a colorarla proprio come fa il suo protagonista.

Un’esortazione a sorridere di quella società e a dissacrarne i confini e le barriere esaltando le somiglianze fra i due generi che più di tutti si pongono da sempre ai più estremi confini del nostro mondo, l’uomo e la donna.

© Riproduzione riservata