Samb E Diop Con Avventura Di Latta

L’Associazione napoletana che con lezioni di italiano e laboratori pratici e didattici favorisce l’integrazione fra diverse culture

stampa articolo Scarica pdf

 A Napoli, persi fra le infinite bellezze del centro storico, ci si può ritrovare  per caso in un piccolo tesoro come la chiesa Santa Maria del Rifugio  riaperta per il maggio dei monumenti che sta rendendo la citta come dovrebbe essere anche per gli altri undici mesi dell'anno.

Ma la vera ricchezza della struttura viene dal racconto sui reperti del luogo  che fanno due ragazzi extracomunitari che si offrono come guida cercando di fare pratica del loro Italiano imparato grazie all’Associazione “Samb e Diop” in Via dei Tribunali 188.

Si scopre così l’importanza di un gruppo di volontari che aiutano gli stranieri ad inserirsi nella nostra realtà rivelando il lato più caratteristico del popolo partenopeo che da sempre può definirsi un esempio di integrazione a dispetto di ogni diversità.

Grazie all'apporto di Antonio Tortora, Gennaro Sanniola, Carmela Tagliamonte, Ilde Pagano e di tanti altri volontari l’'Associazione culturale "Samb e Diop" no profit, svolge  attività aperte a tutti come corsi di insegnamento della lingua italiana e inglese,  corso di preparazione al conseguimento della licenza media, officina di artigianato artistico, ma soprattutto trasmette entusiasmo e passione in una logica di condivisione e bene comune.

Nel 2013, come costola dell’'Associazione "Samb e Diop"  è nato il laboratorio “Avventura di latta” ideato dall’architetto designer, Compasso d’oro alla carriera, Riccardo Dalisi.

Un progetto partito come laboratorio didattico e poi trasformato in laboratorio di produzione grazie anche all’apporto del direttore artistico Marco Cecere che dona tutto il suo impegno per questa iniziativa.Il laboratorio impegna circa dieci migranti di origine africana divisi fra rifugiati politici ed extracomunitari intenti ogni giorno a lavorare metalli poveri creando sculture particolarissime che molto si rifanno al simbolismo napoletano.

E per mercoledì 31 maggio 2017 nella speciale cornice della Sala del Lazzaretto, ex Ospedale della Pace, in via dei Tribunali 226, l'Associazione "Samb e Diop" presenterà la sfilata degli abiti prodotti dal laboratorio di sartoria "Sarama" e degli accessori, realizzati dall'Avventura di latta.

La serata, condotta dalla giornalista del Corriere del Mezzogiorno Anna Paola Merone, prevede la passerella di indossatrici africane e napoletane che indosseranno capi di cucito multietnico e artigianato creativo.Con i rifugiati per una sfilata all'insegna dell'integrazione, dell'accoglienza, dell'arricchimento nell'interazione tra diverse culture portando alla ribalta produzioni originali, ricche di suggestioni africane, valorizzate dal saper fare della tradizione artigianale napoletana.

                                                                                   Rosario Schibeci 

© Riproduzione riservata