IL PENSIERO DI STEFANO TRUPIA: Brand2live

IL PENSIERO DI STEFANO TRUPIA: Brand2live

UN VISIONARIO PRAGMATICO TRA METODO E SOLUZIONE STRATEGICA

stampa articolo Scarica pdf

IL PENSIERO DI STEFANO TRUPIA: Brand2live

UN VISIONARIO PRAGMATICO TRA METODO E SOLUZIONE STRATEGICA

Il grande Vinicius De Moraes diceva che “ A Vida è a arte do encontro”.

Oggi facciamo 4 chiacchiere con un eclettico e versatile professionista.

Ciao Stefano Trupia, benevenuto su Unfolding Roma. Raccontaci chi sei.

Cosa hanno in comune: A. Turing - Nick Marshall - Mrs Doubtfire con il sottoscritto? 

A.Turing è un matematico, colui che guardando le cose da un punto di vista totalmente distinto dalla massa (fu preso per matto, arrogante, ecc...) riuscì a decifrare il codice enigma, usato abilmente dai nazisti ai tempi della seconda guerra mondiale. Ci accomuna proprio la capacità di analizzare le cose da un punto distinto, ovvero quello del prossimo.

N.Marshall - è il personaggio chiave di una commedia di successo. Interpretato da Mel Gibson, il buon Nick creativo di successo, riceve il dono (accidentale) di riuscire a comprendere i pensieri delle donne. 

Così come Marshall, sono appassionato del funzionamento del processo decisionale umano senza esclusione di genere  in particolare legato alla fase critica delle vendite e non solo alle donne (ride)

Mrs. Doubtfire - è il personaggio chiave dell'omonimo film, in cui l'eccezionale Robin Williams, interpreta il ruolo di un padre che pur di stare vicino ai suoi figli, decide di trasformarsi in una straordinaria tata dopo la sua separazione. A quel personaggio sono molto legato, visto il rapporto straordinario costruito con mia figlia durante e dopo il divorzio.

Dopo questo splendido confronto tra personaggi, insomma cosa fai nella vita ?

Dopo 17 anni nel mondo delle compagnie aeree, trascorsi percorrendo una entusiasmante carriera, che mi ha visto crescere da semplice agente di sicurezza a direttore vendite, ho maturato la volontà di prendere in mano la mia vita e di restituire all'universo ciò che mi aveva donato, fondando Brand2live nel 2006. Una scelta controcorrente, da molti criticata all'inizio, che mi ha portato a rinunciare ad una dorata dirigenza per inseguire il mio sogno. Una società di consulenza e di formazione unica in Italia e tra le pochissime in Europa, focalizzata nell'elevare l'efficacia delle conversazioni di vendita col target.  Mettiamo a disposizione delle aziende, in particolare delle organizzazioni vendite, di marketing e recentemente di Talent Acquisition, le conoscenze scientifiche del funzionamento del processo decisionale umano, sotto forma di pragmatici metodi e soluzioni strategiche per elevare la loro redditività.  La scelta di 93 brand nel mondo, alcune top 1000 Fortune.

Sei quindi un Manager o un Formatore “insolito “?

Ti ringrazio, ma non mi ritengo un "formatore", non perché vi sia nulla di male nell'esserlo, ma sono una figura professionale che esce tipicamente dal ruolo. Sono un commerciale che vende, sono un manager che ha gestito e gestisce organizzazioni complesse non solo in Italia, sono un imprenditore, sono un creativo che per anni ha organizzato eventi di marketing non convenzionali (un paio di Guinness World of records), ma sono anche un formatore efficace (almeno dicono gli indici di gradimento delle oltre 4.500 persone formate nel mondo). Non credo vi sia una corretta definizione, in ogni caso molti clienti mi hanno definito un "visionario pragmatico", questa è la definizione più corretta, quella che più mi descrive. Limitarmi alla sola teoria non è di mio interesse, infatti mi ha sempre annoiato così come coloro che la praticano. Mentre dargli seguito con la messa a terra in soluzioni ed azioni pratiche è la mia (sana) ossessione. Inoltre la formazione è solo uno dei tre elementi che compongono il percorso che presentiamo alle aziende, che si somma all' analisi e pianificazione e successivamente all'affiancamento sul campo.

Chi è il tuo cliente ideale ?

Non esiste un cliente ideale, esistono aziende e persone che vedono nel cambiamento un'opportunità e non un pericolo. Chi vede nell'apprendimento continuo e nel pragmatismo valori essenziali per avere successo. Sicuramente le soluzioni di Brand2live sono spesso la scelta di grandi aziende, di multinazionali, ma non solo. All'iniziano spaventano, perché la gente ha una certa naturale ritrosia verso qualcosa di diverso di cui non sa, ma quando le conoscono, scoprono quanto sia cruciale per loro conoscere il funzionamento del processo decisionale sia nella vita privata che nel lavoro, di conseguenza non ne fanno più a meno. Acquisiscono maggiore consapevolezza grazie all'abilità di saper comunicare in modo davvero efficace riducendo i conflitti e generando maggior consenso.

