Incontro Letterario Con Luigi Fontanella

Incontro Letterario Con Luigi Fontanella

Una conversazione con il poeta al Fuis di Roma. La recensione di UnfoldingRoma

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

L'adolescenza e la notte, silloge poetica che vanta 60 liriche scorre molto bene. Si legge con sapienza e l'uso del lessico è ricercato e denota uno stile elegante e morbido. Si rimane coinvolti, soprattutto verso alcuni versi delicati e profondi, ricchi di osservazione pura.

Scegliere un lavoro di certo porta a far vivere esperienze emozionali che mai si dimenticheranno. Una di queste è stata venire a conoscenza di una realtà poetica della Capitale, il Fuis, Federazione Unitaria Italiana Scrittori, con sede a Piazza Augusto Imperatore 4.

Costituitasi il 23 luglio 2009 per volontà di organizzazioni di categoria, Sindacato Nazionale Scrittori, Sindacato Libero Scrittori Italiani e Unione Nazionale Scrittori e Artisti, le finalità sono tutelare i diritti degli autori, degli scrittori, promuovere la scrittura e i suoi autori, libri e lettura attraverso presentazioni, manifestazioni e convegni.

Molta attenzione è dedicata al patrimonio storico, letterario e artistico italiano mentre le collaborazioni con le biblioteche pubbliche e private sono sempre aperte. Il Fuis è un punto di incontro notevole ove discussioni fra poeti, scrittori e artisti sono all’ordine del giorno.

UnfoldingRoma ha assistito a uno di questi scambi letterari all’interno degli incontri Percorsi d’Autore ideata da Elio Pecora che ha introdotto il libro di Luigi Fontanella il quale ha donato al pubblico il suo tempo trainandolo con i versi de L’adolescenza e la notte, ed. Passigli.

Il 19 maggio scorso, così, abbiamo avuto la possibilità di viziare i nostri orecchi sia grazie all’emblematico dibattito tra Pecora e Fontanella per i rimandi storici e letterari sia grazie agli interventi degli astanti che hanno sorpreso per il lessico di spicco e forbito.

Elio Pecora, noto poeta, scrittore e saggista italiano e autore di poesie, ha introdotto la realtà del Fuis la quale, dopo 60 anni, entra in una realtà storica piena di novità, tra cui la rappresentatività e la distribuzione delle risorse collettive tramite organizzazioni europee e altre che tutelano gli scrittori nonché la scelta di autori italiani da proporre a livello internazionale. E non solo la poesia, ma anche saggistica e narrativa rientrano in questo progetto.

Luigi Fontanella, critico letterario, poeta, scrittore e traduttore italiano, vive tra Firenze e Long Island (New York) dove insegna Italianistica presso la State University of New York.  Fondatore e presidente dell'IPA - Italian Poetry of America, oltre che direttore sia della casa editrice Gradiva Publications che del An International Journal of Italian Poetry per la casa editrice Olschki di Gradiva. L’autore, inoltre, presiede il Premio Internazionale di Poesia Gradiva, fondato nel 2012. Nominato Cavaliere dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi nel 2004 e nel 2014 riceve il Premio Nazionale Frascati Poesia alla Carriera. Molte pubblicazioni alle spalle, tra cui numerosi articoli specialistici, diverse opere di critica letteraria, raccolte poetiche e testi di narrativa, oltre a essere autore di sceneggiature, traduzioni e lavori teatrali.

La piacevole conversazione tra i due poeti si è dimostrata stimolante e ricca di contenuti, tra confronti e differenti punti di osservazione. Il libro di Fontanella, L’adolescenza e la notte, è strutturato in due sezioni che assumono significati precisi di carattere nostalgico. Una rafforza l’altra e l’accompagna.

Frasi nette, corte, ferrate e intense. Versi che riconoscono una vita vissuta restituendola ai luoghi, atmosfere cittadine, scuola, persone, sapori, giochi dell’infanzia, amori, stagioni, sogni e spazi aperti costruendo domande insolute.

Una silloge di 60 poesie con l’introduzione delle liriche di Novalis, Kierkegaard e Chopin, che aprono rispettivamente la Notte e l’adolescenza. Rimandi non distanti dall’idea dell’autore che svolgono un’azione dolce nello scorrere elegante, fluido e soave della raccolta poetica ove la ricercatezza del linguaggio risuona dentro.

Molti, dunque, i ricordi che si intrecciano donando un senso delle immagini netto e preciso, come entrare dentro un film. Tutto ciò che viene espresso avviene mediante l’uso costante e consapevole del presente, avendo voluto sviscerare il passato e liberarlo. Poiché ora ci si conosce meglio il dolore è minore e di sicuro tutto è custodito nella complementarietà della notte, l’onirico che tende a valorizzare lo stato di dormiveglia, prima di addormentarsi o quando si è prossimi a svegliarsi.

I luoghi si trasformano. Attuali e appartenenti alla vita di oggi aprono la sincronicità tra l’adolescenza e la notte. In contrapposizione, luminosità e buio coadiuvano l’armonia dando un senso alla vita, quasi una ricomposizione legata all’anima riallacciando il legame con l’adolescenza. La notte è un proseguo, si contempla. Sequenze, panning di ciò che si sogna e si fissa al momento. Silenzio, dolcezza, riflessioni, curiosità, ascolto di quello che accade interiormente. Pace.

Molti riferimenti letterari attingendo alla letteratura francese, italiana e russa hanno ispirato Luigi Fontanella alla composizione dei suoi versi. Richiami quali, anche durante la presentazione del libro sono emersi dall’adolescenza per ricordare Pasolini, la Morante e Rosseau.

Mancanza e perdita sono dimensioni forti e marcate dovute al consistente ritmo dei versi liberi con i quali l’autore vive la nostalgia, appunto, partendo dal momento della prima età. I riferimenti autobiografici sottolineano una volontà di ricostruire un’identità, l’infanzia, sia per recuperare figure del passato che ora manca sia per procedere con il proprio percorso e riposarsi nell’abbraccio della notte.

Quindi, collegamenti e legami tra scrittori e citazioni utili alla poesia per creare un filo conduttore narrativo mediante termini ricorrenti ai quali si è più affezionati. Contaminazioni che l’autore inserisce sapientemente nell’insieme per rendere il livello culturale morbido e alto allo stesso tempo.

Annalisa Civitelli

© Riproduzione riservata

Multimedia