Manuel Delle Chiaie

Manuel Delle Chiaie

Assolutamente non siamo eroi, e nessuno di noi ci si sente.

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Li vediamo nei nostri stadi e sono distinguibili dalle loro pettorine gialle,oggi noi di Unfolding Roma siamo riusciti ad avere un colloquio con il Presidente dell’Associazione Nazionale Steward:Manuel Delle Chiae.Vediamo cosa può raccontarci di questa figura professionale in funzione per decreto ministeriale dell' 8 agosto 2007.

Manuel Delle Chiaie, nato a Roma, classe 1986, steward dal 2006 presta servizio per l’AS Roma e per l’US Latina, ha prestato servizio anche per l’Atletico Roma e per la FIGC in occasione dei playoff della lega Pro. 

Oggi incontriamo il presidente dell'associazione nazionale steward;puoi spiegarci la tua professione?

Salve, innanzitutto volevo ringraziarla dell’occasione concessami per parlare della mia professione, occasione che mi capita di rado. Noi steward all’interno degli stadi ci occupiamo, usando un termine comunque non corretto di “sicurezza” anche se le nostre mansioni originarie sono quelle di accoglienza e instradamento dei tifosi, col tempo poi sono cambiate.

La vostra funzione è di tutela dell'ordine pubblico agli interni degli stadi?Oppure fate servizio di prevenzione in altri luoghi?

Continuando sul discorso iniziato nella domanda precedente le posso dire che si, ora possiamo considerarci a tutti gli effetti tutori dell’ordine pubblico all’interno degli stadi, anche se poi tecnicamente parlando l’ordine pubblico è prerogativa delle forze di polizia. Diciamo che Steward e Forze dell’Ordine sono figure complementari che lavorano insieme per tutelare l’ordine pubblico con caratteristiche differenti: noi steward ci occupiamo principalmente di “safety” mentre le forze dell’ordine si occupano della “security”

Secondo la tua opinione le ore ed i corsi di formazione sono all'avanguardia?Vi sentite preparati ad ogni evenienza?

Secondo me i corsi sia teorici che pratici andrebbero modulati in maniera più esaustiva e puntuale; anche se poi è l’esperienza sul campo che ci forma lavorativamente e umanamente. Ecco perché credo sia importante che i colleghi anziani facciano da chiocce ai nuovi e che gli insegnino il mestiere.

Con che periodicità fate corsi di aggiornamento?

I corsi di aggiornamenti li facciamo qualora escano nuove leggi o norme che amplino o modifichino le nostre mansioni e i nostri incarichi. Comunque ogni domenica io tendo a fare delle esercitazioni con la mia squadra in moda da ricordare loro le procedure e le varie situazioni di criticità in cui potremmo trovarci.

Vi capita mai di seguire le squadre in trasferta anche li siete di supporto in stadi che non conoscete?

In alcune occasioni mi è capitato, si lavora normalmente perché le mansioni e i compiti degli steward sono le stesse in tutta Italia, è normale però che magari di città in città cambiano le modalità interne di lavoro e allora li è importante la collaborazione con i colleghi del posto.

Parliamo di compensi secondo la tua opinione è ora di alzare le retribuzioni?

Purtroppo la situazione compensi è una partita aperta, c’è troppa disparità tra una società e l’altra anche della stessa categoria. Bisognerebbe uniformare un compenso standard a livello nazionale anche in base alle responsabilità crescenti che ci vengono concesse. Come Associazione Nazionale Steward stiamo lavorando per questo, anche se ci tengo a sottolineare con forza che non siamo un sindacato e mai lo saremo. Lavoriamo per ottenere dei vantaggi sia per le società quindi più professionalità degli operatori, sia per gli operatori stessi, che contro a una professionalità superiore fornita ricevano in cambio compensi idonei

Vi capita mai di aver paura?

Naturalmente si, la paura in certi frangenti può essere anche un fattore positivo,aiuta a riflettere e a non procedere d’istinto. Però questo è un lavoro che ha un forte potenziale di rischio e pericolo e almeno personalmente ciò piace molto ecco perché ho lavorato parecchi anni al settore ospiti.

Puoi raccontarci qual'è stata la situazione che siete riusciti a gestire al meglio?

Le situazioni gestite al meglio sono tutte le partite in cui l’afflusso, lo svolgimento della partita e il deflusso si svolgono senza problemi; se in una di queste tre frasi succedono episodi di criticità sicuramente c’è stato un imprevisto o una situazione di pericolo che si è verificata inaspettatamente al quale riusciamo a porre rimedio.

Vi sentite degli eroi?Siete tutti compatti e coordinati..

Assolutamente non siamo eroi, e nessuno di noi ci si sente; c’è a chi piace fare questo lavoro e quindi profonde un impegno maggiore rispetto ad altri che fanno questo lavoro solo per la paga o per vedere la partita, e riallacciandomi a ciò posso affermare che non siamo tutti uniti e compatti e questo è un gran problema…

Personalmente con questo lavoro sei cresciuto e formato prima del tempo,ti senti una persona migliore?

Ma guarda una persona migliore non saprei, so però che intraprendendo questa professione sono cresciuto molto come persona, imparando parecchie cose. Credo comunque che il lavoro sia un’esperienza di vita che aiuti a crescere e magari a migliorarci.

Grazie Manuel per averci accolto e spiegato in maniera esauriente questo lato degli Steward.In bocca al lupo.


© Riproduzione riservata

Multimedia