Milan - Palermo

Rossoneri in grande spolvero prima del derby

stampa articolo Scarica pdf

La squadra di Montella porta a casa tre punti in maniera convincente dopo il passo falso di Pescara e rimane agganciata al treno per l'Europa


Giornata quasi estiva a San Siro, per la quart'ultima casalinga del Milan. Montella decide di non fare calcoli e schiera la migliore formazione possibile, mandando in campo 3 dei 4 diffidati dall'inizio: De Sciglio, Sosa e Pasalic, con il solo Ocampos che torna in panchina per dare spazio al rientrante Suso.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});


E' proprio lo spagnolo a regalare la prima emozione della partita. Dopo una bella azione del suo connazionale Deulofeu, steso al limite dell'area da posizione un po' defilata sulla destra, si incarica della trasformazione e trafigge il portiere sul suo palo, ingannato da una leggera deviazione.


Passano poco più di 10 minuti ed è già raddoppio del Milan. L'azione parte di nuovo dai piedi di Suso, che si invola sulla destra e mette dentro un cross, sul quale si avventa Pasalic dopo il velo di Bacca e spinge il pallone in porta da pochi metri. Il Meazza è in delirio, anche perchè nel frattempo arriva la notizia dello svantaggio dell'Inter a Crotone, punita per due volte da Falcinelli.


Nonostante l'avvio scoppiettante, non ci sono soltanto buone notizie per il Milan: al 20', infati, proprio Pasalic si fa ammonire per un intervento duro su Diamanti e sarà dunque costretto a saltare il derby di domenica prossima.


E' un Milan completamente diverso da quello di Pescara e gran parte del merito è di Suso, che non sbaglia praticamente un pallone. E' da una sua iniziativa, infatti, che nasce l'azione del terzo goal rossonero: al 37' trova il fondo, ma ha l'intelligenza di non crossare e premiare l'inserimento di Calabria, a sua volta bravo a pennellare un pallone preciso sulla testa di Bacca, che non può sbagliare.


Il primo tempo finisce sul risultato di 3-0 per il Milan, che rispecchia perfettamente un match giocato praticamente da un lato solo del campo, con gli ospiti entrati in campo quasi rassegnati prima ancora di cominciare la partita.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});


Nei primi minuti della ripresa si vede quantomeno un piccolo scatto di orgoglio da parte del Palermo, che prova timidamente ad affacciarsi dalle parti di Donnarumma. Ciò nonostante, l'occasione migliore è ancora per il Milan e capita sui piedi di Bacca, bravissimo a farsi trovare in contropiede, ma non altrettanto nel concludere e manda a lato un'occasione ghiottissima di fare doppietta personale.


I ritmi sono bassissimi e i due allenatori ormai pensano più che altro a fare dei cambi, ma il lampo è dietro l'angolo. La marca è sempre spagnola, ma questa volta si tratta di Gerard Deulofeu: su azione di contropiede, il giocatore di proprietà del Barcellona decide di fare tutto da solo e s'inventa un gran goal calciando a giro e rendendo inutile il tuffo di Fulignati.


La partita è stra-chiusa e a questo punto Montella decide di preservare in vista del derby i suoi giocatori più importanti: escono Deulofeu e Suso, rimpiazzati rispettivamente da Lapadula ed Antonelli, quest'ultimo bisognoso di mettere minuti nelle gambe dopo l'ennesimo infortunio.


All'83' il Palermo rimane anche in 10, per la doppia ammonizione di Gonzalez dopo un ingenuo fallo di Lapadula a centrocampo. La partita cambia di poco, perchè il dominio del Milan è totale e i rossoneri hanno l'occasione di fare anche cinquina, prima con Lapadula e poi con Bacca, con quest'ultimo fermato soltanto da un gran intervento del portiere rosanero.


Il match si chiude quindi sul risultato di 4-0 per il Milan, che si porta al sesto posto in classifica davanti all'Inter. Attualmente i rossoneri sarebbero qualificati per i preliminari di Europa League, ma naturalmente molto passerà dal derby di sabato prossimo, che si giocherà nell'inusuale orario delle 12.30 per andare incontro alle esigenze del pubblico cinese.

Matteo Tencaioli

© Riproduzione riservata