MURONI - BONAFONI : SEPOLTURA NON AUTORIZZATA

MURONI - BONAFONI : SEPOLTURA NON AUTORIZZATA

SU QUESTIONE VENGA FATTA SUBITO CHIAREZZA

stampa articolo Scarica pdf

ROMA, MURONI - BONAFONI : SEPOLTURA NON AUTORIZZATA, SU QUESTIONE VENGA FATTA SUBITO CHIAREZZA

“L’allarme che arriva da una giovane donna di Roma - che dopo aver interrotto la gravidanza per scopi terapeutici è venuta a conoscenza che il feto era stato sepolto nel cimitero Flaminio senza il suo consenso e sotto una croce che recita il suo nome - rappresenta una grave violazione della privacy oltre che della libertà di scelta e dei diritti delle donne.

Per sollecitare iniziative normative che garantiscano sempre la tutela dei diritti delle donne, la verifica delle procedure seguite nel caso romano e il pieno rispetto della legge 194/1978 abbiamo presentato una interrogazione alla Regione Lazio e una interrogazione al Presidente del Consiglio Conte. I due atti sono sottoscritti anche dai Consiglieri Marta Leonori ed Alessandro Capriccioli e dalle deputate Silvia Benedetti, Doriana Sarli, Elisa Tripodi, Paola Deiana, Stefania Pezzopane, Vita Martinciglio, Chiara Gagnarli, Laura Boldrini, Susanna Cenni, Fitzgerald Nissoli, Vittoria Casa, Virginia Villani, Angela Schirò, Lucia Ciampi, Flora Frate, Valeria De Lorenzo, Gilda Sportiello, Azzurra Cancelleri, Enza Bruno Bossio, Stefania Ascari, Marta Grande, Fabiola Bologna ed Elisabetta Maria Barbuto.

Il Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria obbliga l’ospedale di competenza e le ASL a seppellire il feto abortito anche in assenza della volontà della donna o dei genitori. Affinché venga garantita la riconoscibilità del trasporto fino al cimitero, al feto vengono associate delle generalità, spesso individuate nel nome e cognome della donna.

Quello che però non è previsto da nessun obbligo normativo è che quelle generalità finiscano poi sulla sepoltura. È quanto ad esempio avviene nel cimitero Laurentino del “Giardino degli Angeli”, uno spazio di sepoltura dove i feti vengono identificati attraverso un codice di riferimento. Contestualmente al codice, presso il cimitero Flaminio, vengono associate le generalità della donna, senza che ciò sia previsto e non tenendo conto dei diritti di scelta della donna stessa. La responsabilità di questa previsione ricade sugli organi competenti, il Comune di Roma Capitale e la società AMA Roma S.p.A., che a quanto si evince operano con discrezionalità tale previsione di legge.

Altro aspetto, è la previsione della croce come segno funerario, un simbolo che, sempre in assenza di indicazioni, viene utilizzata perché quello più comunemente e tradizionalmente in uso. Il caso emerso richiede un impegno immediato di tutte le istituzioni coinvolte, per verificare che i regolamenti siano correttamente applicati senza forzature e nel rispetto delle donne coinvolte. Ci attiveremo immediatamente per modificare laddove necessario le previsioni, a livello comunale e regionale, a partire dal regolamento anche attraverso un recepimento regionale ad hoc – ad oggi inesistente – come punto di partenza per tutelare volontà e decisioni che per diritto, dovrebbero spettare alle persone interessate. E chiediamo che ci sia un monitoraggio costante del rispetto di quanto già oggi previsto.”

Così in una nota congiunta la deputata LeU Rossella Muroni e la consigliera del Lazio Marta Bonafoni, Capogruppo Lista Civica Zingaretti.

SU RICHIESTA SONO DISPONIBILI I TESTI DELLE DUE INTERROGAZIONI

© Riproduzione riservata