Veronica De Carolis

Veronica De Carolis

Una bellezza ricca di contrasti eppure sobria e diretta, dentro e fuori.

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Guardarla è uno spettacolo e conoscerla una vera sorpresa.

Ho incontrato Veronica una cover girl sensuale ed ingenua, che ci racconta il suo modo di vedere la bellezza, la vita, il lavoro e la sua Lazio!Una bellezza ricca di contrasti eppure sobria e diretta, dentro e fuori.Due chiacchiere leggere eppure profonde.

Abbiamo iniziato così....

Chi vede le tue foto apprezza l'immagine di una giovane donna di una bellezza sensuale ed ingenua insieme, ma com'era Veronica ad undici anni? Come si vedeva e cosa sognava di fare? Che rapporto hai costruito in questi anni con il tuo corpo?

Prima di tutto grazie a chi guardando le mie foto apprezza la bellezza, la sensualità e l'ingenuità... mi fa molto piacere! Ad 11 anni ero semplicemente ancora più ingenua, ma la vanità e la voglia di apparire in qualche modo c'è sempre stata. Ho sempre sognato di far parte del mondo dello spettacolo forse da ancora prima di 11 anni, le mie passioni sono sempre state ballare, recitare, fare foto e comunque tutto ciò che dà spettacolo e che riguarda la bellezza in ogni maniera. Sono sempre stata vanitosa. Ma attenzione,non mi sento così bella. Mi sento una ragazza normalissima ma mi reputo una grande esteta: una a cui piacciono le cose belle e a cui piace apparire in ordine e magari, perchè no, anche bella. Ma apparire bella agli occhi di chi? E in fondo a quale donna non piace essere bella?Per questo ho cercato, cerco e cercherò sempre di curarmi e migliorare il mio aspetto e non ci vedo nulla di male.Ciò che davvero è cambiato in questi 14 anni di vita è che oggi sono consapevole che ci sono dei limiti e soprattutto che la fama e il successo non sono per tutti. E' giusto però coltivare comunque le proprie passioni (per me la fotografia) anche senza aspirare alla “fama” e al successo, dato che oramai la carriera da modella professionista per vari fattori non fa piu per me... ahimè!

Per lavoro e per passione ti definisci un'esteta, ma cosa pensi della chirurgia estetica? Quali sono i limiti, se ci sono? Il passare del tempo o i difetti imposti dalla natura sono secondo te cause che giustificano e consigliano il ricorso alle mani del chirurgo, o meglio la metodica cura di sé?

Io sono favorevole alla chirurgia estetica, basta semplicemente rispettare comunque il buon gusto.Il limite si raggiunge quando non si tratta più di estetica ovvero quando invece di migliorare l'aspetto lo si peggiora. E' necessario mantenere un immagine naturale: un aspetto troppo artefatto non è più bello. Quindi sì ai ritocchini, ma con moderazione e buon gusto! (E sorride! ndr)

Come pesa l'anima su ciò che siamo esteticamente secondo te?

E' una domanda difficile questa, lo ammetto, però credo che l'essere interiore dipenda molto da ciò che siamo esteticamente e esteriormente. Mi spiego meglio: odio quei luoghi comuni per cui se una è bella allora è scema o comunque viene giudicata dall''aspetto; però, purtroppo, chi subisce queste discriminazioni dagli altri a causa dell'aspetto in qualche modo cambia interiormente. Non so se mi spiego....

Ma allora secondo te se una è bella deve far finta di essere scema?

Assolutamente no!!!!!! Non intendevo questo... Intendevo dire che purtroppo nella nostra società, che come sappiamo si basa molto sull'apparenza, spesso le belle ragazze vengono discriminate o date per sceme solo perché belle. Diciamo che una bella forse deve faticare un pochino di più per dimostrare ciò che vale e spesso una persona con un bel corpo e un bel viso è oggetto di invidia da parte delle altre donne; quindi per quanto una ragazza o una donna bella sia anche bella come persona e carattere, il suo essere interiore un minimo viene intaccato perché magari subisce le invidie e pregiudizi degli altri.

Come giudichi la cura dell'aspetto esteriore nel genere maschile? E la vanità degli uomini?

Credo che la vanità degli uomini debba esprimersi in altre cose, tipiche maschili, quali il calcio, le moto o le macchine ed in minima parte nell'aspetto. Così per quanto riguarda l'estetica, certamente anche un uomo deve essere curato e ben vestito ma per un uomo è ancora più facile cadere nel ridicolo e trasgredire il buon gusto rispetto ad una donna, quindi attenzione!!!!

A proposito di calcio, so che tifi la Lazio, quando hai iniziato a seguirla? Vai mai allo stadio?

