Domenico Lista

Domenico Lista

Un editore puro

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Affrontiamo oggi il campo dell’imprenditoria editoriale intervistando Domenico Lista, direttore responsabile dell’Agenzia video giornalistica MeridianaNotizie, un’agenzia di stampa con un occhio di riguardo a quanto accade a Roma e nel Lazio.

Innanzitutto, Domenico, ti ringraziamo in anticipo per il tempo accordatoci. Comincerei quest’intervista chiedendoti di raccontarci in breve qual è stato il percorso professionale che ti ha portato a dirigere un’agenzia di stampa così importante a livello locale.


In verità volevo fare l’avvocato, ma avevo un vizio: amavo la politica. Negli anni ‘90 ho cercato di fare carriera politica nella DC ma poi tangentopoli ha deluso tutte le mie aspettative. Allora mi son detto: invece di far accadere i fatti perché non raccontarli? E così è andata. Io nasco come giornalista di carta stampata. Prima in un settimanale e poi in un quotidiano, ma la vera esperienza giornalistica l’ho fatta in televisione nelle vecchia GBR poi Supernova dove sono stato negli ultimi anni caporedattore fino al 2010. Poi un bel giorno ho deciso che forse volevo fare l’imprenditore dell’editoria e così mi sono comprato MeridianaNotizie, che io stesso avevo fondato nel 2001, e mi sono messo in proprio…


Dunque Meridiana Notizie nasce nel 2001. Nel frattempo la tecnologia ha fatto passi da gigante. La rivoluzione informatica degli ultimi anni ha cambiato molto il modo di fare informazione di un’Agenzia come la tua rispetto agli esordi?


Beh, non proprio. Quando pensammo MeridianaNotizie la pensammo già dentro la rivoluzione informatica, quella che oggi si chiama convergenza multimediale. MeridianaNotizie era una delle prime che si era specializzata solo nella produzione di videonews. Di fatto dal 2001 ad oggi il percorso è stato sempre lo stesso: fornire videonews a tv e giornali online.


Sto usando il termine “Agenzia di stampa” ma ho visto che tu usi il termine “Agenzia video giornalistica”, sicuramente più appropriato visti i tipi differenti di servizi che riuscite a garantire. Esattamente qual’ è l’offerta di Meridiana Notizie e quali sono i suoi principali interlocutori?


MeridianaNotizie è specializzata nella produzione di videonews per terzi, come tv e giornali online. Il nostro obiettivo è creare contenuti video che altri non realizzano. Siamo specializzati nel supportare istituzioni pubbliche od enti privati nella produzione di servizi video che poi usano per le loro strategie comunicative. Siamo l’agenzia che realizza videonews per il Messaggero.it, per il Bioparco di Roma, per il Partito Liberale Italiano ed altri clienti privati ed istituzionali. Ultimamente ci siamo specializzati nel servizio di diretta streaming, sempre più richiesto.


Tra il fare informazione ed offrirla il passo è breve, quasi automatico oppure bisogna anche saperla vendere? Per capirci: è l’Agenzia che cerca di piazzare i suoi servizi o è il network che si presenta a richiederli?


Beh, entrambi le cose. MeridianaNotizie sta sul mercato da oltre 10 anni, ma solo negli ultimi 4 ha aggredito il mercato multimediale in maniera più diretta. È ovvio che la nostra politica commerciale è quella di creare un’offerta varia, ma poi spetta agli altri accettarla. Ad esempio: è stato il Messaggero.it a chiederci i nostri servizi.


Cosa pensi del fatto che in quanto a libertà di stampa l’Italia si piazza come fanalino di coda rispetto ai paesi più civilizzati e dietro anche a nazioni molto più arretrate della nostra? Secondo l’organizzazione non governativa “Report senza frontiere” il nostro paese si attesta al 57° posto su 179 paesi presi in considerazione in tutto il mondo, addirittura dietro a Botswana e Niger.


