Virginia Raffaele

Dal 18 al 28 febbraio Roma, Teatro Ambra Jovinelli

stampa articolo Scarica pdf

Per la prima volta, Virginia Raffaele porta nei teatri le sue maschere più popolari: Ornella Vanoni, Belen Rodriguez, il Ministro Boschi, la criminologa Bruzzone e tante altre ancora. Donne molto diverse tra loro, che tra arte, spettacolo, potere e politica sintetizzano alcune delle ossessioni ricorrenti della società contemporanea: la vanità, la scaltrezza, la voglia di affermazione e, forse, la scarsa coscienza di sé. Il tutto raccontato attraverso la lente deformante e irriverente dell’ironia e della satira, tipici elementi che compongono lo stile di Virginia Raffaele. I personaggi monologano e dialogano tra loro, anche grazie alle proiezioni video, in un gioco di specchi e di rimandi. Qua e là, tra le maschere, in scena appare anche Virginia stessa, che interagisce con le sue creature, come una sorta di narratore involontario che poeticamente svela il suo “essere - o non essere”. 
La musica in scena fa da punteggiatura allo spettacolo, accompagnando i personaggi nelle loro performance, sottolineandone i movimenti, enfatizzandone le manie; conferendo alla spettacolo un ritmo forsennato nel cui vortice i personaggi, Virginia e le varie chiavi di lettura si confondono creando una nuova realtà, a volte folle a volte melanconica: quella dello spettacolo stesso.
Le date 3 febbraio Legnano (Mi), Teatro Galleria - ANNULLATO 6 febbraio Montecatini (Pt), Teatro Verdi - SPOSTATO AL 10 APRILE Dal 18 al 28 febbraio Roma, Teatro Ambra Jovinelli 3 marzo Alessandria, Teatro Alessandrino - ANNULLATO 4 e 5 marzo Torino, Teatro Colosseo 6 marzo Varese, UCC Teatro Dall'11 al 13 marzo Bologna, Teatro Il Celebrazioni 8 marzo Bergamo, Creberg Teatro Dall'1 al 3 aprile Milano, Teatro Nuovo  8 e 9 aprile Genova, Politeama Genovese

© Riproduzione riservata