Dal Tevere Al Piave

Si è tenuta presso il locale BeerFalls di Roma, in Via dei Cartari 7, la presentazione del nuovo volume di LazioWiki, “Dal Tevere al Piave”, 1915 - 1918,

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Si è tenuta presso il locale BeerFalls di Roma, in Via dei Cartari 7, la presentazione del nuovo volume di LazioWiki, “Dal Tevere al Piave”, 1915 - 1918, Gli atleti della Lazio nella Grande Guerra, in concomitanza delle celebrazioni del centenario dell'entrata dell'Italia nel primo conflitto mondiale. 586,7 km la distanza tra i due fiumi simbolo di patria ed eroismo, lontani, ma vicini al cuore di ogni laziale. Alla presenza del Presidente Generale della SS Lazio Antonio Buccioni, di alcuni giornalisti di varie testate, gli autori Fabrizio Munno e Fabio Bellisario, hanno raccontato i retroscena della lunga ricerca di materiale per la realizzazione di una opera complessa, piena di dettagli, fotografie e ricostruzioni dei luoghi che hanno visto tanti soldati sacrificarsi per la patria, sottolineando che oltre ad essere una storia biancoceleste e’ soprattutto una storia di italiani, di sacrifici e di trincee. Uomini, animati dal profondo sentimento di unità, un'alba che poteva essere l’ultima, sotto un cielo a fargli da tetto sia d'estate che d'inverno, pronti all'estremo sacrificio. Quello di LazioWiki e’ soprattutto un progetto enciclopedico, di interesse assoluto a livello storico e senza fini di lucro. Amore per la ricostruzione, i giornali dell'epoca, i documenti ufficiali dell' allora Ministero della Guerra e del Comune di Roma, a suggellare le ricerche sul campo che vide le gesta di tanti giovani.  La Lazio e’ un modo di vivere, di essere, e’ cultura quella romana. La grande ferita alla sua storia, alla nostra storia di italiani, il contributo pagato da ragazzi, da atleti trascinati nell'orrore di un conflitto mondiale. Tanti sono gli episodi che legano le vicende della guerra al sodalizio romano, la partita contro il Casale sette giorni prima dell'attentato di Sarajevo, evento simbolo e causa dell'inizio; la Brigata dei Romani, l' ardito d'Italia Giorgio Vaccaro, poi generale dell'esercito, presidente della FIGC e della Lazio, dirigente più vittorioso della storia sportiva tricolore. La prima stima ufficiale contava 11 decessi, su circa 200 partiti per il fronte, ma tramite il ritrovamento di nuovi documenti, il numero saliva a 30, la Lazio è la società con più caduti e anche quella con più decorazioni al valore. Per ognuno di loro vengono raccontate le origini, le azioni a cui parteciparono, i riconoscimenti, le circostanze in cui perirono e dove riposano ancora oggi. Nessun'altra società sportiva vanta un culto della memoria tale, legame sentimentale e spirituale che non verrà mai meno. Grazie alla tenacia degli autori che con sopralluoghi al fronte, alla consultazione dell'archivio del Cimitero Monumentale del Verano, alle liste di guerra di varie istituzioni dell'epoca e alla visita ai sacrari militari della prima guerra mondiale, ottenevano incrociando i dati, un risultato sicuro. La Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha riconosciuto a questo volume un alto valore storico, concedendo l'utilizzo del logo ufficiale per la Commemorazione del Centenario.
Dal Tevere al Piave, 1915 - 1918, Gli atleti della Lazio nella Grande Guerra Eraclea Editore
di Stefano Boccia per Unfolding Roma

© Riproduzione riservata

Multimedia