Milan 2 - 0 Bologna 27.08.2022

I rossoneri vincono senza subire reti e tornano in testa alla classifica

stampa articolo Scarica pdf

Milan a San Siro contro il Bologna per provare a bissare il successo interno della prima giornata e sfruttare il passo falso dell'Inter, superato all'Olimpico dalla Lazio. La squadra di Mihajlovic è invece ancora alla ricerca della prima vittoria in campionato, dove finora ha raccolto un solo punto contro il Verona, prima di esseri sconfitta proprio contro i biancocelesti.

Tra i rossoneri fa il suo esordio dal primo minuto Charles De Ketelaere, acquisto più oneroso del mercato estivo e volto nuovo della Serie A: un campionato alla disperata ricerca di campioni. A fargli posto è Diaz, involuto nel match di Roma dopo il buon esordio contro l'Udinese e l'unica altra novità è il ritorno da titolare di Giroud, in luogo di Rebic, mentre il resto della formazione è quella titolare. Nessuna sorpresa tra i rossoblu, che si presentano a San Siro con la solita difesa a tre e il tandem offensivo formato da Barrow e Arnautovic, col supporto di Vignato.

I primi venti minuti del match volano senza grandi sussulti, un po' per merito del pressing asfissiante degli ospiti, un po' per l'insistenza dei rossoneri, oggi in maglia verde, all'affidarsi ai lanci lunghi di Maignan. Il lampo che squarcia il cielo di San Siro è proprio dell'atteso CDK, che conquista il pallone a centrocampo, s'invola al centro e serve un cioccolatino a Leao, che ringrazia e insacca alle spalle di Skorupski.

La rete del vantaggio dei padroni di casa costringe gli uomini di Mijhalovic a scoprirsi e questo fa buon gioco per gli avversari, che trovano due grandi occasioni nel giro di altrettanti minuti, prima con Kalulu, che non sfrutta una magia di CDK e poi con Messias, che da posizione leggermente decentrata, ma comunque favorevole, regala il pallone al portiere avversario. L'unico tentativo dei rossoblu è affidato ai piedi di Arnautovic, che prova a sorprendere Maignan con una conclusione improvvisa a cinque minuti dal duplice fischio, ma il pallone non trova la porta.

Sul finale è ancora il Milan ad andare vicino al raddoppio, prima con Giroud, che prova a sorprendere Skorupski sul secondo palo e successivamente con Leao, che cavalca tutta la fascia sinistra e spreca tutto a tu per tu col portiere: una mancanza di lucidità spiegabile soltanto con la stanchezza.

Nessuna novità al rientro delle formazioni in campo e nemmeno sul piano del gioco: sono sempre i rossoneri a tenere in mano il pallino del gioco e trovano il meritato raddoppio poco prima dello scattare dell'ora di gioco, con Giroud che trasforma in oro un lancio di Leao, con un'acrobazia quasi impensabile per un fisico come il suo. Alla sua età non ha più molto da imparare, ma forse la compagnia di Zlatan Ibrahimovic gli ha fatto bene. Il doppio vantaggio rassicura Pioli, che sfrutta l'occasione per dare spazio a chi finora non ne aveva avuto e concede mezz'ora a Pobega e Adlì, oltre che a Saelemaekers. Stessa cosa fa poco dopo Mijahlovic, che opera un triplo cambio.

La partita si mantiene viva anche nel finale, anche grazie ad un Bologna mai domo, nonostante la serata difficile, ma il risultato finale rimane invariato e il Milan riesce a portare a casa il primo "clean sheet" della stagione, oltre a tre punti importanti per tornare temporaneamente in testa alla classifica, in compagnia delle due romane e del sorprendente Torino di Juric.

FORMAZIONI UFFICIALI:

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kalulu, Tomori (83' Gabbia), Theo Hernandez (75' Ballo Touré); Bennacer (61' Adlì), Tonali; Messias (61' Saelemaekers), De Ketelaere (61' Pobega), Leao; Giroud.  All. Pioli

BOLOGNA (3-4-1-2): Skorupski; Soumaro, Medel (74' Bonifazi), Lucumi; Kasius, Schouten (83' Ferguson), Dominguez (62' Aebischer), Cambiaso, Vignato (62' Soriano), Arnautovic, Barrow (62' Sansone). All. Mihajlovic

 Matteo Tencaioli

© Riproduzione riservata