Equilibrio Fuori Scena 2016- Mondongo La Recensione Di Lilith Primavera

Equilibrio Fuori Scena 2016- Mondongo La Recensione Di Lilith Primavera

All'interno della recensione trovate l'interviste al fotografo Flavio Iannello e all'artista Manuel Mendanha

588
stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Martedì sera a Roma, è il 9 Febbraio 2016 ed è l'ultimo giorno di Carnevale. Attraverso il ponte della Musica-Armando Trovajoli e mi dirigo in compagnia di un'amica verso l'auditorium Parco della Musica: stasera inaugura Equilibrio, il Festival Della Nuova Danza che vedrà fino al 28 del mese  collaborare artisti emergenti e maestri internazionali in un territorio di confine tra il teatro e la danza.

Il programma del Festival inizia nello spazio AuditoriumArte con il vernissage della mostra fotografica di Flavio Ianniello, Riccardo Musacchio, Paolo Porto intitolata EQUILIBRIO FUORI SCENA 2016

Ho il piacere di intervistare Flavio Ianniello.

Puoi farmi una tua breve presentazione ?

Ciao grazie di avermi raggiunto, scusa se sarò breve ma puoi immaginare questa sera vorrei seguire un po' tutte le persone venute a trovarmi. In breve, dai boyscout con la Agfamatic di mio papà fino ad oggi è stata la curiosità ad aprirmi le strade che mi hanno portato qui.

Com'è nata la collaborazione con Riccardo Musacchio e Paolo Porto?

Riccardo ed io siamo i fotografi del Parco Della Musica e negli anni abbiamo conosciuto Paolo Porto che è un fotografo specializzato nel ritrarre gli spettacoli di Danza Contemporanea. Un giorno abbiamo iniziato a fantasticare su come sarebbe risultata la presenza di ballerini dislocata tra le architetture più celate dell'Auditorium (spazi tecnici, luoghi inaccessibili ), stuzzicati dall'idea di animare con dei corpi in movimento un'architettura solitamente non fruibile e non fruita dalle persone.

Sei il fotografo ufficiale dell'auditorium dal 2008, trovi che questo spazio abbia avuto cambiamenti gestionali degni di nota?

La programmazione cambia ma il fermento culturale resta: tra le varie proposte quelle che ad oggi ho preferito sono la Danza Contemporanea ed il Meet In Town ( MIT) che ha portato la musica elettronica nei garage, nei foyer, facendo un'operazione di sdoganamento degli spazi che, volendo, è simile a quello che proponiamo noi con le nostre foto: ci piace esplorare gli spazi, andare a sbirciare cosa è nascosto sotto il tappeto...

Che musica ti piace ascoltare?

Sto ascoltando l'ultimo di David Bowie... vengo dal prog e mi piace molto il post rock italiano ed estero, Umberto Palazzo per esempio con Mare Tranquillitatis.

A proposito della morte di David Bowie con la sua scia di rumors e rispetto anche all'odierno sesto anniversario della morte di Eluana Englaro, qual è la tua opinione circa l'eutanasia?

Sono cose talmente private e c'è troppa moralità e perbenismo, non penso che si dovrebbe nemmeno legiferare su cose che andrebbero date per scontate: ovvero la possibilità che ognuno dovrebbe avere di poter decidere per il proprio destino, o non destino ...

Per rimanere nell'attualità, cosa ne pensi delle adozioni alle coppie omosessuali?

Sono assolutamente favorevole, il problema di base in questa città è dall'altra parte del Tevere.

E cosa ne pensi del Giubileo? Cosa può portare a Roma?

Può portare molti turisti.

I turisti del Giubileo verranno a vedere la tua mostra?

Spero di sì, (ride)mi auguro di sì, il problema è che forse l'Auditorium è un pò fuori mano.

Qual è l'ultimo libro che hai letto?

Sto ancora leggendo L'uomo dei Dadi di Luke Rhinehart.

Progetti futuri?

Una vacanza e continuare a fare quello che mi piace, a tal proposito tra due ore andrò a fotografare in sala Petrassi i primi balletti della rassegna EQUILIBRIO FUORI SCENA 2016.

La vostra mostra sarà fruibile fino a fine rassegna?

Si fino al 28 Febbraio e poi forse realizzerò un sito per raccogliere i nostri lavori on line.

La mia amica ed io ci accomiatiamo dunque e continuiamo la nostra grassa passeggiata in direzione del MAXXI: sappiamo di un'inaugurazione di una mostra in un padiglione adiacente quello principale e andiamo a dare un'occhiata.

Cinque pannelli di paesaggi confezionati con plastilina sopra legno coprono le mura di una sala mentre pannelli raffiguranti "calaveras", teschi giganti gommosi e colorati, ne coprono un'altra. E' una mostra sui cicli naturali della vita, della morte e del ringiovanimento del duo di artisti argentini "Mondongo" che per la prima volta portano in Italia due topos classici della storia dell'arte sudamericana: i paesaggi e le calaveras ( i teschi), però fatti in plastilina.

Intervista a Manuel Mendanha

Quando nasce il vostro collettivo artistico e da chi è composto?"

Sedici anni fa eravamo in tre: Agustina Picasso, Juliana Laffitte y yo, Manuel Mendanhae da dieci anni siamo in due: yo y Juliana. Crediamo sempre nel lavoro di gruppo e nella nozione di creazione autoriale collettiva, perchè di base un lavoro collettivo è più forte nel tempo.

Come siete arrivati qui al MAXXI?

Dopo aver esposto al museo di Arte Moderna di Buenos Aires questa mostra sui paesaggi riscontrando un notevole apprezzamento da parte della gente, cominciarono a cercare posti per portarla anche in Europa e questo è stato possibile oggi grazie alla collaborazione con la Presidente Melandri.

Sono molto belle le calaveras! Un omaggio al culto de La Santa Muerte?

No, in verità utilizziamo las calaveras come grandi contenitori nel quale si può riflettere sulla vita contemporanea: sono costruite di molte parti che fanno riferimento ad altrettanti parti di cultura popolare e di storia dell'arte ma che non si possono vedere ad una prima occhiata.

A proposito di cultura che effetto vi fa arrivare a Roma e trovarvi in un clima di ostilità rispetto a leggi che favoriscano i matrimoni omosessuali?

In Argentina il matrimonio tra persone omosessuali è una prassi comune: è strano che Paesi del "Sud del Mondo" abbiano potuto avanzare più rapidamente di qui .

C'è qualche artista italiano che ti piace particolarmente in questo momento?

Me ne piacciono moltissimi! Tra tutti posso dire di sentire molto vicino Pietro Mottola. Mi sorprendono sempre gli artisti italiani!

E quale libro stai leggendo in questo momento?

Sto leggendo Otras Inquisiciones di Jorge Luis Borges.

"La mostra dei Mondongo, curata da Massimo Scaringella, resterà esposta un mese.

Buona passeggiata!

Lilith Primavera

www.lilithprimavera.org 


© Riproduzione riservata

Multimedia