Vivi a Milano, come stai vivendo e cosa pensi di  questa Pandemia ?

Sono abituato a guardare gli aspetti positivi delle cose, infatti da sempre rigetto il pensiero negativo e lo combatto con tutte le mie forze. Per questo ho riscoperto sia il valore del tempo che me stesso. Ho accolto questa Pandemia, con le sue conseguenze, come un dono per rimettermi in equilibrio, studiare, approfondire e conoscere cose nuove. Vivere il lockdown da solo mi ha stimolato a dotarmi di nuovi strumenti e a ricercare più profonde risorse che tenevo nascoste chissà dove. Mi hanno trasmesso pace, equilibrio interiore e tanta consapevolezza maturando una nuova carica di energia positiva unica. Invece, da un punto di vista umano mi ha aiutato a comprendere come la natura abbia rimesso in ordine gli equilibri di forza ricordandoci che siamo ospiti e non attori protagonisti assoluti su questa terra. 

Cosa faresti per migliorare la situazione di molti imprenditori, ristoratori, bar, pub, e altre aziende italiane ?

La Pandemia ha un grande pregio, ha rivelato che il "Re è nudo". A livello globale ha smascherato l'inefficienza e la poca preparazione, della classe politica (senza esclusione di colore e colpi), ma anche quella di molte persone che spesso si sono lanciate nel business senza le dovute competenze. Mai come oggi la differenza la fanno la fermezza nel saper prendere decisioni coraggiose che poi altro non sono che il frutto di conoscenze e competenze. Una società che non vede nell'istruzione il punto chiave è una società destinata al declino. Questa miopia è davvero preoccupante. Non si tratta di "curare il presente", ma di costruire un nuovo futuro.

Il lockdown ha rafforzato in me un concetto chiave, aiutati da solo (punto). Anche la mia di azienda ha subito ripercussioni, ed è stato lo stimolo per lavorare ancora più sodo. Ho utilizzato il tempo per ragionare, studiare le risposte dei mercati e comprendere o intercettare le nuove tendenze. Avrei potuto preoccuparmi, lasciarmi spazio alle ansie e così via, ma al contrario trovato ancor più energia per lottare. Ho rafforzato e diversificato il portfolio dei servizi offerti. Ho stretto partnership con aziende di assoluto valore complementari alla mia, vedi Vantage Point Performance negli Stati Uniti (una delle top 20 sales training company to watch in 2020, fonte trainingindustry.com). Credo che le risposte non possano e non debbano arrivare solo dalle istituzioni, ma che molto dipenda da noi stessi. Nulla è più come prima. Prima lo si comprende e prima si uscirà da questa situazione.

Quale messaggio vuoi dare a chi vorrebbe fare il tuo lavoro ?

Il mio non è un lavoro, ma è una passione (ride). Ovvero la traduzione dell'inclinazione naturale del mio percorso umano e professionale e la naturale dedizione a far brillare il talento e i risultati altrui. Ma tutto questo non basta, occorre volontà di mettersi in gioco, di continua autocritica, di saper soffrire, e per questo  di grande determinazione. Il lavoro è stupendo, perché ti mette a contatto con tantissimi professionisti nel mondo, di business e mercati diversi. Uno stimolo incredibile che ti porta inesorabilmente a crescere, facendo concretamente la differenza.

La frase piu’ bella di un libro o film

"Non devi avere paura del buio”, anzi, oserei dire che non devi avere paura di niente. Mai e poi mai. Una persona forte è una persona che non teme di stare da sola. Sono altre le persone di cui preoccuparti, quelle persone che ti dicono cosa fare e provare. E in un batter d'occhio hai sprecato la tua vita cercando qualcosa che altre persone ti hanno detto di cercare. Un giorno rimarrai tutta sola, quindi devi imparare a prenderti cura di te stessa." Da Alice Harmon, la Regina degli Scacchi, Netflix 2020.

Questa frase racchiude esattamente il mio percorso, la mia vita, in parole povere chi sono oggi e cosa vorrò essere domani.  

Ringrazio Stefano Tupia e concludo esortando insieme a lui i nostri lettori ad

essere sempre più curiosi, affamati di sapere, vogliosi di vivere.

Viaggiate, ma soprattutto divertitevi in ogni cosa che fate. Aprite le vostri menti, ribellatevi al pensiero unico usando la vostra testa. Uscite dagli schemi, valorizzate voi stessi e soprattutto diffidate da chi vi dice chi siete e cosa fare. In ogni individuo vi è del talento pronto a brillare e sta solo a voi farlo. Evviva le persone eclettiche sempre !

di Francesca Rasi

© Riproduzione riservata