GLI OMINI DI GHIACCIO DI NELE AZEVEDO

GLI OMINI DI GHIACCIO DI NELE AZEVEDO

E’ arrivata anche a Roma l’installazione dell’artista brasiliana divenuta per gli ambientalisti di tutto il mondo un simbolo nella lotta al cambiamento climatico.

stampa articolo Scarica pdf

La bellissima vista sul Tevere che si può ammirare dal terrazzo del Parco Savello, meglio conosciuto come Giardino degli Aranci, è riuscita a diventare uno spettacolo ancora più unico grazie alla installazione di Nele Azevedo un’artista e ricercatrice indipendente brasiliana di rilievo internazionale. Infatti, in occasione della Festa di Roma 2020, minuscole sculture realizzate in ghiaccio raffiguranti uomini e donne di 20 centimetri hanno invaso gli alberi e gli antri del parco oltre a sedersi in maniera contemplativa verso il panorama sulla recensione in muratura della terrazza.

L’installazione, intitolata Minimum Monument, o anche Melting Man, è nata da un’idea del 2002 ed ha già fatto il giro del mondo toccando città come Brasilia, Tokyo, Belfast, San Paolo, Parigi, Berlino e Firenze dove, nel 2008, 1200 omini di ghiaccio si sono seduti sulla scalinata dell’Istituto Innocenti Brunelleschi. E finalmente il genio dell’artista brasiliana, che si esprime in sculture realizzate con diversi materiali e in performance ed interventi urbani, è arrivato anche a Roma integrandosi con lo spirito storico della città.

Nonostante la loro trasparenza, in queste piccole sculture di ghiaccio si può leggere tantissimo. Una vita breve destinata a sciogliersi e a scomparire che pone l’accento sul cambiamento climatico e sul ruolo della scultura all’interno delle città contemporanee. L’individualità che si perde con tutta la sua personalità all’interno della massa con il dimenticare che al di là di celebrare i personaggi del passato, bisogna riconsiderare l’uomo comune che come un eroe sopravvive in questa società.

La collocazione degli omini di ghiaccio al giardino degli Aranci è stata sicuramente capace di suscitare indescrivibili emozioni. Vedere queste minuscole figure ammirare da lontano le chiese e i monumenti di Roma gli ha dato quasi una vita reale e una sorta di immortalità nelle tante foto che il pubblico non ha esitato a scattare in grandi quantità complice anche il tramonto magico della Capitale.

                                                                             Rosario Schibeci 

© Riproduzione riservata