ADRIANO GALLI E LA SUA OPERA SULL'ORIGINE DEI MODI DI DIRE

ADRIANO GALLI E LA SUA OPERA SULL'ORIGINE DEI MODI DI DIRE

La sua nuova opera "Lo sapivi tu?" è composta da ventuno racconti: Venezia; Tennis e dintorini; Rosina; Passatella romana

stampa articolo Scarica pdf


Adriano Galli ha svolto una vita avventurosa, dapprima come guardia carceraria nel penitenziario di Peschiera del Garda e successivamente come croupier sulle navi da crociera, portandolo fino in Svizzera dove tuttora vive. Ha pubblicato una raccolta di poesie "Quartieri d'inverno" che fanno parte dell'antologia "Frammenti di vita" e "Down to heaven".

La sua nuova opera "Lo sapivi tu?" è composta da ventuno racconti: Venezia; Tennis e dintorini; Rosina; Passatella romana; Le maleparole; Carrati, carrube e cose da turchi; Rapsodia di colori; Sempre in guerra; Scavi; La grande abbuffata; Calendario; Cappe, martini e cappotti; Clessidra; Fate il vostro gioco; Pecunia non olet; Sale; Soldi a palate; Sveglia, ancora un momento; Monologo di uno schiavo; Biancheggianti voltagabbana; Le sapivi tu?.

"Lo sapivi tu?" prende in considerazione i diversi modi di dire, da dove proviene l'etimologia e la sua origine, portandoci a riflettere su come sia sbagliato ad accontentarci del primo risultato sul motore di ricerca che troviamo su Internet, fuorviandoci, talvolta, dal suo significato vero e proprio. I ventuno racconti ci portano dentro a degli scenari inediti, di immergerci in tantissime storie e di scoprire nuove cose che davamo per scontato, utilizzando i personaggi come esseri rivelatori dei modi di dire, come elementi chiave. Un modo nuovo di concepire la nascita delle parole e la loro origine.

Evelyn Grazia Nericcio

© Riproduzione riservata