ROBERTA MARTEN

ROBERTA MARTEN

LA CANTANTE TRANSGENDER PIU'TALENTUOSA AL MONDO

stampa articolo Scarica pdf


Roberta Marten, ex Roberto Martinazzo, è una cantante professionista che si è distinta anche a livello internazionale per le sue straordinarie doti canore. Roberta, infatti, è l’attuale vincitrice del prestigioso “ Best Talent Award”, conseguito al contest mondiale “Miss International Queen” in Thailandia che la riconosce come la transgender più talentuosa al mondo. Questa conquista è stata ottenuta grazie all'interpretazione di “Con te partirò” , nella versione di Sarah Brithman, eseguita davanti alle telecamere della CNN, TV che segue integralmente la manifestazione.

Il percorso musicale di Roberta inizia da bambino. Nel 2003 realizza, con il trio vocale “Equivoci”, un intero album tributo a Lucio Battisti/Pasquale Panella intitolato “Sinceramente non tuo” , opera realizzata grazie a Franco Zanetti e Rudy Zerbi. Successivamente collabora con David Laudat (vocal coach di Spice girls e Take that) per la realizzazione di “ Shattered dreams” una cover ri-arrangiata da Daniele Tignino dei T.I.P.I.C.A.L., che diventa per alcuni mesi la sigla del programma televisivo L’Eredità condotto da Carlo Conti in onda su Rai1. Contemporaneamente alla carriera musicale intraprende un complesso percorso personale per realizzare il suo più grande sogno, quello di diventare una donna.


Ciao Roberta, tu sei una cantante che sta destando molta curiosità in campo mediatico perché sei un transgender, oggi si parla molto di questo argomento.. tu come hai vissuto e come vivi questa trasformazione?

Ciaoo! Io sono una cantante transgender, sono nata di sesso maschile e sto transitando al sesso femminile. Quando un maschio diventa femmina si dice UNA trans, UNA transessuale, UNA transgender. Quando una femmina diventa maschio si dice UN trans, UN transessuale, UN transgender. Ho iniziato questo percorso molto tardi, avevo 33 anni, Ho sempre sognato di essere femmina, fortunatamente le mie caratteristiche fisiche e la mia voce mi hanno tanto aiutata a transitare facilmente, evitando che la società si accorgesse di cosa fossi stata.

Cosa ne pensi del dibattito tra Asia Argento e Vladimir Luxuria nel programma “Carta Bianca”condotto da Bianca Berlinguer?

Se la Signora Asia Argento ha subito violenze sessuali e psicologiche , percosse e altre orribili brutalità da parte di coloro i quali si definivano professionisti dello spettacolo al fine di realizzare progetti importanti per la stessa, ha tutta la mia solidarietà. Tuttavia in caso contrario, se avanzavano proposte di tipo sessuale senza violenza e Asia Argento risultava essere d’accordo , mi spiace ma non posso muovere accuse ne giudizi nei riguardi di questi uomini, a tal punto mi trovo pienamente d’accordo con la Signora Vladimir Luxuria.

Hai mai avuto atti di bullismo nei tuoi confronti?

E’ capitato, in passato non ero trans, ma non ero simile ai maschi e ogni tanto la mia diversità fisica, mentale ed esteriore causava degli appellativi sgradevoli. Successivamente coloro i quali hanno avuto la cortesia di rivolgersi a me con nomignoli poco rispettosi, sono stati i primi, già con famiglie, a contattarmi sui social, in cerca di sesso, in quanto molto spesso gli uomini considerano una persona transessuale come l’oggetto del desiderio e della trasgressione.

Che opinione ti sei fatta della burocrazia Italiana in merito a questo percorso?

Sono fortunata ad essere nata in Italia perché la legge 164 del 1982 consente alle persone transessuali il cambio anagrafico e del sesso. Oggi è possibile ottenere il cambio anagrafico e del sesso (su tutti i documenti) senza doversi sottoporre al cambio dei genitali, intervento che intendo comunque fare.

Quando hai capito di avere la passione per il canto?

Canto da sempre, ho imparato prima a cantare poi a camminare, attirata dalla mamma (che non è una cantante) che, mentre faceva le pulizie cantava e io, affascinata dal suono della sua voce, la seguivo…

Che musica ascolti? Quali sono i tuoi artisti di riferimento?

Gli artisti che fanno scelte intelligenti, amo le colonne portanti della musica nel mondo.

Madonna, Beatles, Queen, Pink Floyd, Barbra Streisand, Anna Oxa, Mina, Antonella Ruggiero, Whitney Houston, Michael Jackson, Lucio Battisti, Bjork, Mariah Carey

Sei stata la vincitrice di "Miss international Queen", Come ricordi questa esperienza?

Nel Marzo 2017 ho vinto il BEST TALENT AWARD a Miss International Queen a Pattaya in Thailandia. Sono stata la prima trans Italiana di nascita e provenienza a partecipare al concorso, vincendo un premio cosi importante. Miss International Queen è un evento straordinario di grande professionalità seguito interamente dalla CNN. Ho avuto la fortuna di conoscere ragazze transessuali di estrema femminilità anche se nate di sesso maschile. Questa esperienza è stata determinante per capire che nasci donna indipendentemente dai genitali.

Oltre a questo successo internazionale avevi già avuto esperienze precedenti..

Si, fortunatamente ho fatto tanto in passato, ho conosciuto produttori ed autori che si sono distinti nella musica per ciò che hanno realizzato o scritto, grazie ai quali ho tratto insegnamenti importanti per la mia crescita artistica. Ho realizzato un Disco prodotto e distribuito da Sony Music, in cui ho interpretato i brani di Battisti/Panella insieme ad un quartetto d’archi, interpretato “ Shattered dreams” che è stata utilizzata per mesi come sigla dell’Eredità in onda su Rai 1 oltre a molte altre cose ed una intensa attività live.

Fai solo cover o anche inediti?

Entrambi, adoro ri-arrangiare le cover con il mio gusto musicale e riproporle senza imitazioni, a volte rischiando ma i grandi nomi che ho citato prima, hanno sempre rischiato e se hanno lasciato il segno un motivo ci sarà. Madonna dice “NO RISK NO GLORY”.

Pesi che realizzerai un tuo album?

Ne sono certa, si realizza un progetto musicale quando si ha qualcosa da comunicare, ora è arrivato il momento di esprimere in musica ciò che sono e che sento.

Che tipo di temi tratteranno le tue canzoni?

Le mie canzoni affronteranno quei temi che ancora la società fatica a riconoscere.. voglio arrivare al loro cuore in punta di piedi, con semplicità e senza invadenza.

C’è qualcosa che vorresti dire al pubblico che ti segue?

Che nulla è normale, al massimo è “Nella Norma”.

Benedetta Spazzoli 

© Riproduzione riservata