Champions League, Juventus-Tottenham: 2-2

Champions League, Juventus-Tottenham: 2-2

La doppietta di Higuain illude, poi l'argentino sbaglia dal dischetto e gli inglesi rimontano con Kane-Eriksen.

323
stampa articolo Scarica pdf

FORMAZIONI UFFICIALI:

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; De Sciglio, Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Bernardeschi, Douglas Costa, Mandzukic; Higuain.

TOTTENHAM (4-2-3-1): Lloris; Aurier, Sanchez, Vertonghen, Davies; Dier, Dembelé; Eriksen, Dele Alli, Lamela; Kane. 

LA PARTITA: 

Avvio di partita assolutamente clamoroso da parte dei bianconeri che iniziano l’incontro mettendo grandissima pressione al Tottenham ed al secondo minuto passano già in vantaggio sugli sviluppi di una combinazione tra Pjanic e Higuain che consente all’attaccante argentino di battere il portiere della formazione inglese Lloris anche se ci sono dei dubbi sulla posizione di partenza dell’attaccante che sembra scattare oltre la linea difensiva del Tottenham. La pressione degli uomini di Allegri continua anche nei minuti successivi e al 10º minuto una combinazione tra Douglas Costa e Mandzukic libera Bernardeschi in area di rigore, con l’ex giocatore della Fiorentina che viene atterrato da Davies e l’arbitro fischia il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta lo stesso Higuain che batte Lloris dando al punteggio una dimensione assolutamente inattesa fin dai primi minuti di gioco. Intorno al quarto d’ora comincia a vedersi in zona offensiva anche il Tottenham che approfittando di un errore in disimpegno della retroguardia bianconera si rende pericoloso con Kane ma l’attaccante viene fermato per posizione irregolare. Pochi minuti più tardi è invece Benatia a rendersi protagonista di un grande intervento difensivo sventando una combinazione tra Kane e Alli in zona molto pericolosa. Stessi protagonisti anche in un’occasione successiva che manda al tiro Alli su invito del compagno di reparto ma l’azione frutta soltanto un calcio d’angolo in quanto il numero 20 non riesce a colpire con forza il pallone. La pressione della formazione inglese si fa man mano più consistente ed al 25º la formazione di Pochettino si rende pericolosissima con una combinazione tra Eriksen e Kane con l’attaccante che colpisce di testa ma trova una strepitosa risposta da parte di Buffon che neutralizza il pericolo. La fase centrale del primo tempo è caratterizzato da grandi ritmi e costanti capovolgimenti di fronte che consentono alla Juventus di sfiorare il terzo gol sugli sviluppi di una splendida azione personale di Higuain che sfiora la tripletta. Pochi istanti più tardi è ancora un duello Kane-Buffon ad infiammare lo Stadium ma anche in questa circostanza è il portiere bianconero ad avere la meglio. Sono comunque tante le avvisaglie di pericolosità del Tottenham che concretizza la grande pressione al 35º sugli sviluppi di un contropiede che consente a Kane di presentarsi a tu per tu con Buffon e batterlo imparabilmente. Sono ancora gli inglesi a spingere anche nei minuti conclusivi della prima frazione con il danese Eriksen che colpisce prima dalla distanza e poi sugli sviluppi di una combinazione col compagno Alli. Nei minuti di recupero sugli sviluppi di un’azione di contropiede Douglas Costa viene atterrato dal difensore colombiano Sanchez in piena area e l’arbitro assegna il secondo calcio di rigore  alla Juventus: sul dischetto si presenta ancora una volta Gonzalo Higuain che sceglie la soluzione di potenza ma la palla va a sbattere sulla traversa.

Anche il secondo tempo comincia con entrambe le squadre che sviluppano trame di gioco su ritmi elevatissimi con continui capovolgimenti di fronte. Una combinazione tra Mandzukic e Bernardeschi permette alla Juve di rendersi pericolosissima nei primi minuti di gioco ma in questa circostanza è bravissimo il portiere del Tottenham ad opporsi alla conclusione del giovane italiano. Nei minuti successivi la gara diventa più spigolosa. Il Tottenham trova il pareggio sugli sviluppi di calcio piazzato al 72º minuto con Christian Eriksen che può battere una punizione da posizione favorevole e batte Buffon facendo passare il pallone sotto la barriera. La reazione dei bianconeri è affidata principalmente alle iniziative individuali ma è sugli sviluppi di una combinazione tra Higuain e Bernardeschi che al 75º la Juventus si rende nuovamente pericolosa dalle parti di Lloris ma la traiettoria disegnata dal fantasista si spegne di poco a lato. All’87º minuto è un’altra iniziativa individuale di Douglas Costa a seminare il panico tra i giocatori del Tottenham che riescono a deviare in calcio d’angolo con Vertonghen. Nonostante gli sforzi offensivi proposti dalla Juventus nel finale di partita il risultato non cambia più e con questo pareggio potrebbe complicarsi notevolmente il cammino degli uomini di Allegri in questa Champions League.

Federico Ceste 

© Riproduzione riservata