Gianluca Santoni

Gianluca Santoni

Dalla mia esperienza ho potuto verificare che sono gli uomini ad essre molto più sospettosi, la donna è molto più intelligente e qualora tradisse sarebbe più difficile scoprirla.

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Classe 1976 giovane, dinamico, ma serio e professionale, a soli 19 anni con piglio e intuito riesce a farsi assumere in una nota Agenzia Investigativa della Capitale, e la sua attitudine per la professione di investigatore, lo porta a diventare presto un leader nell'ambiente, tanto da avere ,ad oggi ,una sua Agenzia Investigativa piuttosto conosciuta e rinomata per la serietà e l'efficacia:” G.S.I -Investigazioni”.

Gianluca Santoni, oggi resta un personaggio di spicco, molte testate si sono affidate alle sue parole ed hanno sottolineato l'importanza del suo operato, il programma “Le Iene” ha trovato in lui un giusto interlocutore, e molti genitori dopo il fenomeno delle “Baby Squillo”, si sono affidate alla sua esperienza per risolvere alcune problematiche.Gianluca Santoni si presenta a noi oggi, per illustrare alcune delle sue specializzazioni e per rendere un po' meno sospettoso e forse più terreno un mestiere considerato ai margini della legalità, ma che fa invece della legalità, il punto focale del suo essere.

"Investigatore Privato", una professione da sempre guardata con fascino ed un pizzico di sospetto,un mestiere,ma anche una passione; in lei com'è nata ?

Ho sempre desiderato entrare in Polizia o nell'Arma dei Carabinieri , nel frattempo a 17 anni sono partito come volonario nell'Esercito Italiano. Per 3 anni ho svolto missioni umunitarie in Italia e all' estero , poi pero', non riuscendo a rimanere in graduatoria, mi congedai, e, in attesa di un concorso nell' Arma, mi diplomai. Proprio per la mia curiosità e per il mio spirito di iniziativa, iniziai a fare per gioco il paparazzo, ma da subito capii che non faceva per me (molte ore di attesa e nessun guadagno immediato, nè sicuro)...

non di certo scoraggiato, un giorno mi balzo' agli occhi un cartellone pubblicitario del noto investigatore privato ELIO PETRONI; di lì a poco mi presentai presso il suo ufficio, spacciandomi per un esperto volenteroso e chiedendogli di collaborare con lui.

1995 Agenzia Investigativa "Elio Petroni", ci racconta i suoi primi passi in questa nota Agenzia di Roma.

Dal 1995 è iniziata quindi la mia collaborazione con Petroni; grazie ai suoi insegnamenti oggi mi ritengo un investigatore preparato e serio.

Da qualche anno gli investigatori sono diventati, come negli U.S.A., consulenti preziosi ed imprescindibili sia sul campo che negli approfondimenti televisivi, sa darci una spiegazione?

Negli USA già da anni ,l' investigatore viene invitato nei programmi televisivi solo a scopo prettamente scandalistico nel settore civile.

Nel settore penale, invece, la categoria è riconosciuta a tutti gli effetti e gode di una perfetta collaborazione con le forza dell'ordine.In Italia, a parte qualche bravo criminologo invitato nelle trasmissioni per seri delitti, la nostra categoria spesso viene accostata alle infedeltà coniugali, volgarmente chiamate "corna"...che peraltro coprono il 70 % delle mie richieste.

Ha mai svolto indagini particolari su personaggi famosi o su esponenti della politica?

Dal 1996 svolgo questa attività ed è capitato di svolgere servizi anche per personaggi noti, sia come clienti sia come investigati. Naturalmente da parte mia c' è stata massima riservatezza.

Nel 2006 fonda la GSI (Gianluca Santoni Investigazioni), è consulente tecnico e fiduciario dell'Associazione Nazionale Forense di Roma,una bella soddisfazione, oggi solida e conclamata, ma quanti sacrifici comporta il suo stile di vita?

Grazie all'Associazione Nazionale Forense, soprattutto nella figura del Presidente di allora Avv. Mario Scialla, e del Presidente attuale, Avv. Giancarlo Renzetti, ho potuto sviluppare un settore da me poco praticato fino ad allora, quale il settore recupero crediti ed indagini difensive anche con Gratuito Patrocinio.

Recentemente il fenomeno delle "Baby Squillo" ha sconvolto l'ambiente romano,ma la sua esperienza ci insegna che molte famiglie negli ultimi anni si rivolgono alla sua agenzia per confermare o dissipare alcuni dubbi sui loro figli,ci racconta questa realtà dal suo punto di vista.

Già dai miei esordi mi occupavo di questo settore, in maniera più leggera e meno preoccupante di oggi, al massimo controllavo i figli/e per amicizie pericolose, o per uso di sostanza stupefacenti leggere.

