Milan Inter

Il derby articolo di D.Trione

stampa articolo Scarica pdf

San Siro si veste a festa per il derby della Madonnina numero 165. La partita inizia con un ritmo elevato. L’Inter, con il nuovo allenatore Stefano Pioli in panchina, sembra essere scesa in campo con per prendere in mano il gioco.
Il possesso palla inizia a dare i suoi frutti. Joa Mario, lanciato sulla destra da Candreva, mette in aerea un pallone che Perisic non sfrutta, tirandolo debolmente tra le braccia di Donnarumma.

La partita inizia a farsi tesa. Kondogbia viene ammonito per un entrata scomposta su Bonaventura al limite dell’area. Il calcio di punizione dal limite non ha procurato alcun problema alla porta di Samir Handanovic. Seconda palla gol sprecata dall’Inter: su un cross al bacio di D’ambrosio, il croato Ivan Perisic, da tre metri, non centra la porta di testa. Il Milan si salva. Ma è sempre la squadra nerazzurra a creare problemi.

Al minuto 30’ ci prova Candreva da fuori area, ma la palla esce alla destra del portiere rossonero. Altro pericolo per la porta del Milan: sugli sviluppi di un calcio d’angolo Icardi non trova la porta e la palla esce di poco. Al 37’, per problemi fisici, esce Medel, che era stato preferito da Pioli al centro della difesa accanto a Miranda, ed entra in campo al suo posto Murillo. Altra palla gol al 37’: Candreva tira forte in area e Icardi, da solo davanti a Donnarumma, svirgola completamente il pallone graziando Gigio. Primo tiro in porta per il Milan al 40’: De Sciglio, da fuori area, tira centralmente senza impensierire handanovic. Bonaventura conquista un pallone e, al limite dell’area, appoggia sulla destra per Suso che, di sinistro, inventa un tiro magico a giro e batte Handanovic. Il Milan, dopo aver sofferto per tutto il primo tempo, si trova inaspettatamente in vantaggio. I rossoneri ripartono bene nel secondo tempo. Al 4’ minuto Bonaventura tira a botta sicura, ma Miranda ci mette una gamba e devia in calcio d’angolo. Un rapido capovolgimento di fronte e Candreva, da fuori area, con un tiro potente, costringe Donnarumma ad una parata in due tempi. L’ex giocatore laziale prende le misure e, al minuto 53, con un tiro spettacolare, la mette dentro all’incrocio dei pali. Donnarumma incolpevole. Quando sembra che l’Inter abbia ripreso in mano la partita, Suso si inventa un gol da fuoriclasse. Il giocatore spagnolo entra in area e con un piatto di destro batte Handanovic per la seconda volta. Capovolgimento di fronte e palla gol per l’inter. Candreva, con un tocco morbido, mette Perisic davanti alla porta, ma stasera il croato non sembra in una delle sue serate migliori.  Due minuti dopo ci riprova Icardi, ma il suo tiro è debole e finisce tra le braccia di Donnarumma.

La partita perde ritmo. L’ingresso in campo di Jovetic, al posto di Brozovic, non sembra dare l’effetto sperato. Il Milan cerca di contenere il pressing costante della squadra nerazzurra che, nonostante il maggior possesso palla, non crea occasioni pericolose. Ma quando la partita sembra terminare con la vittoria del Milan, Perisic riporta l’Inter sul pareggio con un tocco ravvicinato sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Alla fine, il pareggio sembra il risultato più giusto. Il Milan si vede raggiungere dalla Roma al secondo posto in classifica, mentre l’Inter evita la sconfitta alla prima di Pioli in panchina.

Dario Trione  

© Riproduzione riservata