Roma - Sassuolo

300!!! Grande Capitano. Ma alla Roma non basta.

stampa articolo Scarica pdf

ROMA (4-3-3) : De Sanctis; Maicon, Manolas, Rudiger,Torosidis; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Salah, Totti, Iturbe. All: Garcia. A disp: Lobont, Castan, Gyomber, Digne, Florenzi, Vainqueur, Keita, Uçan, Iago Falque, Džeko, Gervinho, Ponce

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Missiroli, Magnanelli, Duncan; Floro Flores, Defrel, Politano. All: Di Francesco. A disp: Pomini, Pegolo, Pellegrini, Sansone, Laribi, Ariaudo, Biondini, Terranova, Floccari, Fontanesi, Berardi, Falcinelli

“ Non per sciopero o per protesta, ma per tifare liberi senza chinare mai la testa” fuori dallo stadio campeggia questo striscione e la curva sud è semi-vuota per la protesta contro la divisione del settore decisa dalla Prefettura che pur mantenendo alcuni standard di sicurezza, limita in modo netto la libertà di movimento che c'è sempre stata tra i tifosi.

Roma, 20 settembre 2015, Stadio Olimpico, la notte di Champions lascia i suoi strascichi e nonostante il palcoscenico sia sempre lo stesso il risultato stavolta lascia un po' di amaro in bocca, la carica dell'ottima prestazione ottenuta contro il Barcellona sembra perdere di intensità già dopo i primi minuti di gioco contro un Sassuolo ben messo in campo e intenzionato a non perdere di credibilità, Di Francesco schiera una formazione fresca e concentrata, la Roma gioca a singhiozzo cercando di non cadere sotto le spinte avversarie ma senza spingere troppo, quasi a doversi risvegliare dal sogno appena vissuto.

Garcia sceglie una squadra diversa, forse per dare respiro ai vari reparti, benchè ogni partita sia da considerarsi in maniera indipendente, il tecnico non forza la mano lasciando Dzeko, Iago Falque e Florenzi in panchina, puntando su Totti, Pijanic, e Maicon. Capitolo a parte il discorso portiere, l'assenza forzata di Szczesny,( il suo rientro è previsto per ottobre), a causa dell'infortunio rimediato nello scontro con Suarez ,costringe Garcia ad impiegare De Sanctis , autore di una buonissima prestazione contro la squadra spagnola, ma con qualche responsabilità di troppo sulle realizzazioni del Sassuolo . Il Sassuolo parte subito benissimo, Politano ( sempre dagli ex arrivano le sorpese...) e Floro Flores in grande spolvero fanno da cornice alla buona prestazione di Defrel che al 21' del primo tempo beffa di sinistro De Sanctis che vede a fil di palo la palla gonfiare la rete senza avere il tempo di reagire, 0-1, responsabilità del portiere ma anche sofferenza in difesa con un Manolas non lucidissimo e Rudiger in affanno, Maicon alla sua prima prestazione dopo mesi di assenza non trova le giuste angolazioni ed i limiti di questa Roma si fanno evidenti, con un gioco molto lento ed una squadra troppo lunga sulle fasce, Manganelli si mette alla regia ed il Sassuolo fa praticamente la partita con la Roma costretta ad inseguire ed a mettere le toppe quando poteva gestire meglio il match. Maldestra ma anche sfortunata, in più di un'occasione è Salah a trovarsi in zona tiro, ma la palla oggi sembra proprio non voler entrare, al 28' è Consigli a dire “no” sventando una bella azione dell'egiziano, e anche il successivo assist di Totti non sembra sufficiente per far correre Salah sotto la curva. La Roma con fatica cerca il pareggio che grazie al capitano giallorosso arriva al 36', assist di Consigli per Pijanic che consegna al Capitano, (in netto fuorigioco!) destro e 300!!!!!!!!!!!!!!!!! Arriva così, di getto il 300mo gol in giallorosso per Francesco Totti che porta la Roma al pareggio ed il suo record ad essere sempre più...RECORD! 1-1, senza rilassarsi abbastanza ci sarebbe tutto il tempo per portare a casa il match, Totti lancia nuovamente Salah che va in contropiede sulla desta ma non concretizza lasciando alla ripartenza neroverde lo spazio d'azione, Sassuolo in contropiede con Floro Flores in volata assist per Politano ed al 45' con un rasoterra di sinistro insacca per il 1-2 la porta di De Sanctis, non basta il salvataggio in angolo del portiere giallorosso in chiusura di primo tempo. Roma bruttina con tante pecche, colpa di un Sassuolo vivace e divertente che trova nei giovani la carica giusta per affrontare il match. Il secondo tempo si apre con un po' più di entusiasmo da parte dei padroni di casa così al 49' , Salah, recupera una ribattuta del Sassuolo da calcio d'angolo infilando la palla di potenza alla destra di Consigli, 2-2, la Roma spera in una vittoria per non distaccarsi troppo dall'Inter capolista, Garcia decide per i cambi, fuori Iturbe (“leggermente “ contrariato) e dentro Iago Falque, potenza e rapidità , la stessa cercata in Iturbe ma non ricambiata. Percussione continua di Floro Flores, forse il migliore in campo insieme ad Acerbi e Politano, la Roma abbassa nuovamente i ritmi, senza cattiveria si stizzisce con i giocatori della squadra emiliana per la loro esuberanza in ripartenza. 63' esce Maicon ed entra Florenzi, i giallorossi cercano fantasia e profondità, il Sassuolo freschezza con Sansone al posto di Floro Flores,qualche minuto e brutto fallo di sfondamento di Peluso su Florenzi, punizione per la Roma e volata di Totti che viene anticipato dal portiere del Sassuolo in scivolata, fuori Totti dentro Dzeko, ma i fuochi sono ormai finiti. Qualche sprazzo giallorosso, ottima consistenza neroverde, forse un rigore per la Roma, ma non si può avere tutto e la Roma a mezza bocca porta a casa questo pareggio, uno sguardo alla vincente Juve e già con la testa all'anticipo di mercoledì.

Laura Tarani


© Riproduzione riservata