C’eravamo Tanto Odiati

La storia ha una doppia interpretazione , una che racconta la malinconia e la solitudine delle persone anziane,di Alessia Spagna

stampa articolo Scarica pdf


Ritratto di famiglia 3.0 quello di “c’eravamo tanto odiati” ,proposto da Antonia Di Francesco che firma la regia di questa commedia a tratti comica altri estremamente drammatica scritta da Veronica Liberato, questo testo ha vinto il comix off2018.Oscar è un signore di mezza età, vedovo da qualche anno ha due figli Susanna e Giulio, che vivono entrambi lontano e sono in combutta da anni. L’uomo stanco di questa situazione decide che è arrivato il momento di trascorrere più tempo con i suoi figli e risolvere finalmente i vecchi dissapori. Con l’aiuto di Vittoria (il medico di famiglia) e di Auet(un attrice disoccupata che decide di fingersi badante) decide di metter in scena un teatrino e fingersi gravemente malatoSusanna e Giulio, si ritrovano cosi costretti a passare del tempo, sotto lo stesso tetto ,circondati da mille ricordi di famiglia.C’eravamo tanto odiati è una commedia intrigante ,che mescola il dramma familiare (inaffettività emotiva ) e la leggerezza di una situazione comica .Lo spettacolo scorre , ad eccezione di qualche dilungazione iniziale dovuta (e tra l’altro voluta)a una presenza e mai vista (la vicina che osserva come un grande fratello anni 60) la storia ha una doppia interpretazione , una che racconta la malinconia e la solitudine delle persone anziane,al contempo mostra l’incomunicabilità dei giovani ,schiavi dei social network .Spinge a interrogarci quanto la vita sia breve e quanto sia vincolante il giudizio dell’altro che può influenzare le scelte di vita. La vicina spiona ,ad un certo punto scompare,quando i nostri protagonisti iniziano a raccontarsi e a svelarsi.Bellissima storia ,da non perdere .In scena al teatro Pegaso dal 18 al 21ottobre ore 21 ,domenica alle 18 -viale cardinal ginnasi 12-ostia- PWR tutte le info065665208

Interpreti

Alessandro Moser

Giulia Linari

Rossella Nardini

Filippo Valastro

Regia Antonia Di Francesco

Scritto Veronica Liberato

© Riproduzione riservata