Pagelle / Lazio-Milan 0-0

Il pareggio va stretto ai biancocelesti

stampa articolo Scarica pdf

Lo 0-0 va stretto alla Lazio. Soprattutto nel primo tempo gli uomini di Inzaghi sprecano diverse occasioni, benissimo la retroguardia laziale.

STRAKOSHA 6 Al termine dei 90 minuti si fa fatica a ricordare una sua parata, per lui una serata di normale amministrazione.

BASTOS 7 Recupera in extremis e annienta il temutissimo Piatek con una marcatura perfetta e decisa. Bentornato.

ACERBI 7 Come sempre partita intelligentissima del 33, anche lui non fa mai ragionare Piatek lasciandogli nemmeno le briciole. È insuperabile.

PATRIC 6.5 Dopo alcune prestazioni deludenti fa una gara attenta senza sbavature. Sembra più concentrato.

ROMULO 6.5 Spinge e tanto soprattutto nel primo tempo, finalmente si appropria di una maglia da titolare.

MARUSIC SV (dal 90’) Entra nel finale accompagnato da una bordata di fischi.

PAROLO 6.5 Dà tutto e di più come in ogni gara, gioca dal primo tempo con il fardello dell’ammonizione. 

LUIS ALBERTO 6 (dal 73’) Rientra in campo con l’ovazione dell’Olimpico.

LEIVA 7 Un leone. Partita generosissima del brasiliano, allaccia i reparti, corre, contrasta. Esse nziale.

MILINKOVIC 6.5 A centrocampo giganteggia, fa sentire la sua stazza in ogni contrasto. Prova a sorprendere Donnarumma ma la palla non ne vuole sapere di entrare.

LULIC 6.5 Cuore e polmoni al servizio della Lazio. Con i piedi fa fatica, utile in fase difensiva.

CORREA 6 Due serpentine che fanno girare la testa ai rossoneri, prova spesso l’incursione ma gli manca sempre il guizzo finale.

IMMOBILE 5.5 Poco lucido sottoporta. Ha sul piede un rigore in movimento ma calcia malamente al lato, poi lanciato a rete è sfortunato nel colpire il palo, anche se per fortuna della Lazio il guardalinee alza la bandierina. I suoi gol mancano tantissimo.

CAICEDO 6 (dall’81’) Entra nei minuti finali e prova subito il sinistro. 

INZAGHI 6.5 Lo 0-0 va strettissimo alla Lazio, con un pizzico di lucidità in più il ritorno di Milano avrebbe preso tutta un’altra piega.

Fabio Pochesci 

© Riproduzione riservata