DIAMOCI DEL TU GAIA DE LAURENTIS E PIETRO LONGHI AL TEATRO ROMA

DIAMOCI DEL TU GAIA DE LAURENTIS E PIETRO LONGHI AL TEATRO ROMA

Raccontarsi… Ricordi, il tempo che scorre, tra incomunicabilità e colpi di scena.

stampa articolo Scarica pdf


Cosa puo’ succedere in una stanza in una notte tra un uomo e una donna che condividono la vita da 28 anni ? Si puo’ recuperare tutto il tempo perduto, in una relazione cosi’ distante tra un datore di lavoro e la sua domestica ?


E’ andato in scena al Teatro Roma, nel primo spettacolo in cartellone dopo il lungo stop, “Diamoci de Tu” con Gaia De Laurentis e Pietro Longhi con una formidabile regia di Enrico Maria Lamanna.

Un bellissimo testo, del drammaturgo canadese Norm Foster, che racconta un rapporto di convivenza di due personaggi, che non condividono né affetto né intimità, che non sanno nulla l’uno dell’altra, eppure alla fine saranno cosi’ intime e legate, senza piu’ formalismo.

I protagonisti sono una domestica ed il suo datore di lavoro duro e burbero che all’improvviso, si conoscono, profondamente e tra i due nasce una relazione ironica e profonda, tra lo scorrere del tempo, tra segreti e dolori.

Un confronto tra due epoche, due ruoli diversi, due vite private a confronto, che per la prima volta si danno del “tu” e si chiamano per nome.

Lei sa tutto di lui, mentre lui stupito di tutte le sue rivelazioni, non sa nulla di lei, nonostante lavori per lui da 28 anni.

E così, in una fredda serata i due cominciano a confrontarsi per la prima volta senza la formalità dei ruoli, e ripercorrono la loro vita, parlando di infanzia, amori e solitudine.

Viva il Teatro fatto di racconti, ricordi, storie che emozionano, che fanno ridere, piangere, sorprendere, che fanno emozionare.

Una Commedia originale, brillante, romantica, con un finale non scontato e che dona speranza.

Quando c’è una storia da raccontare, il teatro è meraviglioso.

di Francesca Rasi 

© Riproduzione riservata