Liberi E Pensanti. A Taranto Primo Maggio Tutto L'Anno

Liberi E Pensanti. A Taranto Primo Maggio Tutto L'Anno

Presentata la sesta edizione dell'Uno Maggio di Taranto alla Casa del Cinema, alla presenza di Michele Riondino, Roy Paci, Diodato, il Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti e Andrea Rivera, tra i conduttori dell'evento. #unomaggioliberoepensante

stampa articolo Scarica pdf

Presentata alla Casa del Cinema di Roma la VI edizione dell'Uno Maggio a Taranto, al grido (o hashtag) di #unomaggioliberoepensante .

"E' paradossale che si parli di Taranto solo in occasione del primo maggio o quando qualcuno di noi rilascia interviste a riguardo, perchè l'attività siderurgica a Taranto è quotidiana e quindi discutibile giornalmente!".

Esordisce così il direttore artistico Michele Riondino, in occasione della conferenza stampa di venerdì 12 aprile 2019 a Villa Borghese, dove il team artistico e di lavoro tarantino si è riunito insieme ai media per presentare la sesta edizione di una manifestazione che continua la sua ascesa verso i grandi numeri. Per questo Riondino, insieme ai colleghi della direzione Roy Paci, Diodato e alla presenza di Andrea Rivera, tra i presentatori dell'uno maggio, non perde occasione per ringraziare i tanti artisti che hanno confermato la loro presenza a titolo gratuito, nella sempre più vivace piazza pugliese, dove tutti i partecipanti faranno reale attivismo grazie alla spinta propulsiva della cultura.

"E' inevitabile per noi riprendere il discorso dalla passata edizione" - continua Riondino, che riparte dal balletto di dati che per quanto siano leggermente migliorati rispetto al passato, continuano ad essere preoccupanti. "A Taranto si continua a morire per l'acciaio. Le mamme di Taranto hanno il 28%in più di diossina nel loro latte con cui crescono i loro figli [...] ed è inevitabile anche pensare ai 5 Stelle che hanno usufruito in prima battuta dei nostri voti, asserendo che il mostro andava chiuso e che oggi invece, guardano ad una conversione economica". Conversione economica che il palco dell'Uno Maggio di Taranto effettua ogni anno, dando posti di lavoro e incrementando il turismo, due cose che al contrario dell'acciaio non uccidono nessuno. Questi e molti altri gli aspetti che verranno esposti in piazza, una piazza completamente autosostenuta, che non gode di finanziamenti come quelli dei sindacati o dell'ENI, ente contro cui il comitato si schiera.

Roy Paci e Diodato presentano il programma artistico della giornata che sarà condotta da Valentina Petrini, Valentina Correani ed uno scatenato Andrea Rivera, che in sede di conferenza non ha perso occasione per intrattenere i media con brevi ed esilaranti giochi di parole. Tra gli artisti presenti si esibiranno a partire dalle 14.00 sul palco del Parco Archeologico delle Mura Greche: Max Gazzè, Elio, Malika Ayane, Colle der fomento, CorVeleno, Andrea Laszlo De Simone, The Winstons, Dimartino, Epo, Mama Marjas, Tre Allegri Ragazzi Morti, Istituto Italiano di Cumbia, Terraross, Bugo, Sick Tamburo, Bobo Rondelli, Maria Antonietta. La lineup resta in attesa di aggiornamento e non mancheranno, anche quest’anno, ospiti provenienti dalla società civile. Atteso il collegamento con Ilaria Cucchi e l'arrivo dello scrittore e vignettista Mauro Biani.

A sostegno della manifestazione ci sono i ristoratori tarantini di cui Sud è capofila, seguito da Dreher e da Sammontana e poi Ecopan e la collecting degli attori Artisti 7607, di cui Riondino è parte attiva e che provvederà alla copertura dei costi SIAE della giornata. E' di queste ore la notizia che la collecting, per la prima volta in Italia, riconoscerà un rimborso per i provini sostenuti dagli attori, che saranno valutati come una vera e propria prestazione professionale. "Un'altra rivoluzione a sostegno degli attori che ci rende orgogliosi", conclude Michele Riondino. Una giornata di attivismo e cultura che sarà trasmessa da Canale85 e dal gruppo Antenna Sud.

© Riproduzione riservata