LOVE ME TINDER

La recensione di unfoldingroma firmata da Benedetta Spazzoli

stampa articolo Scarica pdf

C’è un teatro a Roma, in zona Monteverde, che non è solo un luogo in cui si mettono in scena spettacoli, ma è luogo dedicato a quegli spettatori che vogliono essere partecipanti assoluti, non ancorati alle proprie poltrone ma a cui è consentito ,se lo desiderano, curiosare, sbirciare ed assistere agli  spettacoli in maniera ravvicinata e da più prospettive Un modo nuovo di guardare il teatro e viverlo, 12 pareti da cui spiare , molteplici possibilità di partecipare allo spettacolo in quanto lo spettatore può scegliere la prospettiva dalla quale seguire la scena ,guardare attraverso la grande scatola in maniera più ravvicinata, scegliere filtro e colore.

Tutto ciò è possibile al teatro Mr Kaos a via Antonio Dionisi dove è stata installata una sorta di grande scatola che racchiude la scena e gli attori e tutto si svolge lì dentro, lì recitano e lì sono costruite le scenografie. La Skatola è un grande contenitore a forma cubica composto da dodici moduli che formano 4 pareti. Ogni modulo offre una diversa angolazione di visibilità attraverso plexiglass, tende colorate e strutture in legno.

E’ questa la particolarità di Kaos, “Kaos in SKatola” appunto che ospita vari spettacoli dentro una scatola.

L’idea nasce nel 2011 ma è nel 2016 che avviene la vera e propria sperimentazione. Non tutti gli spettatori però sono “voyeur”, esistono anche gli spettatori canonici .. Quelli che hanno il posto rosso possono muoversi e godersi lo spettacolo in piedi, con interattività e rubando segreti e visuali, gli altri con il posto blu vedranno lo spettacolo in maniera tradizionale da posto fisso.

La visione a 360 gradi consente al pubblico di essere attivo e di godere di varie sfaccettature .

Gli spettacoli creati per la “Skatola” infatti prevedono una regia che pur mantenendo una visuale perfetta per coloro che hanno il posto fisso (infatti è tutto studiato sia per chi è fisso sia per chi è mobile) sono fatti soprattutto per stimolare la curiosità dello spettatore mobile ad alzarsi e vedere da varie prospettive.

Ieri sera ho assistito da spettatrice “mobile” ad una commedia brillante per il format Kaos in Skatola- Nuovo voyeurismo teatrale -LOVE ME TINDER –HATE ME TRUE.

Gli autori e i protagonisti di LOVE ME TINDER –HATE ME TRUE sono Mauro Fanoni e Alessandra Flamini che hanno messo in scena uno spettacolo divertentissimo, esilarante ed ironico basato su temi attuali come gli incontri sui social network nell’epoca di internet e delle chat virtuali, dove piano virtuale e reale spesso si sovrappongono e che racconta appunto la confusione che si crea quando i due si incontrano dopo essersi conosciuti in una chat. Ovviamente nella vita reale cambiano gli approcci e le aspettative , così come le percezioni.. Si susseguono situazioni paradossali, scambio di ruolo uomo-donna, disostruzione di luoghi comuni, battibecchi e buoni umori..Si ameranno o si odieranno? Sicuramente il finale ci lascia con un bel sorriso.

La Skatola continuerà ad ospitare altri spettacoli da non perdere al Teatro Kaos di Monteverde/ Portuense mentre ritroveremo la coppia Fanoni-Flamini con Love me Tinder -Hate me True al teatro Bernini di Ariccia domenica 9 Aprile.

Benedetta Spazzoli

© Riproduzione riservata