Sampdoria-Inter 1-0

SPROFONDO NERAZZURRO, DE BOER AL CAPOLINEA ?

691
stampa articolo Scarica pdf

L'Inter, dopo la bella vittoria di mercoledì sul Torino, è chiamata a confermare il suo momento di crescita e a dare continuità ai suoi risultati. A Marassi si trova di fronte la Sampdoria che, nell'ultimo turno infrasettimanale, è uscita dallo Juventus Stadium con una sconfitta per 4-1. De Boer conferma Eder al posto di Perisic e Candreva a destra con Icardi punta centrale.

Subito al calcio d'inizio le due squadre dimostrano di voler fare la partita senza risparmiarsi. La gara è subito molto agonistica e vivace con capovolgimenti di fronte da una parte all'altra.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

La Samp sembra essere più in palla nei minuti iniziali. La prima grande occasione della partita capita a Quagliarella che, imbeccato da Barreto, entra in aerea e spara il suo diagonale che però finisce a lato. Nel giro di cinque minuti ci prova Eder, entrato in aerea dalla sinistra, a mettere i brividi ad Handanovic. La palla finisce a pochi centimetri dal palo. Successivamente, Barretto su calcio d'angolo si fa trovare libero in area di rigore: il suo tiro a botta sicura colpisce il palo e termina fuori.
Al 35' finalmente si vede l'Inter: Candreva tira dal limite, la palla rimbalza pericolosamente davanti a Puggioni che respinge con i pugni. Due minuti dopo è il turno di Brozovic. Il croato entra in area e con un sinistro potente colpisce la parte alta della traversa. Al 44' la Samp va in vantaggio: Quaglierella, lasciato libero, si avventa su un pallone messo in mezzo dalla sinistra e con un tiro forte batte l'incolpevole Handanovic.

Si va al riposo con i blucerchiati in vantaggio.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

Parte subito forte l'Inter nel secondo tempo. Al primo minuto Eder, uno dei migliori tra i nerazzurri, si incunea dalla sinistra ma il suo tiro esce di molto sopra la traversa. E' un Inter vivace quella che che scende in campo nella ripresa. Gli undici di De Boer tengono in mano le redini del gioco, senza però impensierire la porta di Puggioni. 

Bisogna aspettare il minuto 17 per vedere la prima palla gol creata dai nerazzurri: Icardi si fa trovare libero in aerea di rigore ma il suo colpo di testa finisce alto. La partita rimane vivace, l'Inter cerca il pareggio provando a mantenere il possesso del pallone, ma lascia ampi spazi al contropiede blucerchiato.

Al 21', Icardi, servito in maniera impeccabile da Brozovic, si mangia il gol del pareggio mandando di testa sopra la traversa a due passi dal portiere blucerchiato. Al 31' la Sampdoria sfiora il raddoppio: calcio di punizione dal limite, Handanovic compie un miracolo su Barreto, ma l'arbitro ferma l'azione per fuorigioco.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

L'atmosfera si fa incandescente a Marassi. Budmi, lanciato a rete, entra in area di rigore e tira a colpo sicuro, Handanovic ci mette una pezza ed evita il raddoppio. Standing ovation per Muriel che lascia il campo per far posto ad Alvarez. Nel recupero si presenta la più grande occasione per i nerazzurri per pareggiare: Perisic sfonda sulla sinistra, crossa basso per Palacio che anticipa Puggioni e calcia da terra. La palla sbatte sulla traversa, rimbalza sulla linea ed esce.

La partita termina 1-0 e condanna la squadra di De Boer alla quinta sconfitta in campionato. L'Inter è ora a 13 punti della vetta.

Dario Trione 

© Riproduzione riservata