CABARET A NETANYA

Dal 17 al 22 gennaio 2017, Teatro dei Conciatori, Roma

351
stampa articolo Scarica pdf

CABARET  A  NETANYA
Diretto e interpretato da  Mario Sorbello 
e con Maria Luisa Lombardo  Neri Sardella Pilkard (voce fuori campo) 
Dal 17 al 22 gennaio 2017 
Una telefonata di notte, tra vecchi amici e poi un palcoscenico vuoto.  Un grido dietro le quinte e il pubblico che si zittisce.  Ecco a voi un cabarettista occhialuto malato che piomba sul palcoscenico in modo ridicolo.  Ma c'è qualcosa di strano nella serata. Il cabarettista vuole festeggiare il suo compleanno, ma ha come obiettivo quello di mettere a nudo se stesso e tra barzellette, aneddoti, narra la storia di un bambino che amava camminare a testa in giù  e da quella posizione affrontava il mondo. Un ragazzino che in campeggio paramilitare nella campagna di Gerusalemme  viene raggiunto dalla notizia di un funerale a cui deve partecipare obbligatoriamente: ma chi è morto?  Nessuno ha avuto il coraggio di dirglielo, o forse lui non ha compreso.  In quel lungo viaggio che lo condurrà al cimitero, avrà modo di torturarsi con l'angoscia di un calcolo oscuro che  gli avvelena la testa: mia madre o mio padre? 
Nello scenario di una perenne lotta tra israeliani e palestinesi e nel ricordo della Shoah che ha visto attivamente partecipe  la madre mentre il padre ha fatto solo da comparsa, il bambino ne evidenzia le criticità, richiamando la terribile situazione della Shoah a cui aveva assistito la madre, sequestrata e violentata da soldati polacchi.  Eccolo, quindi, quel ragazzino adesso nei panni un cabarettista, a narrare l'estremo tentativo di venire a capo di quella giornata caratterizzata da uno strano omicidio. 
“Prova, amico, ad aprire il cuore alla bellezza quando cammini tra la natura per intrecciare ghirlande con i tuoi ricordi. Anche se le lacrime ti cadono lungo la strada, vedrai che è bello vivere.”. 

© Riproduzione riservata

  • Articolo Precedente

  • Prossimo Articolo