Ero molto piccola e premetto che nella mia famiglia nessuno tifa niente quindi non avevo influenze. Ricordo solo che quando capitavo ai derby vedevo le reazioni di chi tifava "i rossi" e quelle di chi tifava "i celesti" e ho scelto di essere bianca azzurra e mi stavano antipatici i rossi. Ero piccolina ed ingenua quindi....Allo stadio vado raramente ma ci vado e mi piace molto seguire la Lazio.

Nel rapporto con l'universo maschile (mi pare tu sia felicemente fidanzata) sognavi il principe azzurro con cui fare le classiche nozze da favola? Cosa pensi della famiglia oggi in Italia?

Sì, sono felicemente fidanzata. e diciamo che il mio concetto di principe azzurro è molto vicino al mio fidanzato.Lui è una persona che mi dà importanza, mi stupisce ma senza mai annoiare, non cade nell'essere troppo zerbino e tutto questo è reciproco. Siamo molto equilibrati: nessuno limita la libertà dell'altro e non ci facciamo mancare nulla l'un l'altro. Il segreto della felicità di coppia sta tutto qui! Credo che le famiglie oggi in Italia vadano da un estremo all'altro. C'è chi le da troppa importanza e per pensare al coniuge e ai figli non vive più e non pensa a più se stesso ed è sbagliato, perché si crede di fare bene ma non è privandosi di tutto che si fa il bene dalla famiglia: così si soffre e di conseguenza vivono male le persone vicine. Dall'altro estremo c'è chi le da troppa poca importanza e non riconosce il valore della famiglia: pensa solo ed esclusivamente a sè stesso e magari i figli diventano sbandati.

E la tua famiglia di origine che tipo di famiglia è? Che rapporto hai con i tuoi genitori?

I miei genitori secondo me sono perfetti: stanno insieme da 30 anni, nonostante migliaia di problemi.Soprattutto credo che siano stati perfetti come genitori per me e mio fratello:i genitori che tutti vorrebbero!Però mi dispiace che si siano privati di tante cose per noi e non parlo solo economicamente ma soprattutto ci hanno dedicato tutto il loro tempo e a me fa male pensare ai loro sacrifici. Spero che ora, che siamo entrambi cresciuti e abbastanza indipendenti, possano finalmente dedicarsi a loro stessi.

Ed oggi cosa progetti per la sua vita professionale? Come si evolve nel tempo il tuo lavoro?

Sono sincera, ad oggi, professionalmente parlando, non sono realizzata al 100%, come invece mi sento nella vita privata. Ma un po' per i tempi che corrono e un po' per pigrizia, mi accontento del lavoro che ho, che guarda caso riguarda sempre l'estetica e la bellezza: sono segretaria receptionist di un centro benessere ed estetico e mi piace abbastanza. Mi sento a mio agio e un giorno mi piacerebbe poter aprire un negozio tutto mio, anche se non sono estetista.

-Visto che tra i tuoi progetti c'è di avere una tua attività e mi sembri molto concreta anche nel gestire la tua professione di modella fotografica, ci dai la tua opinione sull'universo femminile nel mondo del lavoro? Che esperienze hai fatto personalmente nel lavoro e nello spettacolo?

Mi sembra che sempre più donne lavorano fuori casa, anzi mi sembra che in questo momento siano più le donne rispetto agli uomini che desiderano fare carriera e ci si dedicano molto anche se sono mamme e mogli e secondo me è un bene. Allo stesso tempo però condivido chi sceglie di fare la casalinga, e a volte le invidio un po', ma onestamente non credo che lo farei mai, magari lavorerei meno ma non smetterei di lavorare fuori casa.Le mie esperienze in ambito lavorativo partono da commessa fino a segretaria di studi professionali e ora receptionist: un pò di tutto insomma!Nel mondo della fotografia e dello spettacolo ho fatto immagine, sfilate e parecchi servizi fotografici ma la maggior parte per passione e hobby, lavori veri e propri ben pochi, sia per mancanza di tempo e di opportunità che per poca dedizione da parte mia, forse.

Hai mai pensato di passare dall'altro lato della macchina fotografica? O ti piace solo essere davanti all'obiettivo?

Amo stare davanti l'obbiettivo ed essere fotografata, ma amando le foto in generale mi piace anche scattarle ma solo a livello amatoriale per me.

Che tipo di foto preferisci fare? Artistiche, moda o pubblicità?

Mi piacciono le foto artistiche in genere, ma la moda, la pubblicità e il fashion sono la mia passione, le sento proprio mie!

Grazie Veronica per i tuo tempo e ti auguro di proseguire, nel lavoro come nella vita, il tuo percorso raccogliendo tutto il successo che meriti!

AnnaMaria Maurelli

© Riproduzione riservata

  • Articolo Precedente

  • Prossimo Articolo

Multimedia