FRANCESCA DEL BELLO, PRIMO GIORNO DA PRESIDENTE DEL MUNICIPIO II

FRANCESCA DEL BELLO, PRIMO GIORNO DA PRESIDENTE DEL MUNICIPIO II

Cambio della guardia con l'ex minisindaco, Giuseppe Gerace. Gli obiettivi: manutenzione di strade e aree verdi, lotta all'abusivismo, riapertura di Villa Massimo, sciogliere il nodo di parco Nemorense. Criticità segnalate in una lettera inviata a Virginia Raggi

1215
stampa articolo Scarica pdf

Minisindaco o minisindaca? Non ha dubbi: “Minisindaca”. Francesca Del Bello à entrata ufficialmente nel Municipio II. Oggi c’è stato il passaggio di consegne dove ha partecipato anche Giuseppe Gerace, ex presidente. Tanto il lavoro da fare: “Dobbiamo ripartire dall’ordinario, serve dare un segno di discontinuità”. Poi ha precisato: “Non punto il dito contro la precedente Amministrazione ma sono dell’avviso che io e la mia squadra dobbiamo essere pratici”. Già, il team: per la giunta ancora non ci sono nomi. O meglio, ci sono ma saranno annunciati “quando verrà il momento”. Entro dieci giorni il Consiglio e la scelta del presidente d’Aula.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Vincitrice delle primarie (superato Andrea Alemanni) e del ballottaggio con Fabio Fois (M5S), Del Bello ha ricucito gli strappi presenti all’interno del Pd locale. “Abbiamo lavorato insieme, di gruppo. Anche per questo motivo è stata una bella campagna elettorale”. Lei e Sabrina Alfonsi (Municipio I) sono le uniche due pedine vincenti nei territori. La presenza a macchia d’olio del M5S – compreso il Comune – comunque non l’ha spaventata: “La sindaca Raggi si aspetta dal premier Renzi il riconoscimento del ruolo istituzionale. Beh, io pretendo altrettanto”. In tal senso, Del Bello oggi ha inviato una lettera al primo cittadino: “Sono segnalate alcune criticità che non possono essere lasciate in sospeso. Mi riferisco a Villa Massimo, che va riaperta all’insegno della legalità. Poi abbiamo i nodi di parco Nemorense, via Como, San Lorenzo e il Baobab”.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Infine la programmazione: “Manutenzione di strade e aree verdi, attenzione alle vie commerciali e lotta all’abusivismo. Peraltro, intenderò portare nel Parlamentino una delibera: il regolamento per stabilire il rapporto con i cittadini per la gestione dei beni comuni. La comunità vuole partecipare alla vita pubblica – ha concluso – non possiamo far finta di niente. Bisogna assestare un cambio di passo”. Più l'auspicio di ricompattarsi con la Sinistra: "Dobbiamo ricostruire un progetto coeso e vincente".

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

Claudio Bellumori 

© Riproduzione riservata