All'epoca il fenomeno "baby squillo" era più circoscritto a foto erotiche tra compagni per ottenere ricariche gratuite. Oggi lo scandalo dei Parioli ha evidenziato una realtà diversa, una scarsa comunicazione tra genitore e figlio/a, con fatti realmenti pesanti e raccapriccianti.

E' possibile che, ragazzine appena adolescenti, non abbiano rispetto del proprio corpo? Secondo lei le responsabilità sono comunque da attribuire solo alla famiglia, o anche alla società che manda messaggi confusi e discordanti?

Dal mio punto di vista i problemi nascono da entrambe le cose.

Oggi i ragazzi vogliono tutto e subito, non hanno più rispetto degli altri, figuriamoci di sé stessi. Molti genitori accontentano i figli con regali esagerati pensando di comprare il loro affetto o le mancanze del passato.

Entrando ancor più nello specifico, in situazioni del genere, legate al mondo degli adolescenti, come riesce a rapportarsi con il suo lavoro rispetto alle famiglie ed ai ragazzi stessi?

Purtroppo mi devo limitare ad osservare e raccogliere informazione utili a stilare le relazioni inerenti al  lavoro che svolgo, senza entrare nel merito delle situazioni personali.

Qual è stato il lavoro più buffo che le è stato commissionato e quale quello più pericoloso?

Il più buffo quando ho scoperto un noto imprenditore frequentatore di un cinema gay porno. Sono dovuto entrare, attenzionato un po da tutti e spacciandomi per gay per non dare nell'occhio.

Il più pericoloso invece, è stato quando mi sono occupato di un reato di contraffazione di un marchio noto alle cronache: cravatte MARINELLA. Ho scoperto la vendita a Roma, con la collaborazione della Guardia di Finanza, sono stati effettuati fermi per cercare di bloccare il fenomeno e per questo ho ricevuto minacce telefoniche che fortunatamente non hanno avuto seguito, in quanto il mio lavoro prevede, su richiesta del cliente, di raccogliere elementi per la tutela del marchio.

Il mestiere dell'investigatore è comunque un mestiere piuttosto rischioso, ha mai temuto per la sua incolumità e per quella dei suoi cari?

Occupandomi prettamente di infedeltà, controllo dipendenti e giovani, i rischi sono relativamente alti, quindi ci penso ma senza preoccuparmene più di tanto.

Un altro fenomeno che ultimamente riscuote un grande allarmismo è diventato quello dello "Stalking", anche la sua Agenzia viene spesso chiamata a trattare gli effetti di questo problema molto delicato, sempre al limite tra legalità ed illegalità; ci parla del fenomeno di come vi rapportate voi investigatori?

Per quanto mi riguarda ho svolto alcuni servizi di stalking ed ultimamente con l'inserimento della nuova Legge sullo stesso, ho individuato un soggetto che molestava l'ex compagna, inizialmente mettendo animali morti sul cofano della vettura, poi squarciando le gomme della sua auto e dai nostri appostamenti, abbiamo raccolto del materiale utile alla polizia giudiziaria, nella fattispecie la squadra mobile di Roma, sezione stalking, con un'ispettrice molto sensibile alla quale ho presentato la cliente.Dopo le mie segnalazioni, hanno potuto continuare le indagini e terminarle in tempi brevi con una condanna per lo stalker, peraltro reo confesso, di un anno e otto mesi.

Diciamolo una delle consulenze richieste con maggior frequenza è quella delle "Infedeltà Coniugali", agli italiani piace sapere se il proprio partner è fedele oppure no, premesso che nell'infedeltà le due parti generalmente si compensano, è quindi però sempre l'uomo che tende maggiormente al tradimento?

Dalla mia esperienza ho potuto verificare che sono gli uomini ad essre molto più sospettosi, la donna è molto più intelligente e qualora tradisse sarebbe più difficile scoprirla.

Un'indagine investigativa nell'immaginario collettivo ha un costo insostenibile, ma lei mi spiega che non è più così e che spesso si può disspare un dubbio anche con poche centinaia di euro.Può dirci la sua Agenzia che tipo di tariffe applica?

Un'indagine normale di infedeltà può costare anche € 50,00 l'ora (di giorno) ed è il cliente, quindi, a decidere quanto spendere, in base all'impegno che ci affida.

Dove si trova e come si muove la GSI Investigazioni? Avete in dotazione particolari teconologie e quali sono, se possibile, le più curiose?

Io mi trovo a Roma con sede zona Ardeatina e consulenze a domicilio (gratuite) il mio numero e' 3936744733. L'attività, si svolge maggiormante con scooter o moto e la classica macchinetta fotografica o videocamera. Con il nuovo decreto, in vigore da poco, possiamo utilizzare il sistema gps per i pedinamenti. Altre strumentazioni quali microspie o registratori per noi sono vietate, sia nel loro utilizzo sia nella vendita.

Grazie a Gianluca Santoni per la sua disponibilità                                      

Laura Tarani

© Riproduzione riservata

  • Articolo Precedente

  • Prossimo Articolo

Multimedia