Sassuolo - Napoli

Sassuolo - Napoli

DUE PUNTI PERSI NELLA LOTTA SECONDO POSTO, 2 A 2 GRAZIE A MILIK NEL FINALE. NAPOLI FERMATO DAI PALI E DALL’ARBITRO. MA SI POTEVA FARE DI PIU’. ORA BISOGNA ASPETTARE LA ROMA A PESCARA.

stampa articolo Scarica pdf

Formazione titolare per Sarri nella partita a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Nessun cambio in attacco, Milik e Pavoletti possono e devono aspettare il loro turno. La Roma impegnata al Monday Night a Pescara, il Napoli vincendo potrebbe mettere pressione alla squadra della capitale sorpassandola al secondo posto per 24 ore. Occasione importante per i partenopei visto il cammino della Roma nelle prossime tre partite con derby, Milan a Milano e Juventus in casa. Sarri sceglie ancora i tre piccoletti davanti, con Jorginho centrale e ai fianchi Hamsik e Allan con Hysaj, Koulibaly, Albiol e Strinic in difesa, in porta Reina. Sassuolo con l’ex Paolo Cannavaro voglioso di riscatto e in attacco Defrel e Berardi che non segna in campionato su azione da agosto.

Cronaca

Il Napoli prova subito a fare la partita, solito possesso palla ma le solite verticalizzazioni tardano a arrivare e se arrivano non sono precise. 18° minuto rischia grosso Koulibaly per un fallo su Pellegrini. 20° Mertens chiede il rigore per un fallo subito in area da Dell’Orco ma Damato lascia correre. Dopo la mezz’ora ancora niente tiri nello specchio della porta da parte delle due squadre, si capisce che non è il solito Napoli, anche se quest’anno più volte la squadra di Sarri si è accesa nella ripresa. 31° Mertens lancia Callejon sul secondo palo ma lo spagnolo troppo defilato centra l’esterno della rete difesa da Consigli. Al 35° si fa vedere il Sassuolo con Berardi ma il suo sinistro esce di poco a lato. Primo tempo a reti inviolate e partita equilibrata.

Secondo tempo e Di Francesco opta per due cambi immediati: fuori Defrel e Pellegrini, dentro Mazzitelli e Matri. 51° Hamsik a palla giusta dentro l’area, ma su passaggio di Strinic calcia debole sul fondo. Al 52° passa il Napoli, Callejon la mette dentro dalla destra e Mertens di testa centra la porta con Acerbi che non riesce a salvare sulla linea. 22 goal stagionale in campionato per il belga, stagione straordinaria la sua. Sembra tutto facile per il Napoli una volta trovato il vantaggio, ma il Sassuolo non ci sta e grazie a un errore di Hamsik che effettua un retropassaggio avventato verso Reina, Berardi agguanta la palla di petto saltando il portiere del Napoli e depositando il pallone in rete. 1 a 1. 64° minuto ammonito Mazzitelli per un fallo su Mertens, dalla punizione lo stesso Mertens centra la traversa. Esce Allan per Zielinski al 70°. Ci prova subito a farsi vedere Zielinski ma il tiro impreciso. 75° minuto ancora un montante per il Napoli, Insigne con azione delle sue prova il tiro di destro che si stampa sul palo interno e torna nelle braccia di Consigli. Sfortunata la squadra di Sarri. 80° passa il Sassuolo, Paolo Cannavaro impegna Reina e Mazzitelli su assist di Ragusa realizza il vantaggio per la squadra di Di Francesco. Fuori Jorginho dentro Milik per l’assalto finale al 82° minuto. Al 85° corner battuto da Callejon, svetta Albiol e proprio Milik realizza il 2 a 2. Esce anche Strinic per Ghoulam. Al 92° in pieno recupero, proteste del Napoli per un presunto fallo di mano in area di Cannavaro su azione di Mertens, l’arbitro Damato non concede il rigore e la partita termina col pareggio di 2 a 2.

Punti persi nella corsa Champions, vero i due legni, vero ( forse ) il tocco di mano non visto da Damato, ma il Napoli deve andare a Sassuolo e vincere se vuole raggiungere il suo ultimo obbiettivo. Il secondo posto era vicino, vincendo si prendeva temporaneamente aspettando domani sera la Roma a Pescara. Sono punti che a fine stagione peseranno sulla classifica. Sarri a fine partita urla contro l’arbitro ma probabile debba pensare più a quel primo tempo, dove la sua squadra non era il solito Napoli, con una difesa distratta e poco reattiva e un gioco visto troppo a tratti. Per un gran finale c’è un Milik in più, unica nota lieta di un lunch match che è rimasto sullo stomaco a molti tifosi del Napoli, Sarri saprà trovare un posto da titolare all’attaccante ritrovato?

Domanda che da oggi alle 14 e 15 si fa tutta Napoli.

Sassuolo (4-3-3): 47 Consigli, 39 Dell'Orco, 28 Cannavaro, 15 Acerbi,  6 Pellegrini (Mazzitelli), 12 Sensi, , 32 Duncan, 25 Berardi, 11 Defrel (Matri), 90 Ragusa.

Napoli (4-3-3): 25 Reina, 2 Hysaj, 26 Koulibaly, 33 Albiol, 3 Strinic (Ghoulam), 5 Allan (Zielinski), 8 Jorginho (Milik), 17 Hamsik, 7 Callejon, 14 Mertens, 24 Insigne 

Giuseppe Calvano

© Riproduzione riservata