Inzaghi Da Fabio Fazio E La Sua Voglia Di Ripartire

Simone Inzaghi in collegamento con Fabio Fazio a Che tempo che fa:"Non vediamo l'ora di ripartire, giocatori in difficoltà"

stampa articolo Scarica pdf

E' uno degli allenatori più giovani e più apprezzati in Italia. Pochi anni fa ha preso una Lazio in pessime condizioni e l'ha portata praticamente al vertice della Serie A: seconda in classifica in un campionato assurdo, fermato dal Coronavirus, in cui la Lazio stava dando lezioni di calcio a tutti a suon di vittorie.

Oggi Simone Inzaghi  è stato ospite di Fabio Fazio nell'ultima puntata di "Che tempo che fa" collegato con il Presidente del Coni Gianni  Malagò. Tema del giorno la ripresa del campionato, confermato dal Ministro Spadafora fissando la data per il 13 giugno. Questa l'opinione al riguardo di Malagò: "In Germania è ripreso il campionato, ma hanno sistemato anche il resto coinvolgendo la loro Serie B mentre da noi ci sono tanti punti interrogativi. Io preferisco il calcio giocato ed è così per tutti gli altri sport, però va tutto sistemato. Si partirà il 13 o il 20, ma non è tutto scontato che vada bene... La partita è aperta". Cosa succede con lo sci, ad esempio? "sono anni che lavoriamo e l'obiettivo è spostare i mondiali di sci di un anno. Se ad ottobre ci fosse un problema, come si gestiranno in sicurezza gli atleti, il mental coach, gli sponsor? Ognuno di noi ha davanti due ipotesi, tutte e due perdono, bisogna scegliere quella che perde meno"

Inzaghi, sei contento di ripartire? Sicuramente  è l'augurio che ci facciamo tutti per chi lavora e per i tifosi. I presupposti ci sono. Noi allenatori ci siamo sentiti e siamo d'accordo. C'è una gran voglia. 

Sarebbe una beffa con la Lazio così in alto in classifica? "Al di là della classifica, noi eravamo facendo qualcosa di straordinario, ma nel calcio puoi passare in un attimo dalle stelle alle stalle. Noi siamo in sicurezza nei nostri impianti, siamo monitorati ogni giorno, siamo avanti. C'è tanta voglia".  E se uno si infetta? "Stiamo aspettando il protocollo, dovesse accadere  si mette in isolamento e aspettiamo. I giocatori hanno tanta voglia, ma non mancano le difficoltà dopo 62 giorni. Dopo questi 20 giorni sono migliorati. Non sono ingrassati tanto, ma di solito stanno fermi al massimo tre settimane e penso che questo sia un problema"

 Un pensiero anche sul fratello Filippo: "Pippo spera di ricominciare, in B non hanno ripreso nemmeno gli allenamenti."

In studio c'è anche il professor Burioni e con ironia si ricorda la vittoria dello Scudetto del 2000 per poi far scorrere una serie di immagini con le vittorie e i gol di Inzaghi in biancoceleste. 

© Riproduzione riservata