Io credo che in Italia ci sia la libertà di stampa; quello che manca però è la stampa libera dai poteri forti, come i poteri finanziari. Credo che in Italia dovremmo imparare a fare editoria senza l’aiuto del pubblico o dell’imprenditore di turno che investe nell’editoria. Mancano oggi figure di editori puri, eppure la tecnologia oggi permette di esserlo! E se ci sono imprenditori puri c’è anche più libertà di stampa. Io mi reputo un editore puro: quello che guadagno lo reinvesto nella mia azienda nonostante la crisi.


Anche alla luce delle ultime polemiche sull’acquisizione delle quote di maggioranza del più importante quotidiano nazionale tra Della Valle ed Agnelli, è sbagliato pensare che in Italia l’informazione sia controllata, indirizzata quantomeno, dagli interessi di gruppi industriali e lobby politiche?


Lo è eccome!!! Anche se penso che questo sistema stia venendo meno grazie anche all’avvento del web che dà la possibilità a tutti di potersi scegliere quello che si vuole leggere o consultare. Oggi rimangono sotto il controllo di gruppi industriali e lobby politiche solo i quotidiani cartacei e le tv nazionali.


Oltre a te, in qualità di direttore responsabile, chi è a darti una mano a mandare avanti l’Agenzia? Ti avvali della collaborazione di professionisti o nella struttura ci sono anche dipendenti che ti aiutano in maniera stabile?


Siamo un gruppo di persone affiatate, con tanta voglia di fare. Tutti specializzati in riprese e montaggio video, senza tralasciare la nostra origine: quella giornalistica. Diciamo che siamo dei telereporter che hanno una marcia in più rispetto al comune reporter. Siamo in 7, la maggior parte tutte donne. E in redazione c’è un bel clima: questo il nostro punto di forza!


Nel fare informazione come si conciliano trasparenza e privacy? E’ più importante dare una notizia o tutelare la persona da quella eventualmente interessata?


Il nostro obiettivo è quello di informare ma dentro le regole che ci impone la deontologia giornalistica. Noi che poi lavoriamo con il video dobbiamo essere maggiormente responsabili rispetto ad altri perché il video è molto evocativo dei fatti e se non si descrivono i fatti con le immagini appropriate, potrebbe essere tutto vanificato e pregiudicare la credibilità dell’Agenzia. Spesso capita che ci siano persone che non vogliano essere riprese e spesso siamo disposti ad assecondare le loro richieste, perché il video è diretto e inequivocabile e la tutela della persona viene sempre prima della notizia.


C’è qualcosa che tieni a mente ogni mattina prima di sederti al lavoro alla tua scrivania?


Beh il mio pensiero quotidiano è fare di MeridianaNotizie un’agenzia video giornalistica come un arredo urbano, che non puoi fare a meno di vedere e seguire. Mi rendo conto che ci vuole del tempo, ma io credo che siamo a buon punto. Ci stiamo consolidando a Roma, i passi successivi saranno Milano, Napoli, Bari, Palermo e Torino.


Per tutti i ragazzi che sognano di intraprendere una carriera da giornalista: un consiglio e l’iter da seguire, nei suoi vari step, per diventarlo.


Oggi non è facile dare consigli a chi aspira a fare questo lavoro. Posso dire solo una cosa: avere molta umiltà di imparare e soprattutto saper fare molte cose, specializzarsi in molti settori e soprattutto essere tecnicamente preparati a saper passare dal montaggio video, alle riprese, alla redazione di un pezzo online a saper fare degli scatti con una macchina fotografica e magari poterle sistemare con Photoshop. Insomma le aziende editoriali cercano persone specializzare in tutto ciò. Per cui la figura del giornalista che va in giro con la penna e il taccuino è ormai cosa passata.


Grazie Domenico per averci aiutato a conoscere meglio il tuo mestiere, le sue dinamiche e la tua Agenzia e per averci trasmesso la passione che metti nel mandarla avanti. Auguro a te ed a MeridianaNotizie una crescita sempre maggiore e grandi successi.


Simone Pisani

© Riproduzione riservata

Multimedia