LA JUVENTUS VOLA GRAZIE A DUE PRODEZZE DI CR7 E DYBALA

Due goal capolavoro regalano alla Signora la vittoria nell’ultima partita di campionato nel 2019 prima della sfida di Supercoppa.

stampa articolo Scarica pdf

Buffon raggiunge Maldini con 647 presenze in campionato, record assoluto nella storia della serie A. Danilo a destra, Alex Sandro a sinistra, Demiral e Bonucci al centro nella difesa. Rientra Pjanic a centrocampo insieme ai francesi Rabiot, Matuidi. In attacco Sarri ripropone il trio delle meraviglie Higuain, Dybala e Ronaldo che appare in gran forma e molto propositivo, con una striscia aperta di 4 partite con goal. La Juve parte bene, buon palleggio e grande possesso di palla e al minuto 19 è già in goal! Alex Sandro dalla destra serve un cross che Dybala colpisce al volo di sinistro quasi dal vertice dell’area, ruba il tempo ad Audero che nulla può contro la splendida conclusione. 0 a 1.

Sembra dominare la Juve, diverse occasioni con Colley spesso in affanno su Higuain e CR7 ma al minuto 35 un doppio errore di Alex Sandro che prima concede palla sulla fascia alla Samp, poi serve involontariamente a Caprari che, appostato in mezzo all’area rovina la serata da record di Buffon. 1 a 1. Secondo goal consecutivo della punta blucerchiata alla Juve, dopo quello di maggio sempre al Ferraris. Il goal ha restituito fiducia alla Samp, nonostante il dominio della Juve nel possesso palla superiore al 70%. La Juve prova a riprendere il comando del match. Al minuto 40 dai piedi di Ronaldo parte un cross tagliato dalla sinistra che prima Higuain e poi Dybala non riescono a spingere in goal a un metro dalla porta! Ma CR7 ha il diavolo in corpo e, al minuto 45, segna un goal spettacolare, mettendo in rete di testa, con una elevazione mostruosa, un cross perfetto di Alex Sandro, che si fa parzialmente perdonare la sciocchezza del pareggio. Si va al riposo con i bianconeri meritatamente in vantaggio 1 a 2! Nella ripresa la Juve sembra controllare ma la Samp cresce nel pressing. Demiral troppo sopra le righe, ingaggia un duello fisico con Caprari che uscirà per due cartellini gialli rimediati lottando con il turco. Matuidi si divora il terzo goal al minuto 55 e la partita resta in equilibrio. Molti falli, cartellini gialli e sostituzioni che spezzettano il gioco. Bene Rabiot che mette ordine e Pjanic che non perde la testa. Benissimo Ronaldo, in campo per tutti i 90 minuti, che torna spesso indietro a recuperare palla e si vede annullare un goal in contropiede per un fuorigioco millimetrico al minuto 88. Al novantesimo è ancora lui a mandare di poco a lato una girata dalla sinistra. I 6 minuti di recupero non cambiano le sorti di una partita vinta meritatamente dalla Juventus, che ha gestito dominando il possesso di palla senza soffrire particolarmente una buona Samp priva di diversi titolari. Ronaldo migliore in campo per distacco.

Di Massimiliano Piccinno

© Riproduzione riservata