Hellas Verona - Roma

Chi rinuncia ai sogni è destinato a morire. Jim Morrison

803
stampa articolo Scarica pdf

Hellas Verona (4-3-1-2): Rafael, Pisano, Marquez, Moras, Souprayen, Sala, Greco, Hallfredsson, Jankovic, Gomez, Toni.A disp.: Gollini, Vencato, Albertazzi, Bianchetti, Winck, Laner, Romulo, Viviani, Zaccagni, Fares, Pazzini, Siligardi.All.: Mandorlini.

AS Roma (4-3-3): Szczesny, Florenzi, Castan, Manolas, Torosidis, Nainggolan, De Rossi, Pjanic, Salah, Dzeko, Gervinho.A disp.: Lobont, De Sanctis, Gyomber, Anocic, Keita, Paredes, Ucan, Machin, Totti, Ibarbo, Ljajic, I.Falque.

All.: Garcia.

22 Agosto 2015 ore 18;00 va in onda la prima giornata del Campionato 2015/2016 che vede di fronte la Roma di Garcia ed il Verona di Mandorlini.Parte bene il Verona che già al 1' minuto ci prova con Gomez in accelerazione. La partita comincia così e più o meno si attesterà su questi ritmi, la Roma gioca centrale senza sfruttare le ripartenze rischiando parecchio per tutto il primo tempo. I nuovi innesti non creano quello scompiglio che ci si aspettava alla vigilia, una Roma che nella partita di presentazione con il Siviglia ci era sembrata cinica e affiatata, oggi ha stentato peccando di lentezza e poca coordinazione. Nel secondo tempo salgono i ritmi il Verona mantiene il possesso palla e domina il campo, la Roma sale e cerca di compattarsi, Dzeko prova più volte a mettersi in mostra, ma sembra non riuscire a trovare la sua dimensione, i centrocampisti stentano, non salgono e mettono in difficoltà l'attacco in più di un'occasione, un Salah non proprio in forma, si trova a recuperare palla nella propria area di rigore, tornando in attacco ma perdendo l'occasione.Al 20' del primo tempo Florenzi conquista un buon calcio d'angolo, batte Pjanic che taglia il campo andando a trovare Salah che senza troppa potenza si fa respingere dal portiere, un Rafael attento e preciso che salva in più di un'occasione la porta gialloblu.Siamo al 22' altra occasione per la Roma, inserimento di Pjanic che serve di riflesso Nainggolan, ma la palla viene respinta, la Roma si avvicina timidamente all'area di rigore avversaria ma il Verona trova agevolmente l'accelerazione in ripartenza.Pjanic nel primo tempo sbaglia molto, impreciso e poco attento nei rimpalli, migliora nel secondo tempo con gli ultimi due angoli serviti egregiamente ma trasformati in cross senza senso da un Rafael praticamente perfetto che gli mura anche due tentativi di realizzazione.De Rossi come al solito si divide in due ed al 35' ruba palla dopo un'azione del Verona cercando in una bomba dai 35' metri il gol della liberazione..la Roma è nevosa ed i fantasmi della passata stagione sembrano puntualmente ripresentarsi,cosi è Toni che al 28' si invola in un fraseggio con Jankovic, provando una realizzazione che l' ottimo Szczesny vanifica immediatamente. Salgono i nervi ed il primo ammonito sarà Souprayen per una vistosa trattenuta su Salah, giocatore imponente crea alla Roma non poche difficoltà, la prima frazione di gioco si conclude sullo 0 – 0, i giallorossi danno l'impressione di essere fuori tempo, spenti e privi di iniziativa, due attaccanti Salah e Dzeko si giocano la credibilità, e il migliore in campo insieme ad un Manolas impeccabile e sempre sul “pezzo” rimane Florenzi che macina Km, copre tutta la fascia avanti ed indietro come ai tempi del miglior Cafù... il ritorno di Castan sembra incoraggiante, benchè pecchi ancora sul controllo di testa. .Nota di merito ancora a Szczesny, al 55° Hallfredsson sfugge a Manolas portandosi sul portiere che con 2 parate miracolose ci spiega il motivo della scelta di Garcia, certo al 60' subisce il gol di Jankovic che quasi senza guardare, mette la palla proprio al lato del palo, un 1 a 0 che tutti ci aspettavamo e l'incubo ricomincia con la Roma che rabbiosa fa salire i ritmi senza efficacia come un motore mandato su di giri con il freno a mano tirato!E Garcia manda in scena il Valzer delle sostituzioni, fuori Salah per I. Falque e De Rossi per Keita.Siamo al 65', goal strepitoso di Florenzi al limite dell'area di rigore piazzato sulla destra di Rafael, creato arrivando in velocità e tirando un tiro di potenza a spiazzare il portiere, La Roma sembra riprendere fiato, ma dura poco ed i ritmi scendono nuovamente, il Verona effettua due cambi Gomez per Siligardi che al 76' impegna anche lui senza troppa difficoltà Szczesny e Jankovic per Pazzini, mentre Ibarbo andrà a sostituire Gervinho, la Roma negli ultimi minuti recupera qualcosa anche grazie al cambio di modulo, 4 – 2 – 3 -1 con Keita e Pjanic a sostegno dell'attacco.Ultimi fuochi e Castan che verrà ammonito per un fallo su Toni.La Roma esce con un risultato giusto per la partita disputata, ma non si scrolla l'atteggiamento rinunciatario e remissivo.1 - 1 La prima di Campionato si chiude con una Roma che molto probabilmente si ritroverà ad inseguire la Juventus che domani sera aspetta l'Udinese..


Laura Tarani

© Riproduzione riservata