Fare Anima Di Acronimo

Venerdì 6 aprile 2018 dalle ore 18 alle 22 Acronimo, in via Tripoli 3b a Roma , presenta 'FARE ANIMA' curata da Paola Aloisio.

stampa articolo Scarica pdf

Acronimo, il progetto che tende a rispondere ad alcuni bisogni riscontrati negli anni dando agli artisti un luogo dove poter esporre e vendere le proprie opere d’arte senza sottostare ai vincoli imposti dal mercato dell’arte, presenta il 6 aprile, nella sede di via Tripoli 6b a Roma “Fare Anima” evento curato da  Paola Aloisio.

Trash Secco e Livia Carpenzano si incontrano in una danza macabra tra sacro e profano, in una riflessione profonda che si concretizza nella rappresentazione di un mondo magico e interiore fatto di materia onirica.

Da un passo di Keats, James Hillman trarrà la formula sintetica di 'Fare Anima' per intendere un estenuante e incessante lavoro di ricerca nell'inconscio e nel circostante. Il percorso di una vita intera che altro non è che la costruzione dell'Anima stessa, un trovare, pensando per immagini, il proprio daimon e scendere a compromessi con lui per compiere il disegno a cui siamo destinati.

Le opere presentate dai due artisti incarnano un viaggio interiore e personalissimo che evoca modelli ancestrali e universali. I lavori, distanti per approccio tecnico, creano una tensione di equilibrio tra il caos materico delle tele di Trash Secco e l'ordine quasi maniacale delle figure su carta di Livia Carpenzano.

Equilibrio formale e d’intenti che si esprime pienamente nelle tre opere cooprodotte per questo progetto.  In una selva di figure disformi e disturbanti troviamo citazioni trasversali: dalle forme anatomiche michelangiolesche fino alle xilografie medievali delle Fiandre; passano da Burri per arrivare all'illustrazione fumettistica di Tamburini.

I due artisti ci mostrano parte dei loro mondi. La visceralità delle icone sacre e dissacranti di Trash Secco, apparizioni che emergono dalla materia scomposta come nuove Sindoni, e le filastrocche illustrate di Livia Carpenzano cariche di erotismo e perversione, in un timido ed elegante gioco di ruolo che chiede solo di essere interpretato con ambiguità. 

Opening: 6 Aprile dalle h. 18:00 alle 22:00 con la presenza degli artisti. Ingresso libero

© Riproduzione riservata