Paola Gruppuso

Paola Gruppuso

Noemi è stata una bravissima coach all'interno del programma. Diceva che non era importante la nota perfetta, ma le emozioni che si trasmettono.

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Registrato nei primi mesi dell’anno il video di Tonight, il brano cantato da Paola Gruppuso, è on line, pronto per diventare il singolo dell’estate. Composto da Fred Balboni, Vincent Prezioso, Tommy Iannello, Cooper Anderson, è un testo ricco di sogni, partenze, amori, affetti, accompagnato dall’energia di una musica fresca e da una voce coinvolgente.

Il nostro art magazine incontra la giovane promessa della musica italiana, Paola Gruppuso.

Tonight è già apprezzato dal popolo del web. Una prima vittoria per te e per il tuo entourage! Come stai vivendo queste prime soddisfazioni?

Vedere che la gente apprezza la tua musica è qualcosa di meraviglioso. Anche perché dopo tanto lavoro e tanti sacrifici è quello che si spera di ottenere. Siamo arrivati fino a Boston per registrare questo brano e posso affermare che ne è valsa la pena, visti i riscontri!!!

Il brano è stato registrato a Boston. Che esperienza è stata?

Registrare negli Stati Uniti è stato allo stesso tempo fantastico ma anche complicato. Parlare una lingua che non è la propria utilizzando termini tecnici del mestiere non è facile, ma dopo la prima mezz'ora diciamo che è andato tutto liscio e ci siamo capiti al volo!!

Il testo racconta di una storia d'amore tra due ragazzi e di un'ultima possibilità che viene data ad uno dei due amanti. Bisogna sempre dare una seconda possibilità?

Se devo dire la verità, nella mia vita non ho mai dato seconde possibilità a nessuno. Però forse dovrei essere meno drastica e iniziare a darne qualcuna!

Vuoi raccontarci del video?

Il video di "Tonight" viene girato a febbraio 2015 nel bellissimo palazzo del '900 Burgio-Spanò. Grazie alle sue particolari caratteristiche viene scelto dal suo produttore e dagli operatori di macchina (Alessandro Palermo e Giampiero Anastasi) come location per il videoclip. Il brano parla di una storia d'amore e di un'ultima possibilità che viene data ad uno dei due amanti proprio "questa sera". I due amanti vengono interpretati da due bravissimi ballerini della Rose Ballet Academy di Marsala: Francesco Casano e Agata Bulferi. Inoltre il gruppo di ballerini che fungono da cornice ottocentesca fanno tutti parte della Rose Ballet Academy. Ha dato un tocco importante anche Alessio Bilardello che con le sue bolle ha fatto delle vere e proprie magie. Il gruppo che nel video mi accompagna è composto da Giovanni Pizzitola (pianista), Daniele Guggino (bassista), Massimo Grillo (batterista) e Fabrizio Cascio (chitarrista).

Paola, ti avvali di autori che compongono le tue canzoni. E’ difficile trovare la giusta interpretazione dei brani che ti propongono?

Devo ammettere che fino ad ora ho trovato degli autori che hanno saputo cogliere in pieno ciò che sono, quindi non ho avuto grosse difficoltà ad interpretare i testi che mi hanno assegnato.

La tua esperienza a The  Voice ti ha visto in squadra  con Noemi. Quali consigli ti ha dato il tuo coach durante il talent?

Noemi è stata una bravissima coach all'interno del programma. È stata molto presente con noi ragazzi. Il consiglio che ci dava sempre era quello di divertirci! Diceva che non era importante la nota perfetta, ma le emozioni che si trasmettono.

Io Canto nel 2010 e The Voice nel 2013. Per emergere bisogna passare per i talent?

I talent sono ormai delle vetrine che permettono di farsi conoscere. La discografia non è più come un tempo. Prima si portava il proprio disco ad una casa discografica e se eri un buon cantante ti proponevano un contratto. Adesso non è più così facile e quella dei talent è una buona opzione da scegliere.

Chi sono gli artisti ai quali ti ispiri?

In realtà non mi ispiro a molti artisti, ma ad uno in particolare: Freddie Mercury. Secondo me è uno tra gli artisti più bravi al mondo. Grande voce, grande personalità, grande presenza scenica! È una leggenda e ha scritto dei grandi capolavori.

Nel 2012 Hai pubblicato il tuo primo EP dal titolo Grazie in anticipo.  In cosa è cambiata Paola Gruppuso in questi due anni?

Sono cambiata molto da allora. A livello vocale, perché la voce è maturata ancora, ma anche per quanto riguarda l'immagine e diciamo che credo di essere un po' più matura e diplomatica rispetto a due anni fa.

Da Alcamo a Boston. Viaggio lungo. Raccontaci come è stato ritrovarsi a 19 anni in America?

Non capita tutti i giorni di ritrovarsi in America a quest'età. Addirittura la prima volta che ci sono stata avevo appena compiuto 18 anni. Non ci sarei arrivata se non grazie a Nino Chirco, il mio produttore, che mi ha permesso di fare quest'esperienza meravigliosa. L'America è l'America!

In cosa si diversificano ed in cosa si somigliano il pubblico americano e quello italiano?

Non ci sono tante differenze tra il pubblico italiano e quello americano. Ma ce n'è una molto evidente: gli americani sono più espansivi ed emotivi rispetto agli italiani. Proprio per questo esistono le "americanate"! Non esitano per piangere o per iniziare a saltare, urlare...Ma posso affermare che sono veramente fantastici!!

Paola raccontaci un po’ di te. Come trascorri il tempo libero?

La maggior parte del tempo lo dedico alla musica. Tra tecnica vocale e prove col mio gruppo. Vado in palestra e diciamo che la sera non sto mai a casa. Mi piace molto uscire con gli amici.

Hai iniziato a cantare da piccola, come ti sei avvicinata alla musica?

Mi sono avvicinata per caso. Mi trovavo in Germania a casa di parenti. Una mia zia aveva un karaoke ed io e mio fratello ci siamo messi lì a cantare. Abbiamo cantato insieme “Vivo per lei” ed appena abbiamo finito tutti ci hanno guardati un po’ perplessi. Non si aspettavano e non ci aspettavamo che sapessimo cantare. Da lì è iniziato un po’ tutto.

La tua famiglia ti ha supportato in questo percorso?

La mia famiglia mi ha sempre sostenuto in qualsiasi occasione. Dalle prime gare di canto in parrocchia a "The Voice" o "Io canto". Mi hanno sempre incoraggiato ad andare avanti e a non mollare mai.

Quanta sicilianità c’è nella tua  musica?

Amo moltissimo la mia terra e nella mia musica questo amore è molto presente anche nei testi. Tra l'altro in sala di registrazione ogni tanto mi prendevo dei rimproveri perché sbagliavo la dizione!!! Ma come si fa a cambiare l'accento ad una siciliana?!

Che musica ascolti?

Ascolto musica pop-rock…Queen, Beatles, Pink Floyd, Led Zeppelin.

L’ultimo concerto che hai visto?

L'ultimo è stato quello di Marco Mengoni. Mi piacerebbe vederne uno dei Negramaro.

L’ultimo libro che hai letto?

Ho riletto con piacere "Mille splendidi soli" di Khaled Hosseini.

Hai una lampada magica a disposizione. Tre desideri…

Ne userei solo uno per ora: avere un futuro felice e tranquillo.

Paola quest’estate vacanza o lavoro?

Avendo un mare così bello a due passi non posso che dire vacanza!!

Sara Grillo

© Riproduzione riservata

Multimedia