PAGELLE LAZIO INTER 29 Ottobre 2018

LAZIO SOFFERENTE CONTRO L'INTER, IMMOBILE E PAROLO GLI ULTIMI AD ARRENDERSI, DIFESA NEL CAOS.

stampa articolo Scarica pdf

Doveva essere una rivincita, poteva essere la svolta per dare un segnale, anche psicologico per la squadra e invece no, ancora una volta l’Inter rimette la Lazio all’angolo, la respinge dalla zona Champions, cosi come aveva fatto a maggio, e manda all’inferno tutto l’ambiente Lazio, che ora dovrà trovare ancora una volta la forza di rialzarsi, di tornare a lottare senza buttare via ciò che fino a ora è stato fatto. Sarà compito in primis di Inzaghi, il mister, di circoscrivere l’evento e tornare a spingere già dalla prossima gara interna contro la Spal.

0 A 3  dice il tabellino, le pagelle della Lazio secondo UnfoldingRoma:

STRAKOSHA 5,5 Prende 3 goal e quindi il voto non può essere sufficiente, ma, tranne il primo, dove ha delle responsabilità, sugli altri due poco poteva fare. Evita la disfatta in altre occasioni.

LUIZ FELIPE 5 In difficoltà per tutta la partita, in un reparto che faceva acqua da tutte le parti e in più ha la colpa sul primo gol, quello che sblocca la partita la indirizza.

ACERBI 5 Partecipa al nubifragio senza poter fare troppo per aiutare i suoi compagni di reparto.

RADU 5 E’ l’ultimo ad arrendersi, lotta, mena, si prende il cartellino giallo, ma non era serata nemmeno per lui. Forse il muro
Leiva manca troppo a questo reparto difensivo.

Dal 78 BASTOS SV

MARUSIC 5,5 Era chiamato alla conferma dopo la prestazione e il gol di Parma, prova non riuscita. Ci mette l’impegno nella fase propositiva, ma è colpevole insieme a Felipe, del primo gol dell’Inter.

PAROLO 5,5 Lottatore, come sempre, ma stavolta gran parte della corsa è a vuoto, si vede poco, anche sotto porta con i suoi inserimenti e sprofonda nel marasma generale negativo della squadra.

BADELJ 5 Al rientro dopo l’infortunio, un rischio per Inzaghi mandarlo in campo, infatti si trova in difficoltà sin da inizio partita, soffre il pressing interista, ma bisogna dire che è troppo solo in mezzo al campo, dove né Parolo né Milinkovic gli danno una mano. Esce per infortunio muscolare nel primo tempo.

Dal 34’ CATALDI 5 E’ un peccato che sia chiamato sempre nell’emergenza, non è un ragazzo fortunato. Non riesce a migliorare la squadra anche se si mette in mostra sui calci piazzati.

MILINKOVIC SAVIC 5 Niente da fare, un passo indietro nella crescita che se anche era di piccoli passi comunque era una crescita. Sembra nascondersi, cosa inusuale per lui, e non trova nessuna invenzione perdendo anche qualche duello sulle palle alte, cosa ancor più strana per Sergente Laziale.

LULIC 5.5 Molte volte si trova in mezzo a soli interisti, prova a fare il solito Lulic ma non è serata, soffre anche nelle ripartenze dove a volte è devastante.

CAICEDO 5,5 vicino alla sufficienza ma può e deve fare di più, lotta con la difesa interista, ma manca ancora di intesa con i compagni, nella fase difensiva lui e Immobile hanno qualche responsabilità nell’iniziare il pressing troppo tardivamente.

Dal 69’ CORREA 6 Sufficienza perché, a risultato oramai quasi acquisito, si mette in mostra e cerca almeno il gol della bandiera con insistenza. Poteva tornare utile forse un po’ prima.

IMMOBILE 5,5 Non riesce a segnare, si innervosisce e questo non lo rende lucido. Corre e lotta come al solito, ma può e deve essere più freddo in queste partite determinanti.

INZAGHI 5 Deve al più presto riuscire a invertire la rotta quando incontra le grandi squadre. Ieri sera ha sofferto l’Inter, non è riuscito come spesso in passato, ad incartare Spalletti. Deve inventarsi qualcosa di nuovo. È vero, l’Inter è più forte della Lazio, appunto ci aspettiamo l’invenzione giusta. Avanti mister.

GIUSEPPE CALVANO 

© Riproduzione riservata