Juventus - Atalanta

La Juve rialza la testa!I bianconeri la chiudono dopo 20' seppur con qualche brivido finale.

stampa articolo Scarica pdf

Questa sera allo Juventus Stadium è andato in scena il match di campionato tra Juventus e Atalanta.

I padroni di casa sono chiamati alla reazione dopo la pesante sconfitta subita al Marassi contro il Genoa, Allegri dovrà fare ancora a meno di Dybala che non è stato nemmeno convocato, tornano Higuain in attacco mentre Chiellini ritrova il posto da titolare in difesa visti anche i numerosi infortuni che hanno colpito la retroguardia bianconera.
Gli ospiti sull'orlo dell'entusiasmo dopo una striscia di risultati positivi in campionato e in coppa Italia andrà a Torino per fare la partita e proverà a dare fastidio alla vecchia signora rosicchiando punto importanti per i bergamaschi che vedono l'Europa avvicinarsi. Gasperini conferma Petagna in attacco mentre Freuler prenderà il posto di Gagliardini, mentre per il resto solita formazione.

La Juventus parte bene e dopo 15' di gioco sblocca il risultato con una grande azione di Alex Sandro, il quale dopo aver saltato in dribbling la difesa nerazzurra beffa sul proprio palo il portiere atalantino non esente da colpe e poco reattivo.

La vecchia signora raddoppia 3' dopo grazie a un bel colpo di testa di Rugani che insacca dopo un calcio d'angolo battuto alla perfezione da Pjanic, calcio d'angolo conquistato in precedenza da un bello spunto di Higuain.
Dopo un primo tempo anonimo verso la fine della prima frazione di gioco l'Atalanta è cresciuta e ha impensierito la retroguardia juventina, ma sulla strada del gol avrebbe accorciato le distanze ha trovato Mandzukic che per ben due volte consecutive ha salvato la porta bianconera. Niente più fino al 45' con le due squadre che sono andate negli spogliatoi sul risultato di 2-0 per i bianconeri che hanno reagito bene alla batosta subita a Genova e con un Atalanta che negli ultimi minuti ha fatto capire di essere ancora viva e pericolosa.

I primi 15' del secondo tempo non hanno portato grandi emozioni, ma la Juventus ha dimostrato di essere sempre concentrata sulla partita ed è andata vicino al gol con Marchisio che da fuori area ha fatto partire un missile deviato in angolo da sportiello, sull'angolo successivo Mandzukic chiude la gara con un colpo di testa grazie all'assist di Pjanic, l'attaccante croato trova il gol a coronamento di una grande prestazione anche dal punto di vista difensivo con ripiegamenti che hanno permesso ai bianconeri di mantenere il vantaggio acquisito.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});




La Juventus non ha mollato un colpo in questa partita e ha sfiorato il poker con Cuadrado, il colombiano dopo una serpentina in mezzo alla difesa bergamasca ha calciato verso la porta nerazzurra trovando però attento sportiello, gli ospiti hanno trovato poco più tardi il gol dell' 3-1 con Freuler su assist di D'Alessandro che ha dato vivacità agli ultimi minuti della gara.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});




L'ultima vera occasione della partita è capitata sui piedi di Lemina che dopo un giro di Cuadrado non gestito bene da Sportiello si è trovato il pallone del 4-1, il centrocampista juventino però ha sprecato l'occasione colpendo il palo, dopo 4' di recupero e zero emozioni finali l'arbitro ha decretato la fine della gara.

La Juventus ha reagito bene alla sconfitta subita nel turno precedente contro il Genoa e ha preso subito in mano la partita calando un po' nel finale ma col risultato ormai in cassaforte, prestazione di buon auspicio in vista della sfida di mercoledì con la Dinamo Zagabria in Champions.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  



l'Atalanta reduce da ottime prestazioni si è fatta schiacciare subito subendo due gol in pochi minuti e concedendo grandi spazi alle ripartenze bianconere che hanno permesso alla banda di Max Allegri di poter gestire il risultato, i bergamaschi hanno comunque dato preoccupazioni alla difesa bianconera siglando il gol della bandiera e andando vicino al secondo gol che avrebbe potuto riaprire il match, peccato che la sveglia sia suonata quando la partita era praticamente finita e con poco tempo a disposizione per recuperare.

Valerio Mirata

© Riproduzione riservata